Kinder Happy Hippo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kinder Happy Hippo
Kinder Happy Hippo from Germany.jpg
Categoria Dolci
Tipo Snack
Marca Kinder
Anno di creazione 2004
Nazione Italia Italia
Ingredienti Zucchero, olio vegetale e grasso, latte scremato in polvere (13%), nocciole (12,5%), farina di frumento, latte intero in polvere (7,5%), siero di latte in polvere, emulsionante: lecitine (di soia), proteine del latte, agenti lievitanti (bicarbonato di sodio, carbonato d'ammonio), sale, vanillina, polvere di cacao in magro.
Valori nutrizionali medi in 100 g
Valore energetico 587 Kcal/2445 kj
Proteine 8,5 g
Carboidrati 50,1 g
di cui zuccheri 43 g
Grassi 38,9 g
di cui saturi 16,8 g
Sito Sito ufficiale

Kinder Happy Hippo è uno snack alla nocciola prodotto dalla Kinder, linea dedicata al cioccolato della Ferrero. Si tratta di un wafer a forma di ippopotamo, ripieno di crema alla nocciola e decorato con della glassa friabile nella parte inferiore dello snack, la quale può essere al cioccolato al latte o al cioccolato bianco[1].Nel 2013 - 2014 è stato tolto dal mercato italiano; nel marzo del 2016 è tornato in commercio. Il suo nome deriva appunto dal suo aspetto, ispirato chiaramente a un ippopotamo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 Kinder Happy Hippo è distribuito, per quanto riguarda l'Europa, nei seguenti paesi: Spagna, Germania, Grecia, Portogallo, Romania, Regno Unito.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La pubblicità del Kinder Happy Hippo è abbastanza famosa anche all'estero per via della sua particolarità, in quanto mostra un ippopotamo animato al computer che cerca di cantare The Lion Sleeps Tonight mentre disturbato da un cane, anch'esso animato al computer, attraverso dei balli bizzarri. I due personaggi provengono dal cartone animato francese Pat & Stan[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kinder Happy Hippo, su ferrero.co.uk. URL consultato il 1/10/2014.
  2. ^ Pubblicità Kinder Happy Hippo Musica Spot Canzone, su spotlandia.com. URL consultato il 1/10/2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina