Catena Costiera (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 39°13′07″N 16°07′59″E / 39.218611°N 16.133056°E39.218611; 16.133056

Catena Costiera
Cocuzzo.JPG
Il monte Cocuzzo (o Papogna), la maggiore cima della Catena Costiera.
Continente Europa
Stati Italia Italia
Catena principale Appennino calabro
Cima più elevata Monte Cocuzzo (o Papogna) (1.541 m s.l.m.)
Lunghezza 73 km

La Catena Costiera (o Catena Paolana) è una breve catena montuosa che rappresentano la prima fascia montana dell'Appennino calabro. Si estende per circa 73 km in maniera parallela alla linea di costa tirrenica tra il Passo dello Scalone, a nord, e la foce del fiume Savuto, a sud, che la separa dal settore sud-occidentale della Sila Piccola, all'interno della provincia di Cosenza.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I dolci rilievi della Catena Costiera sono macchiati da nord e fino a un certo punto a sud, da grandi e belle faggete tra le più selvagge della Calabria. Boschi solenni inondati, per l'estrema vicinanza del mar Tirreno, da nebbie persistenti, che favoriscono un microclima fresco che garantisce una vegetazione di montagna a quote decisamente basse. Per l'estrema umidità, sul versante che si affaccia direttamente sul mare, già dai 500 metri si hanno le prime faggete.

Nell'entroterra di Fiumefreddo Bruzio ed Amantea il paesaggio cambia completamente, le cime dei monti non si presentano più arrotondate, bensì ricche di frastagli rocciosi, le pendici non sono più ricoperte da boschi fitti e ininterrotti, ma da formazioni rade costellate di praterie e disseminate di massi. I rilievi, grandiosamente imponenti, ricordano sotto molti aspetti i Monti di Orsomarso, ma sono solo un'isola all'interno di un regno immacolato di foreste.

Questo è il trono di monte Cocuzzo (o Papogna) (1.541 m), cima maggiore della Catena Costiera e belvedere tra i più incantevoli della Calabria. Da questa cima si domina la maggior parte della costa tirrenica, dal Cilento fino a Capo Vaticano, le Isole Eolie, l'Etna, i monti di Orsomarso, il massiccio del Pollino, la valle del Crati con Cosenza, le vette della Sila, la catena delle Serre calabresi, l'entroterra di Vibo Valentia e l'Aspromonte.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]