La Sportiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Sportiva
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1928 a Tesero
Fondata daNarciso Delladio
Sede principaleZiano di Fiemme
Persone chiave Lorenzo Delladio presidente e amministratore delegato
Fatturato100 milioni di [1] (2017)
Dipendenti300 (2017)
Slogan«Innovation with passion»
Sito webwww.lasportiva.com
Sportive footwear animation
Animazione calzature Sportiva

La Sportiva è un'azienda italiana che produce calzature ed abbigliamento tecnico dedicato agli sport di montagna.

È tra i leader mondiali nella vendita di scarpette da arrampicata e scarponi d'alta montagna. Nel suo catalogo ci sono anche scarponi da escursionismo e da arrampicata su ghiaccio, scarpe da trail running, scarponi dedicati al mondo dello sci alpinismo ed abbigliamento tecnico da montagna e sci alpinismo.

La sede principale si trova a Ziano di Fiemme, in Trentino Alto-Adige, dove vengono prodotti tutti i modelli più tecnici e di alta gamma. L'azienda si affida ad altri due centri produttivi situati a Montebelluna, in provincia di Treviso, e in Cina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia dell'azienda inizia negli anni venti in Trentino-Alto Adige dove il fondatore, Narciso Delladio, un calzolaio, costruisce artigianalmente zoccoli di legno e scarponi di pelle per gli agricoltori e boscaioli della Val di Fiemme e della Val di Fassa. La fondazione si fa risalire al 1928 con la partecipazione di Delladio alla Fiera Campionaria di Milano. Il nome dell'azienda allora era Calzoleria Sportiva.[2]

Risale alla fine degli anni quaranta il brevetto relativo ad uno speciale sistema di allacciatura che sarà utilizzato successivamente della più importanti fabbriche di calzature. La fine della guerra porta a un'ulteriore crescita della domanda di scarponi da montagna, cosa che spinge Narciso Delladio ad assumere nuovi collaboratori.

Negli anni cinquanta entra a far parte dell'azienda la seconda generazione Delladio con il figlio Francesco. L'azienda apre un laboratorio a Tesero dove si fabbricano scarponi da sci e il nome cambia in La Sportiva. Il marchio inizia a varcare i confini europei, facendosi conoscere grazie ad un campionario estivo ed invernale completo ed innovativo.

Negli anni settanta entra nell'azienda la terza generazione Delladio con i figli di Francesco, Lorenzo, Marco e Luciano. Con l'avvento degli scarponi da sci in plastica, il settore viene lentamente abbandonato e l'azienda si concentra sugli scarponi da montagna.

Gli anni ottanta segnano il passaggio alla produzione di scarpette da free climbing ed i più forti arrampicatori al mondo iniziano ad usare le scarpette La Sportiva. Heinz Mariacher, Luisa Iovane, Manolo, Roberto Bassi, Stefan Glowacz, Didier Raboutou e altri si arrampicano con i modelli Mariacher, Mega, Kendo e Tao.

Nel 1991, dalla collaborazione tra Giuliano Jellici ed alcuni tra gli atleti dell'azienda, nasce il modello Mythos. Nello stesso anno viene acquisito il 50% di una società francese che si trasforma in La Sportiva France. Nel 1995 la sede di Tesero evidenzia i segni di un sotto-dimensionamento rispetto alle nuove esigenze produttive ed organizzative. Si dà quindi il via ai lavori del modernissimo stabilimento a Ziano di Fiemme, ai piedi delle Dolomiti, che verrà inaugurato nel 1996.[2]

Nel 1997 esce dall'azienda uno dei tre fratelli, Luciano. E nel 1998 entra nel capitale dell'azienda The North Face, società americana leader nel settore dell'abbigliamento e equipaggiamento per lo sport outdoor: inizialmente con il 20% destinato, secondo gli accordi, a raggiungere il 51% nell'arco di cinque anni. Parallelamente The North Face diventa il distributore esclusivo dei prodotti La Sportiva per il Nord America. L'intesa crea però qualche problema e due anni più tardi, nel 2000, la famiglia Delladio chiede l'annullamento dell'accordo e riacquista la quota ceduta nel 1998.[2]

Con il passare degli anni aumentano i modelli presenti nel catalogo dell'azienda, passando dal free climbing all'alpinismo estremo. Nel 2009 viene introdotto Stratos, scarpone dedicato allo sci alpinismo che adotta nuove soluzioni tecniche.

