Rada Rassimov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rada Rassimov nel 1975

Rada Rassimov, pseudonimo di Rada Đerasimović (Trieste, 7 maggio 1938), è un'attrice italiana.

Ha iniziato la carriera di attrice nei primi anni sessanta e dal 1975 ha lavorato prevalentemente in televisione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con una piccola parte in Senilità, diretto nel 1960 da Mauro Bolognini.

Figlia di genitori serbi, sorella dell'attore Ivan Rassimov, ha avuto il momento di massima notorietà negli anni sessanta e negli anni settanta. Deve la fama all'interpretazione fornita nel film di Sergio Leone Il buono, il brutto, il cattivo, dove ricopriva il ruolo di una prostituta picchiata da Sentenza (interpretato da Lee Van Cleef). Ne Il gatto a nove code di Dario Argento, interpreta il ruolo di Bianca Merusi, vittima di un assassino.

Per la televisione ha preso parte a film come Caligola diretto da Luigi Squarzina, Gli angeli del potere di Giorgio Albertazzi o Bel ami di Sandro Bolchi. In teatro figura in vari lavori diretti da registi come Albertazzi, Giulio Bosetti e Giuseppe Patroni Griffi. Negli anni sessanta ha interpretato anche fotoromanzi per la Lancio insieme al fratello Ivan, anch'egli attore, soprattutto in film di genere western all'italiana e d'azione (in particolare poliziotteschi e cannibal) fra gli anni sessanta e settanta. Negli anni ottanta ha interpretato il videoclip Radio Varsavia di Franco Battiato. È tornata sulle scene nel 2003. Il suo ultimo film è Perdutoamor del 2003, diretto da Franco Battiato e nel quale interpreta la parte di Clara Pasini.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Fu la prima moglie dell'attore Gianni Musy, con cui ebbe una figlia, l'attrice Mascia Musy.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232697967 · ISNI (EN0000 0004 6472 2694 · SBN RAVV283240 · LCCN (ENnr2001000121 · GND (DE1061310981 · BNE (ESXX1658133 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr2001000121