Marta Flavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marta Flavi, pseudonimo di Marta Caterina Fiorentino (Roma, 9 aprile 1951[1][2]), è una conduttrice televisiva italiana.

È stata molto popolare nella prima metà degli anni novanta, periodo durante il quale conduceva su Canale 5 il talk show pomeridiano Agenzia matrimoniale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera sull'emittente laziale Quinta Rete, dove svolge la mansione di annunciatrice e presenta per tre stagioni consecutive L'ora dei ragazzi, fortunato contenitore per bambini all'interno del quale vanno in onda cartoni animati giapponesi come Candy Candy, Jeeg Robot d'acciaio e Bia, la sfida della magia. Viene notata dalla RAI che le propone la conduzione di alcuni programmi per ragazzi.[1] Il 7 giugno 1989 ha sposato il presentatore e giornalista Maurizio Costanzo, divenendo la sua terza moglie. Il matrimonio tra i due è stato molto breve ed è terminato con una separazione poco più di un anno dopo, nel dicembre 1990, a cui è seguito poi il divorzio nel 1994.[1]

Agenzia matrimoniale[modifica | modifica wikitesto]

Il programma che le ha dato maggiore fama è stato Agenzia matrimoniale, condotto su Canale 5 per ben sei anni, dal 1989 al 1995.[1] Lo show era prodotto da Maurizio Costanzo con la Fortuna Audiovisivi. Il talk show si svolgeva in un salotto accogliente e intimo dove la conduttrice ascoltava "cuori solitari" in cerca di un'anima gemella, dispensando buoni consigli con uno stile pacato e dolce. Il successo della trasmissione è stato determinato da buoni dati di ascolto e dalla quantità di richieste di partecipazione che giungevano quotidianamente alla redazione del programma. Ciò ha portato, nella stagione 1992-93, alla nascita di uno spin-off, Ti amo... parliamone,[1] in onda su Canale 5 a seguito di Agenzia matrimoniale e sempre condotto da lei, in cui l'ospite sfruttava lo spazio televisivo per lanciare un appello alla persona amata. Grazie al successo ottenuto dalla trasmissione, la Flavi è diventata una delle personalità televisive più popolari di quel periodo, al punto di essere imitata dall'attrice comica Francesca Reggiani in varie trasmissioni satiriche.

Nel 1992 ha condotto su Rete 4, assieme a Fabio Testi, lo speciale di prima serata L'amore comincia a 40 anni... di Sentieri trasmissione dedicata ai quarant'anni della soap opera statunitense Sentieri.

Nella stagione 1994-95 ha condotto anche il programma di televendite mattutine Grandi magazzini in onda tutti i giorni su Italia 1, in cui la Flavi si alternava con Marco Predolin, Paola Barale e Natalia Estrada e prodotto dalla Bongiorno Productions, la società di Mike Bongiorno (che condusse la prima puntata).[3]

A seguito di un notevole calo di ascolti registrato tra l'autunno 1994 e l'inverno 1995, nella primavera 1995 Agenzia matrimoniale è stato dapprima retrocesso da Canale 5 a Rete 4 e poi, alla fine della stagione, cancellato dai palinsesti; è tornato in onda solo nella primavera successiva, con una nuova formula, una nuova conduttrice (Barbara d'Urso) ed un nuovo titolo (Agenzia); rimasta senza il suo programma e scaduto il suo contratto, la Flavi ha terminato così la sua esperienza lavorativa sulle reti del gruppo Mediaset (all'epoca chiamato Fininvest).[1]

Dopo il successo[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione televisiva 1995-96, è passata dunque in RAI, conducendo, con la partecipazione di Gianni Ippoliti, Alle cinque della sera, un programma d'infotainment incentrato su temi di attualità e cronaca con la partecipazione del pubblico in studio ai vari dibattiti, in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì su Rai 3 nel tardo pomeriggio;[1] la concorrenza interna de L'Italia in diretta (divenuto in seguito La cronaca in diretta e poi La vita in diretta), programma dello stesso genere in onda nella stessa fascia oraria su Rai 2 con la conduzione di Alda D'Eusanio, ha determinato gli scarsi ascolti della trasmissione condotta dalla Flavi che è stata così cancellata dopo una sola stagione.

In seguito la conduttrice non è riuscita più a trovare un proprio spazio all'interno dei palinsesti della TV pubblica italiana, anche se ha partecipato come ospite od opinionista a moltissimi programmi di intrattenimento della RAI ed in particolare è intervenuta molto spesso in trasmissioni come L'Italia sul 2 su Rai 2 e Verdetto finale su Rai 1.

Nel 1998 è apparsa in un breve cameo, nel ruolo di sé stessa, nel film Laura non c'è, diretto da Antonio Bonifacio.

Dal 2007 in poi conduce vari spazi all'interno del contenitore radiofonico notturno La mezzanotte di Radio 2 su Rai Radio 2, dove in passato aveva già condotto La notte dei peccati.[1]

Nella stagione televisiva 2009-2010 ha condotto su Rai 1 il sabato e la domenica mattina la rubrica Mi Manchi all'interno del programma Unomattina Weekend. La rubrica Mi Manchi dava la possibilità a persone che si erano perse di vista, come amici e parenti, di rimettersi in contatto tra di loro. L'interessato si presentava in studio e dopo aver raccontato la sua storia alla conduttrice, lanciava un appello in cerca di un vecchio amico o di un parente o in alcuni casi tentando di recuperare un'amicizia ormai finita.

Da alcuni anni (anche a seguito dei suoi trascorsi come conduttrice di Agenzia matrimoniale) Marta Flavi cura una rubrica di posta del cuore per il settimanale di gossip Nuovo.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Grasso, p. 299
  2. ^ Gianluigi Maino. Scheda di Marta Flavi su cinquantamila.corriere.it, Corriere della Sera, 5 marzo 2014.
  3. ^ Baroni, p. 210

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]