Juha Sipilä

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Juha Sipilä
Tallinn Digital Summit. Handshake Juha Sipilä (2017).jpg

Primo ministro della Finlandia
Durata mandato 29 maggio 2015 –
6 giugno 2019
Presidente Sauli Niinistö
Predecessore Alexander Stubb
Successore Antti Rinne

Presidente del Partito di Centro Finlandese
In carica
Inizio mandato 9 maggio 2012
Predecessore Mari Kiviniemi

Dati generali
Partito politico Partito di Centro Finlandese
Titolo di studio Diplomi-insinööri
Università Università di Oulu
Professione Imprenditore

Juha Petri Sipilä (Veteli, 25 aprile 1961) è un politico e imprenditore finlandese, Primo ministro dal 29 maggio 2015 al 6 giugno 2019 e presidente del Partito di Centro Finlandese dal 2012.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Imprenditore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera incominciò presso Lauri Kuokkanen Ltd., prima come tesista e successivamente come responsabile dello sviluppo del prodotto. Cambiando lavori diventò prima partner e poi CEO di Solitra Oy. Nel 1998, avviò la propria azienda, Fortel Invest Oy. Tra il 2002 e il 2005 lavorò come CEO di Elektrobit Oyj.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Come studente, Sipilä lavorò per un breve periodo di tempo nella Gioventù di Centro Finlandese ma non ha avuto esperienze in altro modo prima di essere eletto parlamentare nel 2011[1].

È stato eletto in Parlamento nel 2011 nel distretto elettorale di Oulu, con 5 543 voti.[2]

Nell'aprile 2012, Sipilä annunciò la sua candidatura al posto di presidente durante il congresso del partito. Il 9 maggio 2012, il congresso del partito lo elessero a presidente, battendo Tuomo Puumala al secondo turno con 1251 voti dei delegati contro 872.

Ha portato il partito alla vittoria alle elezioni parlamentari del 2015. È stato nominato capo del governo il 29 maggio 2015, grazie al sostegno di una coalizione formata dal suo partito, dal Partito di Coalizione Nazionale e dai sovranisti di Riforma Blu di Timo Soini, fondatore del partito ultranazionalista Veri Finlandesi.

L'8 marzo 2019, a seguito del fallimento delle principali riforme economico sociali proposte dal governo, ha rassegnato le dimissioni al presidente Sauli Niinistö.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sipilä è noto per la passione verso le auto a gas d'aria[1]. È un membro di Rauhan Sana ("Parola di pace" in finlandese), un gruppo luterano laestadiano.

Sipilä ha una moglie e cinque figli. Il più giovane, Tuomo (nato nel 1993), morì il 18 febbraio 2015[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Miska Rantanen, PROFILE: Juha Sipilä, Helsingin Sanomat, 2012. URL consultato il 28 giugno 2012.
  2. ^ (FI) Juha Sipilä keskustan johtoon, su Helsingin Sanomat, 9 giugno 2012. URL consultato il 9 marzo 2019.
  3. ^ Finlandia, si dimette il premier del governo di centrodestra: "Fallite le nostre riforme", su Repubblica.it, 8 marzo 2019. URL consultato l'8 marzo 2019.
  4. ^ (EN) Juha Sipilä steps back from election campaign after son dies, Yle, 19 febbraio 2015. URL consultato il 19 febbraio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2657148705702337080007 · LCCN (ENn2017006505 · WorldCat Identities (ENn2017-006505