Elezioni parlamentari in Finlandia del 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni parlamentari in Finlandia del 2015
Stato Finlandia Finlandia
Data 19 aprile
Juha Sipilä.jpg Timo Soini 2015.JPG Stubb 4682.jpg
Leader Juha Sipilä Timo Soini Alexander Stubb
Partito Partito di Centro Finlandese Veri Finlandesi Partito di Coalizione Nazionale
Voti 626 218
21,1 %
524 054
17,7 %
540 212
18,2 %
Seggi
49 / 200
38 / 200
37 / 200
Differenza % Green Arrow Up.svg 5,3 Red Arrow Down.svg 1,3 Red Arrow Down.svg 2,2
Differenza seggi Green Arrow Up.svg 14 Red Arrow Down.svg 1 Red Arrow Down.svg 7
Finnish parliamentary election, 2015 results by constituency.pngEduskuntavaalit 2015.png
Distribuzione del voto per circoscrizione e per comune
Primo ministro
Juha Sipilä
Left arrow.svg 2011 2019 Right arrow.svg
Cartelloni elettorali a Turku

Le elezioni parlamentari in Finlandia del 2015 si sono tenute il 19 aprile[1], con la possibilità di votare anticipatamente dall'8 al 14 aprile o, all'estero, dall'8 all'11 aprile[2].

Sono state le trentasettesime elezioni parlamentari nella storia della repubblica e hanno riguardato il rinnovo dei 200 seggi del Parlamento, per il quale si sono presentati 2 146 candidati[3].

Il numero totale di aventi diritto al voto è stato di 4 463 333[4].

Il vincitore delle elezioni fu il Partito di Centro Finlandese, guidato da Juha Sipilä, con il 21,1% dei voti e 49 rappresentanti.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Quadro politico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Governo Katainen e Governo Stubb.

Il Governo Stubb era formato, al termine del mandato parlamentare, da una coalizione di quattro partiti: Partito di Coalizione Nazionale (Kok.), Partito Socialdemocratico Finlandese (SDP), Partito Popolare Svedese (SFP) e Democratici Cristiani Finlandesi (KD), oltre alla parlamentare delle Åland, Elisabeth Nauclér. Inizialmente parte della coalizione governativa, Alleanza di Sinistra e Lega Verde sono passati all'opposizione nel 2014.

Il 22 giugno 2011, il parlamento elesse Jyrki Katainen come primo ministro con 118 voti a favore e 72 contrari; due parlamentari dell'Alleanza di Sinistra votarono contro Katainen, per cui dovettero abbandonare il gruppo parlamentare dell'Alleanza di Sinistra. Di conseguenza la maggioranza passò da 126 parlamentari a 124. Nacque il Governo Katainen. Nel marzo 2014 l'Alleanza di Sinistra annunciò l'abbandono del governo a causa dei tagli ai budget dei programmi di assistenza sociale, che sono stati accettati dagli altri cinque partiti al governo[5]. Ciò ridusse la maggioranza del governo a 112 parlamentari.

Nell'aprile 2014, Jyrki Katainen annunciò che non si sarebbe ricandidato come segretario del Partito di Coalizione Nazionale. Il Kokoomus scelse quindi Alexander Stubb come nuovo segretario nel giugno 2014, diventando in seguito primo ministro. Nel settembre 2014, la Lega Verde annunciò l'abbandono del governo a causa della decisione degli altri partiti al governo di dare il permesso a Fennovoima di costruire una nuova centrale nucleare presso Pyhäjoki[6]. Il passaggio all'opposizione dei Verdi diminuì la maggioranza a 102 parlamentari (incluso il Presidente del Parlamento, che non vota)[7]

Principali forze politiche[modifica | modifica wikitesto]

