La cugina Bette (film 1998)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cugina Bette
Titolo originale Cousin Bette
Paese di produzione Gran Bretagna, Stati Uniti
Anno 1998
Durata 108'
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Des McAnuff
Soggetto Honorè de Balzac
Sceneggiatura Lynn Siefert Susan Tarr
Fotografia Andrzej Sekula
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La cugina Bette è un film del 1998 di Des McAnuff, tratto dall'omonimo romanzo di Honoré de Balzac.

Tra gli attori: Jessica Lange, Elizabeth Shue, Hugh Laurie, Geraldine Chaplin e Bob Hoskins.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bette vive in un povero appartamento nella periferia parigina ed è costantemente sottoposta alle angherie della vita, invidiando la bella e dolce cugina Adeline che, grazie ad un matrimonio vantaggioso, è diventata baronessa e la cui famiglia non manca occasione per far pesare a Bette la propria superiorità sociale. Bette è da anni innamorata del Barone Hector(che aveva conosciuto le due cugine insieme), marito della cugina, e alla morte della donna spera di prendere il suo posto, ma il barone dopo un discorso toccante le chiede di diventare la governante della casa e della figlia adolescente Hortense. Seppur umiliata dalle parole del Barone, Bette accetta l'incarico. Oltre a questa incombenza, Bette è sarta e costumista in un teatro dove con la sua bravura e prontezza di spirito si guadagna l'amicizia della seducente Jenny ,cantante e ballerina di punta nonché abile cortigiana, amante del ricco Cesar Crevel e corteggiata tra gli altri anche da Hector, che lei ha sempre ignorato. Bette cerca di colmare le sue amarezze accudendo il suo vicino di casa , il bellissimo e squattrinato artista Wenceslas,che ha salvato dal suicidio. A poco a poco Bette si innamora dell'uomo e cerca di aiutarlo sia dandogli da mangiare che spronandolo a lavorare seriamente. Incuriosita dall'insolita allegria di Bette, Hortense cerca di capirne il motivo, e una volta visto Wenceslas, cerca di conoscerlo, acquistando una delle sue sculture. I due ragazzi si innamorano subito e Hortense è fin troppo compiaciuta di aver sottratto l'innamorato alla povera Bette, trattandola con disprezzo e comunicandole il matrimonio imminente tra lei e Wenceslas. Inoltre Jenny, che cerca di spingere Bette a curarsi di più come donna e ad usare le arti femminili, racconta dei pettegolezzi a Bette(senza sapere che l'oggetto è proprio l'amica) proprio su Wenceslas, di cui in giro si racconta che viva con una vecchia megera che lo costringe a lavorare incessantemente. L'ennesima umiliazione è troppo per Bette, che decide di vendicarsi di tutti coloro che hanno maltrattata.

Al matrimonio di Hortense e Wenceslas la donna non lascia trapelare nulla, ma riesce a fare in modo che Jenny accetti finalmente la corte di Hector e diventi al tempo stesso l'amante di Wenceslas, cosa che la donna fa prontamente, ammaliata dalla bellezza del ragazzo. Hector, già pieno di debiti a causa del suo libertinaggio, ne contrae ancora di più per fare regali costosi alla sua amante, indebitandosi con Crevel, che diventa furibondo quando scopre che l'uomo gli sta soffiando i favori di Jenny con i suoi soldi. La famiglia è praticamente sul lastrico e Wenceslas, che si è subito adattato alla vita dissoluta della sua nuova famiglia, passa il tempo tra i divertimenti e la sua amante, al punto di trascurare la grossa commissione lavorativa che aveva ottenuto da uno zio generale, parente di Bette e Hortense. Il giorno dell'inaugurazione della statua commemorativa è un disastro, in quanto l'opera è stata realizzata a metà. il tracollo finanziario è assicurato e a nulla valgono le intercessioni di Hortense a Crevel , che dopo aver ceduto in un primo momento alle suppliche, nega ogni aiuto dopo avere scoperto Jenny e Wenceslas a letto insieme. Dopo che Crevel uccide il giovane in duello,Hortense muore di crepacuore. Ora la vendetta di Bette è completa: nel finale si vede la donna che decide di prendersi cura di Hector che, povero e ammalato, ora ha solo lei al mondo e del figlio di Hortense e Wenceslas,ormai orfano. La donna ha fatto pagare a tutti un duro prezzo per avere finalmente la sua piccola famiglia.

Differenze con il romanzo[modifica | modifica wikitesto]

Nel romanzo omonimo da cui il film è tratto la cugina Adeline non muore all'inizio ma alla fine dell'opera, inoltre Bette non riesce a consumare la sua vendetta: la famiglia della cugina si riesce in parte a risollevare dai problemi finanziari e Hector sposa una domestica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) La cugina Bette, in Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema