La lingua del santo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da La lingua del Santo)
Jump to navigation Jump to search
La lingua del santo
La lingua del santo.jpg
Antonio (Antonio Albanese) e Willy (Fabrizio Bentivoglio)
Titolo originaleLa lingua del santo
Paese di produzioneItalia
Anno2000
Durata110 min
Generecommedia
RegiaCarlo Mazzacurati
SceneggiaturaFranco Bernini, Umberto Contarello, Carlo Mazzacurati, Marco Pettenello
ProduttoreMarco Poccioni, Marco Valsania
Casa di produzioneMedusa Film, Rodeo Drive
Distribuzione in italianoMedusa Distribuzione
FotografiaAlessandro Pesci
MontaggioPaolo Cottignola
MusicheIvano Fossati
ScenografiaLeonardo Scarpa
Interpreti e personaggi

La lingua del santo è un film del 2000 diretto da Carlo Mazzacurati, ambientato tra Padova, i Colli Euganei e la laguna veneta.

Il film si ispira a un fatto di cronaca avvenuto il 10 ottobre 1991, quando la reliquia del mento di Sant'Antonio di Padova (e non la lingua, che è conservata in un diverso reliquiario) fu trafugata dalla basilica del Santo e ritrovata due mesi dopo in circostanze misteriose vicino a Roma. Venti anni più tardi Felice Maniero, in un'intervista rilasciata al Messaggero di Sant'Antonio, affermò di essere stato il mandante del furto, che nelle sue intenzioni era mirato proprio alla lingua del Santo[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Veneto, primi anni del Duemila. Willy e Antonio, due amici disoccupati per vivere s'arrangiano con piccoli furti: il primo è un agente di commercio, il secondo un vecchio giocatore semiprofessionista di rugby a 15. Una notte, mentre stanno scassinando la cassa con le offerte dei credenti, all'interno della basilica del Santo a Padova, si accorgono della presenza della reliquia molto venerata di Sant'Antonio e decidono di appropriarsene per chiedere il riscatto. Un ricco commerciante della zona, assai devoto al santo, si offre come mediatore, tirando anche fuori di tasca sua il miliardo di lire richiesto dai due rapitori. Il fatto solleva un gran polverone e Willy e Antonio devono organizzare uno scambio molto pericoloso. Il primo tentativo di scambiare la reliquia con il miliardo non si concretizza per la presenza delle forze dell'ordine, mentre al secondo tentativo, riescono a prendere la borsa con i soldi, ma sono subito braccati dai Carabinieri. A quel punto, fuggiti attraverso la laguna veneziana con una piccola ma veloce barca da pescatori, i due giungono a un doloroso accordo che cambierà per sempre le loro vite.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Lo sceneggiatore Marco Pettenello ha rivelato che per la realizzazione del film lui e Carlo Mazzacurati si sono ispirati a Il grande Lebowski dei fratelli Coen, apprezzando particolarmente il genere di comicità presente nelle loro opere[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Felice Maniero: «Rubai le reliquie per ricattare lo Stato» - Cronaca - il Mattino di Padova, su mattinopadova.gelocal.it. URL consultato l'11 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2018).
  2. ^ Davide Turrini, Carlo Mazzacurati, l’omaggio della Cineteca di Bologna al regista scomparso, in Il Fatto Quotidiano, 11 marzo 2014. URL consultato il 20 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema