Linea verde (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linea Verde
Logo del programma
Anno Dal 1981
Genere Documentario
Durata 60 min
Produttore Rai - Radio Televisione Italiana
Presentatore Vari
Regia Stefano Maria Gallo, Lorenzo di Majo, Emilia Mastroianni, Claudio Giusti, Michele Conforti
Rete Rai 1

Rai HD (dal 2013)

Linea Verde è un documentario dedicato al mondo dell'agricoltura, realizzato dalla RAI a partire dal 1981. La trasmissione, in onda all'ora di pranzo alla domenica, ha raccolto l'eredità di omologhi programmi televisivi del passato come A come agricoltura (del 1970), Agricoltura domani, e ancora prima La tv degli agricoltori (del 1955).

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione itinerante offre ogni domenica un viaggio alla scoperta del territorio italiano, della biodiversità e delle eccellenze agroalimentari. Nelle puntate si affrontano temi legati alla complessa realtà agricola italiana con i suoi punti di forza e le sue debolezze. Tra gli interessi che ruotano intorno all'agricoltura, vengono esaminati oltre ai già citati prodotti tipici, le tradizioni, la ricettività rurale dell'agriturismo e la salvaguardia ambientale. Autore e conduttore storico del programma dal 1981 al 1993 è stato Federico Fazzuoli, in seguito sostituito, tra gli altri, da Sandro Vannucci, Paolo Brosio, Paola Saluzzi, Gianfranco Vissani, Massimiliano Ossini, Veronica Maya, Elisa Isoardi. Dall'autunno del 2014 la trasmissione è condotta da Patrizio Roversi e Daniela Ferolla.

La sigla del programma è dal momento della sua nascita il brano è Blade Runner di Vangelis. Successivamente dopo il termine dell'edizione condotta da Federico Fazzuoli, venne sostituita da Il viaggio a Reims di Gioachino Rossini che ha subito delle modifiche e remixaggi nel corso degli anni.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni la trasmissione ha dato vita allo spin-off Linea Verde Orizzonti in onda al mattino al sabato sempre su Rai1. Sulla scia del successo ottenuto da Linea Verde sono in seguito nate le rubriche Linea Blu, dedicata al mondo del mare, e Linea Bianca, dedicata alla montagna. Dal 2016 Linea Verde Orizzonti diventa Linea Verde di Sabato ed è condotto da Marcello Masi, Chiara Giallonardo e Federica De Denaro.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Conduttori
1 1981-1982 Federico Fazzuoli Catherine Spaak Gigliola Cinquetti
2 1982-1983
3 1983-1984
4 1984-1985
5 1985-1986
6 1986-1987
7 1987-1988
8 1988-1989
9 1989-1990
10 1990-1991
11 1991-1992
12 1992-1993
13 1993-1994 Sandro Vannucci
14 1994-1995
15 1995-1996
16 1996-1997
17 1997-1998
18 1998-1999
19 1999-2000 Fabrizio Binacchi
20 2000-2001
21 2001-2002 Fabrizio Del Noce
22 2002-2003 Guido Barendson Beatrice Luzzi
23 2003-2004 Paolo Brosio Gianfranco Vissani Paola Saluzzi
24 2004-2005
25 2005-2006
26 2006-2007 Massimiliano Ossini
27 2007-2008 Veronica Maya
28 2008-2009
29 2009-2010 Eva Crosetta
30 2010-2011 Elisa Isoardi Fabrizio Gatta
31 2011-2012 Eleonora Daniele
32 2012-2013
33 2013-2014 Patrizio Roversi Ingrid Muccitelli
34 2014-2015 Daniela Ferolla
35 2015-2016
36 2016-2017

Spin-off estivo[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anni Conduttori
1 1993 Sandro Vannucci
2 1994
3 1995
4 1996
5 1997
6 1998
7 1999 Fabrizio Binacchi
8 2000
9 2001
10 2002 Fabrizio Del Noce
11 2003 Guido Barendson
12 2004 Paolo Brosio Paola Saluzzi
13 2005
14 2006
15 2007 Massimiliano Ossini
16 2008 Veronica Maya
17 2009
18 2010
19 2011 Elisa Isoardi Fabrizio Gatta
20 2012 Eleonora Daniele
21 2013
22 2014 Patrizio Roversi Ingrid Muccitelli
23 2015 Daniela Ferolla
24 2016

Linea Verde di Sabato[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Conduttori
1 2016-2017 Marcello Masi Chiara Giallonardo Federica De Denaro

Rubriche[modifica | modifica wikitesto]

Meteo Verde[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Meteo Verde.

Rubrica meteorologica del programma che va in onda all'interno di quest'ultimo, assorbita dal 2003 dal Meteo 1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]