Lista Collocazione Ideologia Leader N° circoscrizioni Programma
Alleanza di Sinistra
(Vasemmistoliitto)
Sinistra Ecosocialismo[8], Socialismo democratico[8] Paavo Arhinmäki 12 [9]
Cambiamento 2011
(Muutos 2011)
Partito pigliatutto Democrazia diretta, Euroscetticismo, Libertà di parola, Critica all'immigrazione James Hirvisaari 12 [10]
Democratici Cristiani Finlandesi
(Suomen Kristillisdemokraatit)
Centro/Centro-destra Cristianesimo democratico[8], Conservatorismo sociale[8] Päivi Räsänen 12 [11]
Lega Verde
(Vihreä liitto)
Centro/Centro-sinistra[12] Liberalismo verde, Ecologismo, Ambientalismo, Europeismo Anni Sinnemäki 12 [13]
Partito Comunista Finlandese
(Suomen Kommunistinen Puolue)
Juha-Pekka Väisänen 12
Partito di Centro Finlandese
(Suomen Keskusta)
Centro Ruralismo[14][15][16], Liberalismo[15][16] Mari Kiviniemi 12 [17]
Partito dell'Indipendenza
(Itsenäisyyspuolue)
Antti Pesonen 12
Partito di Coalizione Nazionale
(Kansallinen Kokoomus)
Centro-destra Liberalismo[18][19][20][21], Liberalismo conservatore[22][23], Conservatorismo[24][25], Europeismo Jyrki Katainen 12 [26]
Partito Pirata
(Piraattipuolue)
Tapani Karvinen 12
Partito Popolare Svedese di Finlandia
(Suomen Ruotsalainen Kansanpuolue)
Centro/Centro-destra Liberalismo[8], Interessi della minoranza di lingua svedese[8] Stefan Wallin 8 [27]
Partito Socialdemocratico Finlandese
(Suomen Sosialidemokraattinen Puolue)
Centro-sinistra Socialdemocrazia[8], Liberalismo sociale Jutta Urpilainen 12 [28]
Veri Finlandesi
(Perussuomalaiset)
Destra Conservatorismo nazionale[8], Populismo di destra[8], Conservatorismo sociale, Nazionalismo, Euroscetticismo, Ruralismo Timo Soini 12 [29]

Nelle Isole Åland, hanno partecipato alla tornata elettorale le seguenti formazioni politiche:

Sondaggi elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti[modifica | modifica wikitesto]

Grafico dei sondaggi di Taloustutkimus dalle elezioni del 2011

I risultati sono elencati nella tabella sottostante in ordine cronologico, mostrando prima i dati più recenti. La percentuale più elevata è mostrata in grassetto.

