Laurisilva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laurisilva nell'isola di Madera
Laurisilva nell'isola di La Gomera

La laurisilva o laurissilva ("foresta di lauri") è una tipologia di foresta sempreverde tipica delle isole della Macaronesia, così chiamata per la predominanza di specie della famiglia delle Lauracee.

Le foreste sono composte da lauri sempreverdi che raggiungono i 40 metri di altezza. Sono una preziosa reliquia delle foreste plioceniche subtropicali.

Le foreste della Macaronesia sono resti di una vegetazione che originariamente copriva buona parte del bacino del Mediterraneo, quando il clima della regione era più umido. Quando iniziò a ritirarsi il mar Mediterraneo durante il pliocene, le foreste regredirono, rimpiazzate da vegetazione più resistente alla siccità. La laurisilva rimasta attorno al Mediterraneo scomparve circa 10 000 anni fa, verso la fine del pleistocene, nonostante ne esista ancora qualche esempio nelle zone montuose della Spagna meridionale, nel centro-nord del Portogallo e nel nord del Marocco. Due specie tipiche della laurisilva (alloro e agrifoglio) rimangono molto comuni nella parte meridionale dell'Europa. La posizione della Macaronesia permette di mitigare le fluttuazioni climatiche, mantenendo l'umidità ed un clima temperato che permette alle foreste di sopravvivere anche oggi.

In precedenza la laurisilva copriva buona parte delle Azzorre e di Madera, oltre a parte delle Canarie occidentali, ma vennero ridotte in seguito al disboscamento, allo sviluppo dell'agricoltura e del pascolo, ed all'invasione di specie native di altre regioni.

Laurisilva di Madera[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Laurisilva di Madera.

La parte più grande dell'attuale laurisilva si trova a Madera, dove si spande su un'altitudine che va dai 300 ai 1400 metri d'altezza sul versante settentrionale, coprendo 149,5 km². La laurisilva di Madera è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1999.[1]

Laurisilva delle Canarie[modifica | modifica wikitesto]

Le formazioni più estese di laurisilva delle Canarie si trovano a:

Laurisilva delle Azzorre[modifica | modifica wikitesto]

Nelle Azzorre si trovano piccoli appezzamenti di laurisilva sull'isola di Pico, a Terceira e sull'isola di São Miguel.

Altre aree di Laurisilva[modifica | modifica wikitesto]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Nella laurisilva afromontana le Lauracee sono meno dominanti, limitate ai generi Ocotea e Beilschmiedia; le fagacee sono assenti, e le specie preponderanti sono: Apodytes dimidiata, Ilex mitis, Nuxia congesta, N. floribunda, Kiggelaria africana, Prunus africana, Rapanea melanophloeos, Halleria lucida, Ocotea bullata e Xymalos monospora, nonché due conifere: Afrocarpus falcatus e Podocarpus latifolius.[5]

Lembi più o meno estesi di laurisilva afromontana si trovano nelle seguenti ecoregioni dell'ecozona afrotropicale:

America[modifica | modifica wikitesto]

Messico e America Centrale[modifica | modifica wikitesto]
Cile e Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Asia orientale[modifica | modifica wikitesto]
Malesia, Indonesia e Filippine[modifica | modifica wikitesto]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Le uniche formazioni di laurisilva dell'Europa continentale si trovano nell'estremità meridionale della penisola iberica all'interno del Parco naturale Los Alcornocales.[7] Nel bacino del Mediterraneo lembi relitti di laurisilva sono presenti in alcune isole del mar Egeo.

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Nuova Guinea[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Laurisilva of Madeira, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 maggio 2017.
  2. ^ (ES) Garajonay National Park, su whc.unesco.org. URL consultato il 30 maggio 2017.
  3. ^ (EN) Macizo de Anaga, su unesco.org. URL consultato il 30 maggio 2017.
  4. ^ (EN) La Palma, su unesco.org. URL consultato il 30 maggio 2017.
  5. ^ (EN) Tagawa H., Distribution of lucidophyll Oak – Laurel forest formation in Asia and other areas, in Tropics, vol. 5, 1/2, 1995, pp. 1–40, DOI:10.3759/tropics.5.1.
  6. ^ (EN) Valdivian temperate forest, su worldwildlife.org. URL consultato il 15 settembre 2017.
  7. ^ (ES) Parque Natural los Alcornocales, Consejería de Medioambiente de la Junta de Andalucía.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4349975-2