Iller Pattacini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Iller Pataccini)
Iller Pattacini
Iller Pattacini.jpg
Iller Pattacini nel 1957
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica leggera
Ballo liscio
Jazz
Periodo di attività musicale1946 – 2006
Strumentoclarinetto
fisarmonica
sassofono
EtichettaFonit
Ricordi
Decca
Parlophon
Durium
Premier
Poppy

Iller Pattacini, talvolta indicato come Pataccini o con lo pseudonimo di Lunero; ha firmato anche come Iller Pat[1] (Barco, 7 ottobre 1933Barco, 3 settembre 2006), è stato un compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra italiano[2].

Figlio d'arte, il padre Tienno Pattacini fu un clarinettista, saxofonista e compositore, ha composto il celebre brano Una lacrima sul viso, canzone firmata con lo pseudonimo di Lunero e portata al successo da Bobby Solo al Festival di Sanremo 1964.

Nel 1967 tenne "a battesimo" il debuttante Francesco Guccini in Folk beat n. 1 (depositò a suo nome e a quello di Maurizio Vandelli il brano Auschwitz, poiché il cantautore di Pavana non era ancora iscritto alla SIAE).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Barco, frazione del comune di Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, il 7 ottobre del 1933. Figlio d'arte, suo padre era il clarinettista e sassofonista Tienno Pattacini (1908-1978), titolare dell'orchestra omonima e autore del valzer emiliano Battagliero. Sulla figura di Iller Pattaccini e sulla sua carriera artistica è stato realizzato un film documentario firmato da Primo Giroldini, dal titolo Iller Pattacini, una vita in musica. Il film testimonia delle esperienze all'estero di Pattacini (segnatamente in Francia, Germania e Svizzera) dove ebbe modo di partecipare a jam session jazz con gli artisti Gorni Kramer e Franco Cerri e di lavorare alla Radio Americana di Parigi. Dopo essere stato alla guida di un'orchestra impegnata in tournée per l'Europa, fece ritorno in Italia nei primi anni sessanta per andare a ricoprire la carica di direttore artistico alla casa discografica Dischi Ricordi. È divenuto in seguito una delle figure maggiormente significative nell'opera di revival del ballo liscio all'emiliana.[3][4]

Scopritore di Lucio Battisti, ha collaborato come musicista, arrangiatore e direttore d'orchestra con i più importanti artisti degli anni sessanta e settanta, fra cui Mina, Ornella Vanoni, Iva Zanicchi, Marina Occhiena, Giorgio Gaber[5], Adriano Celentano, Enzo Jannacci, Emilio Pericoli e il citato Bobby Solo.[4] Ha collaborato anche con il cantante Franco Califano e con i parolieri Vito Pallavicini, Nisa, Mogol e il padre di questi, Mariano Rapetti, direttore artistico della Dischi Ricordi e autore con lo pseudonimo Calibi.

Ha collaborato con il paroliere Alberto Testa per la musica delle canzoni:Mi fai paura (1964) interpretata da Catherine Spaak, Mi piace, Mi voglio bene, Ho cambiato ragazza, No quiero mas, Non voglio più, Ogni giorno che verrà, Se non avessi incontrato te, Vola in più.

Nel 1964 ha diretto l'orchestra nel programma televisivo "Questo & Quello" condotto da Giorgio Gaber (Rai2).[6] Ritiratosi a quarant'anni, è tornato a suonare nell'orchestra del padre, Tienno, sviluppando un repertorio legato alla musica popolare dell'Emilia-Romagna, sua terra d'origine.[4]

Negli anni settanta le cronache rosa hanno parlato di lui per il matrimonio con Tamara Baroni. È morto a Barco, suo paese natale, alle 05:30 di mattina, del 3 settembre 2006, all'età di 72 anni.

Collaborazioni con arrangiamenti e composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni a manifestazioni canore[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1951: Iller Pattacini e la sua orchestra (Fonit[8])
  • 1956: 10 ballabili con Iller e i suoi 5 (Parlophon, PMDQ 8012; inciso con la denominazione Iller e i suoi 5)
  • 1962: Mandolino italiano (Dischi Ricordi MRL 6015)
  • 1973: Ballando all'italiana (Family SFR-RI 667)
  • Il favoloso Tris, etichetta LP su etichetta Premier P-8040 (contiene II valzer del canarino - La lupa - Il piffero - La passionaria - Edilio - Tentazìone - Tramonto - Straordìnaria)[9]
  • Sudamericana - Orchestra di Iller Pattacini, Lp, 1983, Durium Start LP.S 40.192[10]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Extended play incisi per la Parlophon e firmati con lo pseudonimo Iller Pat

  • 1957: QMSE 45022 - Guaglione / Il piccolo montanaro / Refrains / Ricordate Marcellino
  • 1958: QMSE 45049 - Timida serenata / Amare un'altra / Ho disegnato un cuore / Nel blu dipinto di blu
  • 1958: QMSE 45050 - La canzone che piace a te / Fantastica / L'edera / Mille volte
  • 1958: QMSE 45054 - Paroline e... / Vecchia chitarra / Un giorno con te / Ritmo per due
  • 1958: QMSE 45070 - 1958 - Tequila / Melodie d'amor/ Diana / Clopint Clopant
  • 1959: QMSE 45072 - 1959 - Hula Hoop / La pioggia cadrà / Streep-tease Hula Hoop/ You Are My Destiny

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69141271 · ISNI (EN0000 0001 0783 3054 · BNF (FRcb14214317s (data)