Data Azienda KOK SDP PS KESK VAS VIHR SFP KD Altri Lead
23 mar-15 apr Taloustutkimus 16.9 15.1 16.7 24.0 8.3 8.8 4.6 3.5 2.0 7.1
8 apr-12 apr TNS Gallup 17.0 17.0 16.2 23.0 8.5 8.1 4.6 3.7 1.9 6.0
27 mar-1 apr Tietoykkönen 16.2 17.0 16.6 23.5 8.4 8.1 4.3 4.1 1.8 6.5
25 feb-19 mar Taloustutkimus 16.1 16.2 14.6 24.9 8.5 8.9 4.5 3.9 2.4 8.7
16 feb-12 mar TNS Gallup 16.8 16.9 15.2 24.7 8.4 8.6 4.2 3.3 1.9 7.8
5-11 mar Tietoykkönen 17.3 16.4 16.8 23.5 8.3 8.2 4.1 3.6 1.7 6.2
2-24 feb Taloustutkimus 16.2 16.8 15.4 24.9 8.8 8.8 4.0 3.3 1.8 8.1
19 gen-12 feb TNS Gallup 16.9 17.1 14.1 26.2 8.5 8.3 4.2 3.2 1.5 9.3
28 gen-3 feb Tietoykkönen 17.8 16.5 15.3 25.4 8.2 7.8 4.0 3.6 1.4 7.6
29 dic-27 gen Taloustutkimus 16.3 17.2 14.8 26.0 8.2 8.3 4.2 3.5 1.5 8.8
15 dic-15 gen TNS Gallup 17.2 16.5 14.5 25.9 8.8 8.4 4.1 3.3 1.3 8.7
2014
3-27 dic Taloustutkimus 17.1 15.3 13.3 26.8 8.9 9.4 3.7 3.9 1.7 9.7
17 nov-12 dic TNS Gallup 16.7 16.9 14.2 26.1 8.1 8.9 4.2 3.5 1.4 9.2
3 nov-2 dic Taloustutkimus 17.3 16.1 14.3 26.7 8.9 8.3 4.0 3.3 1.1 9.4
23 nov-26 nov Tietoykkönen 17.7 15.8 15.7 26.6 8.4 8.1 3.1 2.9 1.7 8.9
21 nov TNS Gallup 17.4 16.4 16.2 24.5 8.0 8.3 4.3 3.6 1.3 7.1
30 set-28 ott Taloustutkimus 19.4 15.2 15.1 25.5 7.9 9.1 3.6 2.7 1.5 6.1
22 set-16 ott TNS Gallup 19.4 16.2 16.1 22.3 8.7 8.2 4.2 3.6 1.3 2.9
10 ott-16 ott Tietoykkönen 18.5 15.1 16.5 23.4 8.0 8.9 4.2 3.8 1.6 4.9
2 set-25 set Taloustutkimus 20.4 15.2 16.6 23.3 8.3 7.8 4.6 3.0 0.8 2.9
21 ago-26 ago Tietoykkönen 20.8 14.7 16.0 21.3 9.9 8.4 4.1 3.1 1.7 0.5
5 ago-28 ago Taloustutkimus 21.2 15.8 17.1 21.3 8.2 8.1 3.7 3.4 1.2 0.1
15 lug-12 ago TNS Gallup 22.1 14.9 15.9 19.9 9.3 8.7 4.5 3.4 1.3 2.2
1 lug-30 lug Taloustutkimus 21.8 13.8 16.4 20.9 9.3 8.8 3.9 3.4 1.7 0.9
2 giu-25 giu Taloustutkimus 20.3 14.8 17.9 19.5 9.3 9.0 4.2 3.8 1.2 0.8
26 mag-11 giu TNS Gallup 20.5 14.9 17.2 20.3 9.0 8.5 4.4 3.9 1.3 0.2
5-27 mag Taloustutkimus 20.1 15.0 18.9 19.5 8.5 9.3 4.4 3.2 1.1 0.6
2-29 apr Taloustutkimus 20.2 15.8 17.6 21.0 8.8 8.2 4.1 3.7 0.6 0.8
5 mar-1 apr Taloustutkimus 20.3 15.5 17.8 20.9 7.7 8.7 4.3 3.5 1.3 0.6
25 feb-22 mar TNS Gallup 19.5 16.3 17.2 21.5 7.5 8.9 4.3 3.5 1.3 2.0
3 feb-4 mar Taloustutkimus 19.4 15.5 16.9 22.8 7.7 9.0 4.2 3.4 1.1 3.4
13 gen-8 feb TNS Gallup 19.2 16.2 17.0 22.4 7.6 8.5 4.2 3.5 1.4 3.2
1-28 gen Taloustutkimus 18.7 15.5 17.8 23.6 7.5 8.1 3.8 3.7 1.3 4.9
2013
27 nov-23 dic Taloustutkimus 19.1 15.9 17.4 23.9 7.0 8.2 3.8 3.1 1.6 4.8
19 dic TNS Gallup 18.0 16.7 17.5 23.0 7.9 7.9 4.4 3.3 1.3 5.0
30 ott-26 nov Taloustutkimus 18.3 15.4 17.2 24.1 7.4 9.0 4.1 3.2 1.3 5.8
7-29 ott Taloustutkimus 18.1 16.9 17.4 23.2 7.6 8.4 3.9 3.5 1.0 5.1
23 ott TNS Gallup 18.2 16.2 18.9 21.8 7.7 8.3 4.4 3.4 1.1 2.9
9 set-2 ott Taloustutkimus 18.4 15.3 18.8 22.6 7.2 9.3 3.9 3.3 1.2 3.8
6 ago-4 set Taloustutkimus 18.3 15.0 19.3 23.8 7.7 8.4 3.8 2.8 0.9 4.5
15 ago TNS Gallup 18.7 16.3 18.7 21.9 7.3 8.2 4.2 3.5 1.2 3.2
2-31 lug Taloustutkimus 18.8 15.6 18.0 22.8 7.2 8.4 4.4 3.6 1.2 4.0
29 mag-26 giu Taloustutkimus 18.4 16.1 18.6 21.5 7.5 9.3 4.0 3.5 1.1 2.9
29 apr-28 mag Taloustutkimus 19.2 16.5 17.4 21.7 8.0 8.0 4.1 3.8 1.3 2.5
4-25 apr Taloustutkimus 19.2 16.2 18.6 19.4 9.0 9.1 4.2 3.2 1.1 0.2
11-27 mar Taloustutkimus 19.8 18.0 18.4 18.3 8.5 9.0 4.1 3.1 0.8 1.4
11 feb-7 mar Taloustutkimus 20.8 18.2 18.1 17.2 8.2 8.7 4.3 3.2 1.3 2.6
7-29 gen Taloustutkimus 21.9 18.7 17.7 17.1 7.9 8.9 3.9 3.1 0.8 3.2
2012
3-27 dic Taloustutkimus 21.0 17.9 18.0 17.8 7.9 8.7 4.3 3.4 1.0 3.0
1-24 ott Taloustutkimus 20.9 18.5 15.3 17.3 8.5 9.1 3.9 4.0 2.5 2.4
3-19 set Taloustutkimus 21.5 19.9 17.2 15.9 7.8 8.9 4.3 3.2 1.3 1.6
7-29 ago Taloustutkimus 22.7 18.7 15.8 16.6 8.2 9.4 4.3 3.2 1.1 4.0
3 lug-1 ago Taloustutkimus 20.8 20.3 17.5 15.5 8.0 8.5 4.4 3.7 1.3 0.5
4-27 giu Taloustutkimus 21.6 20.8 15.6 16.5 7.5 8.2 3.9 3.7 2.2 0.8
7-31 mag Taloustutkimus 21.7 20.5 15.9 16.7 7.7 8.8 3.7 3.6 1.4 1.2
3-26 apr Taloustutkimus 22.6 19.1 14.1 16.4 8.9 10.4 3.7 3.2 1.6 3.5
5-29 mar Taloustutkimus 22.6 17.3 15.8 16.7 8.1 11.0 3.5 3.7 1.3 5.3
30 gen-23 feb Taloustutkimus 22.1 16.0 16.1 17.7 7.9 11.4 4.1 3.5 1.3 4.4
2-26 gen Taloustutkimus 23.1 16.3 17.4 15.6 9.0 9.6 3.8 4.1 1.1 5.8
2011
7-28 dic Taloustutkimus 22.7 16.4 19.9 16.2 8.5 7.6 3.9 3.6 1.2 2.8
9-17 nov Taloustutkimus 24.3 17.6 19.9 13.9 7.0 7.9 4.1 3.9 1.4 4.4
10 ott-3 nov Taloustutkimus 24.4 17.1 21.4 13.1 7.4 7.7 4.1 3.7 1.1 3.0
15 ago-13 set Taloustutkimus 23.7 18.6 21.1 12.6 8.0 7.4 3.8 3.6 1.3 2.6
5 lug-10 ago Taloustutkimus 21.4 19.8 22.0 13.2 7.6 7.4 3.9 3.4 1.3 0.6
6-29 giu Taloustutkimus 21.1 18.1 23.0 13.8 8.0 7.2 4.1 3.1 1.6 1.9
9-31 mag Taloustutkimus 21.5 18.8 20.6 14.3 7.7 7.6 4.3 3.8 1.4 0.9
17 apr 2011 Election Results 20.4 19.1 19.1 15.8 8.1 7.3 4.3 4.0 2.3 1.3

