Jurij Trofimov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jurij Trofimov
Yury Trofimov - Critérium du Dauphiné 2012 - Prologue.jpg
Jurij Trofimov al Critérium du Dauphiné 2012
Nome Jurij Viktorovič Trofimov
Nazionalità Russia Russia
Altezza 169[1] cm
Peso 59[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, mountain bike
Squadra Tinkoff
Carriera
Squadre di club
2007 Moscow Stars
2008 Bouygues Télécom
2009-2010 Bbox Bouygues Tel.
2011- Katusha
2014-2015 Tinkoff-Saxo
2016- Tinkoff
Nazionale
2004 Russia Russia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali di mountain bike
Argento Kaprun 2002 XC Juniores
Oro Livigno 2005 XC Under-23
Statistiche aggiornate al 5 settembre 2016

Jurij Viktorovič Trofimov (in russo: Юрий Викторович Трофимов?; Udmurtia, 26 gennaio 1984) è un ciclista su strada e biker russo che corre per il team Tinkoff. È professionista dal 2007.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Durante i primi anni di attività, Trofimov si specializzò nella mountain bike, in cui fu vice campione mondiale juniores nel 2002 e si consacrò campione del mondo Under-23 nel settembre 2005 ai mondiali di Livigno. Nello stesso periodo passò alla Omnibike Dynamo Moscow e ottenne i primi risultati anche su strada, con i podi al Tour du Finistère e al Tour de Serbie. Successivamente vinse la Parigi-Troyes, sia nel 2006 sia nel 2007.

Raccomandato a Jean-René Bernaudeau dal connazionale Evgenij Sokolov, allora membro della Vendée U, Trofimov fu ingaggiato dalla Bouygues Télécom nel 2008 e non tardò a confermare le speranze in lui riposte. Al debutto terminò ottavo nel Grand Prix d'Ouverture La Marseillaise, poi vinse una tappa e la classifica generale dell'Étoile de Bessèges; ottenne altri buoni risultati nel mese seguente alla Volta a la Comunitat Valenciana (dodicesimo), al Critérium International (quindicesimo) e alla Freccia Vallone (quattordicesimo). In giugno vinse in solitaria la quinta tappa del Critérium du Dauphiné Libéré, staccando i compagni di fuga sul Col de Joux Plane e resistendo al ritorno del gruppo lungo la discesa verso Morzine. Si classificò anche terzo nella settima ed ultima tappa, terminando secondo nella classifica scalatori e dodicesimo in quella generale. In luglio partecipò al suo primo Tour de France, in cui si classificò sesto nella seconda tappa. Nel 2009 vinse quindi la seconda tappa della Vuelta al País Vasco e terminò nono nella Parigi-Nizza.

Nella stagione 2011 si trasferisce alla Katusha, ma con la squadra russa non mette a referto alcuna vittoria. Nel 2014 passa all'altra formazione russa Tinkoff-Saxo, e in stagione si aggiudica una tappa al Critérium du Dauphiné e conclude il Tour de France al quattordicesimo posto. L'anno dopo si classifica decimo al Giro d'Italia, piazzandosi secondo nella frazione di Madonna di Campiglio, e vince il titolo nazionale a cronometro.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

MTB[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 (Under-23,Omnibike Dynamo Moscow, due vittorie)
Campionati del mondo, Cross country Under 23 (Livigno)
Campionati russi, Cross country Elite

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 (Omnibike Dynamo Moscow, una vittoria)
Parigi-Troyes
  • 2007 (Moscow Stars, quattro vittorie)
Classique Sauveterre-Pyrénées Atlantiques
La Roue Tourangelle
Parigi-Troyes
1ª tappa Tre Giorni di Vaucluse (Morières-lès-Avignon > Rasteau)
  • 2008 (Bouygues Telecom, tre vittorie)
3ª tappa Étoile de Bessèges (La Grand-Combe > Les Salles-du-Gardon)
Classifica finale Étoile de Bessèges
5ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré (Ville-la-Grand > Morzine)
  • 2009 (BBox-Bouygues, una vittoria)
2ª tappa Vuelta al País Vasco (Ataun > Villatuerta)
  • 2014 (Tinkoff-Saxo, una vittoria)
4ª tappa Critérium du Dauphiné (Montélimar > Gap)
  • 2015 (Tinkoff-Saxo, una vittoria)
Campionati russi, Prova a cronometro

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2010: 28º
2013: 13º
2015: 10º
2008: ritirato
2009: 47º
2011: 30º
2012: 51º
2013: 51º
2014: 14º
2011: 124º
2014: 72º
2016: 35º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2008: ritirato
2010: 26º
2011: ritirato
2012: 32º
2013: 26º
2016: 81º
2012: ritirato
2013: 39º
2015: 25º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Team Katusha - Riders - Yuriy Trofimov, www.katushateam.com. URL consultato il 17 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]