Nel maggio 2011 è raggiunto un maxi accordo con una società cinese, la Fulgent Sun Group, già da anni partner produttivo: viene costituita la Fujian La Sportiva Co. per la distribuzione.[3] Sempre nel 2011 viene presentata alla fiera outdoor Ispo di Monaco di Baviera la prima collezione apparel che uscirà nei negozi di tutto il mondo durante la stagione invernale 2012-2013.

Nell'ottobre 2017 Lorenzo rileva le quote del fratello Marco, diventando l'unico azionista dell'azienda[1] in cui già da tempo c'è anche una esponente della quarta generazione Delladio, Giulia, con il ruolo di responsabile delle strategie di marketing.

Scarpette e Scarponi[modifica | modifica wikitesto]

Nel seguente elenco alcuni dei prodotti più famosi dall'azienda, con la data di introduzione:

  • Alta Quota, 1970, scarpone da montagna utilizzato per diverse spedizioni sul Lhotse
  • Winkler, 1976, prima scarpetta d'arrampicata in pelle con suola liscia
  • Mariacher, 1980, dal nome di Heinz Mariacher, collaboratore e tester dell'azienda
  • Ballerina, 1984, il primo modello di scarpetta ballerina dell'azienda
  • Mega, 1986, dal nome del bar Mega Bar frequentato da Mariacher[4]
  • Kendo, 1988, concepita soprattutto per l'arrampicata sportiva
  • Mythos, 1991, scarpetta tuttora presente nel catalogo[5][6]
  • Nepal Top, 1992, scarpone d'alpinismo ancora presente nel catalogo
  • Miura, 1997, scarpetta utilizzata da arrampicatori di punta[7]
  • Trango Extreme, 1998, calzatura tecnica per l'arrampicata su ghiaccio
  • Katana, 2001, scarpetta polivalente
  • Olympus Mons, 2002, utilizzato nell'alpinismo estremo
  • Testarossa, 2003
  • Solution, 2007, utilizzata soprattutto come scarpetta da bouldering
  • Crosslite, 2008, scarpa da Mountain Running particolarmente leggera e reattiva che darà il via ad una sempre più ampia gamma prodotti dedicata alla corsa in montagna
  • Stratos, 2009, scarpone da sci alpinismo realizzato interamente in carbonio
  • Futura, 2012, scarpetta che adotta il sistema no-edge come anche il modello speedster
  • Stratos Cube, 2013, scarpone da sci alpinismo da competizione (peso inferiore ai 470 grammi)

Atleti[modifica | modifica wikitesto]

Nel seguente elenco alcuni dei più noti atleti sponsorizzati dall'azienda, per attività:[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Riassetto a La Sportiva, Lorenzo Delladio sale al 100%, su ladige.it, 16 ottobre 2017. URL consultato il 10 marzo 2018.
  2. ^ a b c La Sportiva, storia, su lasportiva.com. URL consultato il 10 marzo 2018.
  3. ^ La Sportiva, siglato un maxi-accordo con la Cina, su giornaletrentino.it, 5 maggio 2011. URL consultato l'11 marzo 2012.
  4. ^ (EN) Climbing Dictionary [collegamento interrotto], su climbing.com. URL consultato il 10 marzo 2012.
  5. ^ Mythos Anniversary edition: festeggia con noi i 20 anni della storica scarpetta!, su lasportiva.com. URL consultato il 13 marzo 2012.
  6. ^ “MYTHOS” ANNIVERSARY 20 anni della storica scarpetta d’arrampicata, su mountainblog.it. URL consultato il 13 marzo 2012.
  7. ^ (EN) The Best of Gear: Hall of Famers [collegamento interrotto], su climbing.com. URL consultato il 13 marzo 2012.
  8. ^ athletes, su lasportiva.com. URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Studio Ferri, 1928-2003, Verona, Cortella, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]