Seggi[modifica | modifica wikitesto]

Dibattito elettorale a Lappajärvi nel febbraio 2015

I seggi derivanti dai risultati sono elencati nella tabella sottostante in ordine cronologico, mostrando prima i dati più recenti. Il dato maggiore è evidenziato con il colore del proprio gruppo politico.

101 seggi necessari per la maggioranza
Data Azienda KOK SDP PS KESK VAS VIHR SFP KD Altri
19 apr 2015 ScenariPolitici 36 34 35 51 15 15 8 5 1
21 mar 2015 Accuscore 34 35 36 53 16 14 9 2 1
3 nov 2014-19 mar 2015 Taloustutkimus 33 35 31 56 17 15 8 4 1
14 mar 2015 Accuscore 34 34 36 55 16 14 8 2 1
26 feb 2015 Accuscore 34 34 36 56 16 14 8 1 1
21 feb 2015 Accuscore 35 34 35 57 15 14 8 1 1
23 gen 2015 Accuscore 35 33 36 56 15 15 8 1 1
2 giu-2 dic 2014 Taloustutkimus 42 31 37 50 17 12 8 2 1

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Voti % +/- % Seggi +/- seggi
Partito di Centro Finlandese 626.218 21,1 +5,3 49 +14
Veri Finlandesi 524.054 17,7 -1,3 38 -1
Partito di Coalizione Nazionale 540.212 18,2 -2,2 37 -7
Partito Socialdemocratico Finlandese 490.102 16,5 -2,6 34 -8
Lega Verde 253.102 8,5 +1,3 15 5
Alleanza di Sinistra 211.702 7,1 -1,0 12 -2
Partito Popolare Svedese di Finlandia 144.802 4,9 +0,6 9 -
Democratici Cristiani Finlandesi 105.134 3,5 -0,5 5 -1
Partito Pirata 25.086 0,85 - - -
Partito dell'Indipendenza 13.638 0,46 - -
Åländsk Samling 10.910 0,37 1 -
Partito Comunista Finlandese 7.529 0,25 - -
Cambiamento 2011 7.442 0,25 - -
Altri 8.528 0,28 - -
Totale 2.968.459 100 200

Esito[modifica | modifica wikitesto]

Affluenza e schede bianche e nulle[modifica | modifica wikitesto]

L'affluenza al voto registrata dal Ministero della giustizia è stata pari al 70,1% degli elettori aventi diritto al voto al netto dei votanti residenti all'esterno[30], circa il 0,4% in meno rispetto alle elezioni precedenti che fu pari al 70,5%;[31].

Le schede bianche e nulle sono state 15 397 (0,6% del totale)[32], 897 in meno rispetto alle elezioni precedenti, quando furono in totale 16 294.

Conseguenze post voto[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 aprile 2015, dopo le dimissione del Primo ministro uscente, Alexander Stubb[33], Juha Sipilä, candidato premier, per facilitare il lavoro della formazione del nuovo governo, ha assegnato ai gruppi parlamentari 15 domande a cui rispondere entro il 30 aprile[34]. Durante tali consultazioni ci sono stati problemi con i Veri Finlandesi[35][36].

Il 7 maggio 2015 è stato annunciato dal designato primo ministro che il nuovo governo sarà formato dalle tre principali forze politiche, ovvero Partito di Centro, Partito di Coalizione Nazionale e Veri Finlandesi[37][38], con un totale di 124 seggi su 200, lasciando così il Partito Socialdemocratico, la Lega Verde, l'Alleanza di Sinistra, i Democratici Cristiani e il Partito Popolare Svedese (per la prima volta dopo 36 anni) all'opposizione, con un totale di 76 seggi su 200[39].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Finnish Parliamentary Elections 2015 (PDF), vaalit.fi. URL consultato il 18 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2015).
  2. ^ (EN) Advance voting begins ahead of parliamentary elections, Yle, 8 aprile 2015. URL consultato il 18 aprile 2015.
  3. ^ (FI) Ehdokkaat (PDF), su tulospalvelu.vaalit.fi. URL consultato il 22 aprile 2015.
  4. ^ (FI) People entitled to vote, vaalit.fi. URL consultato il 18 aprile 2015.
  5. ^ (FI) Vasemmistoliitto lähtee hallituksesta, Yle, 25 marzo 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  6. ^ Fennovoiman periaatepäätös hyväksyttiin, vihreät jättää hallituksen, Helsingin Sanomat, 18 settembre 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  7. ^ (FI) Vihreät ulos hallituksesta - "Mieli on raskas ja pettynyt", YLE, 18 settembre 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  8. ^ a b c d e f g h i Wolfram Nordsieck, Finland, su Parties and Elections in Europe, 2011. URL consultato il 13 febbraio 2014.
  9. ^ (FI) Jälleenrakennetaan hyvinvointivaltio, Vasemmistoliitto. URL consultato il 22 aprile 2015.
  10. ^ (FI) Muutos 2011 r.p.:n ohjelma eduskuntavaaleihin 2015, Muutos 2011. URL consultato il 22 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2015).
  11. ^ (FI) Suomen Kristillisdemokraattien vaaliohjelma 2015, Suomen Kristillisdemokraatit. URL consultato il 22 aprile 2015.
  12. ^ Lane, Jan-Erik; Svante Ersson (2008). The Nordic Countries. In Colomer, Josep Maria. Comparative European politics. Taylor & Francis. p. 260. ISBN 9780415437554
  13. ^ (FI) Äänelläsi rakennetaan parempi huominen (PDF), Vihreä liitto. URL consultato il 22 aprile 2015.
  14. ^ (EN) Parties and elections - Finland, su parties-and-elections.eu. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  15. ^ a b (EN) Svante Ersson e Jan-Erik Lane, Politics and Society in Western Europe, SAGE, 28 dicembre 1998, pp. 108, ISBN 978-0-7619-5862-8. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  16. ^ a b (EN) T. Banchoff, Legitimacy and the European Union, Taylor & Francis, 28 giugno 1999, pp. 123–, ISBN 978-0-415-18188-4. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  17. ^ (FI) Suomen Keskustan vaaliohjelma 2015 (PDF), Suomen Kommunistinen Puolue. URL consultato il 22 aprile 2015.
  18. ^ Finn Laurson, The Nordic countries: Between scepticism and adaption, in National Politics and European Integration: From the Constitution to the Lisbon Treaty, Edward Elgar, 2010, p. 188.
  19. ^ (FI) Matti Muukkonen, Kokoomus konservatismista liberalismiin (PDF), su arkisto.kokoomus.net, 12 settembre 2005. URL consultato il 24 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2011).
  20. ^

