Valérie - Diario di una ninfomane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valérie - Diario di una ninfomane
Valerie Diario di una Ninfomane.png
Titolo originale Diario de una Ninfómana
Paese di produzione Spagna
Anno 2008
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, erotico
Regia Christian Molina
Soggetto Valerie Tasso (romanzo)
Sceneggiatura Barbara Alberti, Cristiana Farina, Luca Guadagnino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Valérie - Diario di una ninfomane (Diario de una Ninfómana) è un film del 2008 diretto dal regista Christian Molina. È ispirato al romanzo omonimo di Valérie Tasso, interpretata da Belen Fabra.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Valérie è una bella e affascinante ragazza francese, colta e di ottima famiglia. All'età di 14 anni Valérie ha perso la verginità e da quel giorno non smette di pensare al sesso.

All'età di 28 anni conosce Jaime, un uomo romantico che ama riempirla sempre di nuovi regali; i due si innamorano e dopo pochi giorni decidono di andare a convivere. Il loro primo rapporto sessuale dura poco ma finalmente Valérie riesce a fare l'amore col trasporto di una donna innamorata.

Valérie essendo stata licenziata dal suo vecchio datore di lavoro riesce, dopo un certo periodo, a trovare un altro impiego ed inizia da subito a lavorare. Jaime, geloso e possessivo, pensando che lei possa andare a letto con il suo nuovo capo, si reca a sorpresa sul posto di lavoro trovandolo seduto sulla scrivania di lei e che stanno lavorando tranquillamente: travisando la situazione inizia a minacciarlo facendo una scenata.

Un giorno, mentre Valérie torna a casa dal lavoro stanca e esausta, trova il proprio fidanzato drogato e ubriaco insieme ad una prostituta sul divano che le avanza la proposta di formare un trio. Da lì nasce un ennesimo litigio e Valérie, stufa dei gravi disturbi della personalità di cui soffre il compagno, con l'aiuto della sua amica Sonia riesce a lasciare la casa dove conviveva con Jaime e torna a vivere da sola.

Sonia riesce a tirarla su di morale e Valérie decide di andare a prostituirsi: nella casa d'appuntamenti incontra vari uomini che iniziano a dominarla e altri che la fanno solo soffrire. Da ultimo incontra un uomo su una sedia a rotelle a causa di un incidente che dice a Valérie quanto rimpianga i tempi precedenti all'incidente, quando riusciva a toccare e a vivere normalmente, così suggerisce a Valérie di riprendersi in mano la sua vita finché è in tempo. Valérie, ascoltando il suo consiglio, abbandona il mondo della prostituzione e corre a casa della sua amica Sonia dandole un regalo, ringraziandola e decidendo di tornare a vivere assecondando la propria natura.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema