Leonardo Sbaraglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leonardo Sbaraglia nel 2015

Leonardo Máximo Sbaraglia (Buenos Aires, 30 giugno 1970) è un attore argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte, la madre Roxana Randon è un'attrice e direttrice di una scuola di recitazione. Debuttò giovanissimo, a 16 anni, nel film drammatico La notte delle matite spezzate, ispirato ad un fatto realmente avvenuto, durante la repressione dei movimenti studenteschi, avvenuta nel 1976 in Argentina durante la guerra sporca. Dopo un debutto così drammatico recitò per sette anni in serie televisive argentine. Divenne popolare con la prima Clave de sol indirizzata ad un pubblico di adolescenti.

Nel 1993 iniziò il periodo argentino in cui alternò cinema a teatro, recitando in molti film del regista Marcelo Piñeyro dall'opera prima del regista (Tango Feroz: La leyenda de tanguito) al film del 2000 Plata quemada, con cui vinsero il Premio Goya per il miglior film straniero in lingua spagnola. Il film co-prodotto fra paesi sudamericani ed europei (Argentina, Uruguay, Spagna e Francia) fu l'inizio del periodo spagnolo ed europeo di Leonardo Sbaraglia.

Dal 2001 si trasferì in Spagna e con il primo film, Intacto, nello stesso anno, vinse il Premio Goya per il miglior attore rivelazione. Appartengono al suo periodo europeo due film di coproduzione italiana. Il primo Nowhere diretto da Luis Sepúlveda ambientato in una dittatura sudamericana e il secondo Per amare Carmen diretto da Vicente Aranda. Nel 2007 esce in Spagna (e resta molto poco nelle sale) il film Concursante. Nel 2009 esce anche in Italia il film Valérie - Diario di una ninfomane di Christian Molina, tratto dall'omonimo romanzo di Valérie Tasso. Nel 2019 recita in Dolor y gloria, diretto da Pedro Almodóvar.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato dal 2001 con la scultrice Guadalupe Marin, da cui ha avuto una figlia, Julia, nata nel 2005.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56930791 · ISNI (EN0000 0001 1764 9234 · LCCN (ENnr98035302 · BNF (FRcb155847039 (data) · WorldCat Identities (ENnr98-035302