    «Kyllä se linja, jota meidän puolueen puheenjohtaja Jyrki Katainen vetää, on yksiselitteisen liberaali. Se panostaa monikulttuurisuuteen, suhtautuu myönteisesti maahanmuuttoon ja ylipäätään kansainvälisyyteen»

    (Intervista a Alexander Stubb su YLE TV 1: Puolueet koolla: Kokoomus. Mandato in onda il 12 giugno 2010)
  21. ^ (FI) Kisa konservatiivien äänistä käy kuumana, Yle uutiset, 11 ottobre 2010. URL consultato il 14 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2011).
  22. ^ Rauli Mickelsson:Suomen puolueet-historia, muutos ja nykypäivä (Vastapaino, 2007) s. 401
  23. ^ Parties and Elections in Europe, su parties-and-elections.eu.
  24. ^ Christina Bergqvist, Equal Democracies?: Gender and Politics in the Nordic Countries, Nordic Council of Ministers, 1º gennaio 1999, p. 319–, ISBN 978-82-00-12799-4.
  25. ^ Nanna Kildal e Stein Kuhnle, Normative Foundations of the Welfare State: The Nordic Experience, Routledge, 7 maggio 2007, p. 74–, ISBN 978-1-134-27283-9.
  26. ^ (FI) Strateginen hallitusohjelma, Kokoomus. URL consultato il 22 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2015).
  27. ^ (FI) Avoimen, menestyvän, kansainvälisen ja vastuunsa kantavan Suomen hyväksi (PDF), Suomen Ruotsalainen Kansanpuolue. URL consultato il 22 aprile 2015.
  28. ^ (FI) Suunta Suomelle: työtä, tasa-arvoa ja turvallisuutta (PDF), Suomen Sosialidemokraattinen Puolue. URL consultato il 22 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  29. ^ (FI) Perussuomalaisten eduskuntavaaliohjelmat 2015, Perussuomalaiset. URL consultato il 22 aprile 2015.
  30. ^ (EN) Ministero della giustizia, Voter turnout, su tulospalvelu.vaalit.fi. URL consultato il 22 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2015).
  31. ^ (FI) Tulospalvelu, Helsingin Sanomat. URL consultato il 22 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2011).
  32. ^ (FI) Koko maa - ehdokkaat, Yle. URL consultato il 22 aprile 2015.
  33. ^ Finlandia: si dimette il premier Stubb, incarico a Sipila, agi.it, 28 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  34. ^ (EN) Sipilä hands out tough homework assignment to Parliamentary groups, Yle.fi, 28 aprile 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  35. ^ (EN) Sipilä says Finns Party’s 15 responses "far from Centre’s views", Yle.fi, 1º maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  36. ^ (EN) Sipilä: “No obstacle” to further talks with Finns Party, Yle.fi, 4 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  37. ^ (EN) Sipilä: Gov’t composition announcement Thursday, Yle.fi, 5 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  38. ^ (FI) Keskusta, perussuomalaiset ja kokoomus hallitusneuvotteluihin – SDP oppositioon, Yle.fi, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  39. ^ (EN) Sipilä opts for right-leaning government, Yle.fi, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]