Il seme dell'uomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il seme dell'uomo
Semedelluomo-ferreri.png
Marco Margine e Anne Wiazemsky in una scena del film
Titolo originaleIl seme dell'uomo
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1969
Durata113 min
Generefantascienza, drammatico
RegiaMarco Ferreri
SoggettoMarco Ferreri
SceneggiaturaMarco Ferreri, Sergio Bazzini
Casa di produzionePolifilm
Distribuzione (Italia)Cineriz
FotografiaMario Vulpiani
MontaggioEnzo Micarelli
MusicheTeo Usuelli, Richard Teitelbaum
ScenografiaLuciana Vedovelli Levi
CostumiLina Nerli Taviani
TruccoAlfonso Gola
Interpreti e personaggi

Il seme dell'uomo è un film di fantascienza del 1969 diretto da Marco Ferreri. Il regista tratta di una coppia di sopravvissuti ad un catastrofico evento ignoto e dell'atteggiamento di entrambi al riguardo della situazione in cui vengono calati non volenti. L'orrore metafisico, suggerito, della fine dell'umanità fa da sfondo alla storia dell'entusiasta Cino, che con positivistico slancio crede in un possibile futuro, opposto al pessimismo di Dora che non se la sente di mettere al mondo un figlio in una situazione del genere, e che preferisce mangiare la forma di parmigiano invece di musealizzarla. È uno dei film dove il nichilismo di Ferreri è espresso con massima intensità e la povertà di mezzi diventa stile ed espressione.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un autogrill due ragazzi, Cino e Dora, stanno facendo una pausa durante il lungo viaggio verso casa. Una volta partiti attraversano una lunga galleria e si ritrovano sopravvissuti ad un'ignota catastrofe. Raggiungono un posto di riconoscimento e lì viene spiegato loro che sono in uno stato di emergenza, che sono soli e che si dovranno trovare una casa.

I due si insediano in una casa abbandonata in riva al mare (il Forte di Macchiatonda presso Capalbio) e tentano di sopravvivere con quello che trovano nei dintorni, mentre la televisione trasmette immagini del mondo che brucia, con in sottofondo il Va pensiero. Ben presto arrivano alcune persone, tra cui un maggiore e un sacerdote, che affermano che le donne devono essere fecondate per permettere all'umanità decimata di sopravvivere. Cino è entusiasta e collaborativo, Dora no. Poi li rilasciano soli e arriva un'altra donna. La nuova arrivata si invaghisce di Cino ed è d'accordo con lui nel suo intento di prosecuzione della specie. Alla prima occasione, tenta di uccidere Dora, la quale però reagisce all'aggressione e riesce ad avere la meglio, uccidendo la rivale, di cui offrirà il corpo in pasto all'inconsapevole Cino.

Di lì a qualche tempo Cino mette incinta Dora dopo averla sedata, e lei, disperata, gli chiede perché l'ha fatto. Lui non fa altro che gridarle intorno: "Il seme dell'uomo ha germogliato! Ho seminato!", ma la terra esplode sotto i loro piedi. L'umanità non è destinata a proseguire.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nei titoli di testa sono citati solo gli interpreti principali e, per i ruoli secondari, solo le attrici. I ruoli secondari maschili vennero tutti ricoperti da attori non professionisti, prestati al cinema per l'occasione. Il maggiore elicotterista, che riporta il filmato del Vaticano distrutto, è Mario Vulpiani, direttore della fotografia del film. Gli altri interpreti sono Adriano Aprà, storico e critico cinematografico, Vittorio Armentano, regista, Gioia Benelli, aspirante regista qui annunciatrice nell'Autogrill, Sergio Giussani, produttore e cassiere del film, Mario Bagnato, l'assistente operatore, e Luciano Odorisio, l'aiuto regista.

Il regista si concesse un breve cameo nel ruolo del proprietario della casa abbandonata, che i due protagonisti trovano morto sotto al portico.

Nelle scene ambientate nell'autogrill, girate in quello dell'area di servizio "Feronia est" della A1 nei pressi di Roma, si ascolta un brano discograficamente inedito, La collanina, interpretato da Gabriella Ferri su musiche di Teo Usuelli.

La pistola che compare nel film, impugnata dal Maggiore del servizio amministrativo dello stato, è quella, rossa a pallini bianchi, già utilizzata sul set di Dillinger è morto.[3]

Nel museo messo su dal protagonista nel film, le immagini dei voli spaziali sono tutte foto di scena da 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Dopo la feroce ipotesi futuribile prospettata nella Marcia Nuziale, Ferreri torna ad incontrare la fantascienza ambientando in uno scenario apocalittico la crisi dell'animale "uomo". Ferreri parla di un orrore nuovo, fisico e metafisico, che prende corpo nelle coscienze torturate dei protagonisti, nei loro comportamenti dettati dall'irrisolto dilemma tra il rifiuto di perpetuare la vita e il terrore di estinguersi: la ragione si arrende e prevalgono il feticismo come ultima difesa, l'umiliazione dei corpi come affermazione di una personalità, l'aggressività del più forte, la ritorsione cannibalesca di chi è più debole. […] »

(Fantafilm[4])

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]