Pehr Evind Svinhufvud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pehr Evind Svinhufvud
P.E.Svinhufvud.jpg

3º Presidente della Finlandia
Durata mandato 1º marzo 1931 –
1º marzo 1937
Predecessore Lauri Kristian Relander
Successore Kyösti Kallio

Primo ministro della Finlandia
Durata mandato 4 luglio 1930 –
18 febbraio 1931
Presidente Lauri Kristian Relander
Predecessore Kyösti Kallio
Successore Juho Sunila

Reggente di Finlandia
Durata mandato 27 maggio 1918 –
12 dicembre 1918
Predecessore Carica istituita
Successore Carl Gustaf Emil Mannerheim

Dati generali
Partito politico Partito di Coalizione Nazionale

Pehr Evind Svinhufvud af Qvalstad (Sääksmäki, 15 dicembre 1861Luumäki, 29 febbraio 1944) è stato un giurista e politico finlandese. Fu Reggente di Finlandia dal 1917 al 1918, capo del governo finlandese dal 1930 al 1931 e presidente della Repubblica finlandese dal 1931 al 1937.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Magistrato, rifiutò i piani zaristi di russificazione della Finlandia con l'eliminazione di ogni forma di autonomia, e aderì al movimento dei Giovani Finlandesi, che rifiutava ogni compromesso col governo imperiale, diventando uno dei leader del nazionalismo finnico. Presidente della Dieta finlandese (1907-1913), attaccò in ogni discorso d'apertura i metodi polizieschi del governo, provocando regolarmente lo scioglimento anticipato della Dieta. Quando la Finlandia fu completamente annessa alla Russia (1914), fu deportato in Siberia, ma mantenne i contatti coi nazionalisti finlandesi.

Tornato in patria dopo l'abdicazione dello zar (1917), fu eletto capo del Governo provvisorio che proclamò l'indipendenza dopo l'ascesa dei comunisti in Russia (15 novembre 1917), ottenendo il riconoscimento da parte di Mosca (4 gennaio 1918). Affidò al generale Carl Gustaf Emil Mannerheim il compito di organizzare un esercito nazionale, ma fu solo con l'aiuto militare tedesco che poté concludere la guerra civile scatenata dai comunisti appoggiati dalla Russia (gennaio-maggio 1918), in seguito alla quale assunse posizioni nettamente anticomuniste. Per legare ulteriormente la Germania alla Finlandia, confermò la forma monarchica dello Stato, di cui divenne reggente, nonostante la caduta degli zar, per far eleggere come sovrano al loro posto un principe tedesco; tuttavia la Germania perse la prima guerra mondiale, e il sovrano designato, il principe Federico Carlo d'Assia-Kassel, rifiutò la corona offertagli. Dopo il fallimento della sua politica Svinhufvud si dimise, designando come proprio successore il generale Mannerheim, e si ritirò a vita privata, aderendo al Partito di Coalizione Nazionale (Kokoomus).

Nominato presidente del Consiglio di Stato (1930-1931), si dichiarò deciso a debellare il comunismo nel rispetto della legalità, e, con l'appoggio del presidente della Repubblica Lauri Kristian Relander, sciolse il Partito degli Operai e dei Piccoli Proprietari e anche il Parlamento, che si opponeva a tale iniziativa.

Eletto presidente della Repubblica dai conservatori e dai moderati, dovette stroncare una sollevazione ultranazionalista a Mäntsälä (febbraio-marzo 1932). Avviò la politica di cooperazione nordica, specialmente con la Svezia e l'Estonia, e firmò un patto di non aggressione con l'Unione Sovietica (1932). Strenuo avversario del comunismo sovietico, durante la Guerra d'inverno (1939-1940) chiese invano aiuto militare all'Asse.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze finlandesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine della Croce della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce della Libertà
Gran Maestro dell'Ordine della Rosa Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Rosa Bianca

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia)
— 1935
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 3 dicembre 1932

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN18160630 · ISNI: (EN0000 0000 5367 0623 · LCCN: (ENn82044703 · GND: (DE124573207 · BNF: (FRcb16960845z (data)