Ida Rendano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ida Rendano
Ida Rendano.jpg
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Canzone napoletana
Periodo di attività 1990 – in attività
Etichetta Zeus RecordLa CanzonettaDig It InternationalMea SoundD.V. More Record
Album pubblicati 18

Ida Rendano (Napoli, 16 gennaio 1972) è una cantante, attrice teatrale e showgirl italiana, interprete della canzone napoletana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia canto perfezionando lirica e solfeggio partecipando, in seguito, a vari concorsi canori come “Passaporto per Sanremo” classificandosi seconda interpretando “Almeno tu nell'universo” tratto dal repertorio della straordinaria Mia Martini.

Ma è nel 1990 che inizia il vero successo di Ida: viene pubblicato il suo primo album “Così quasi per gioco”, grazie alla collaborazione di Gigi D'Alessio, diventando così una delle nuove icone della musica napoletana moderna.

Gigi D'Alessio curerà anche il secondo e quarto album della Rendano, duettando anche con lei nel brano Nun ce appiccecamme. Ida ha inciso sedici album e varie cover racchiuse in diverse compilation. Da Di Mauro Editore è stata pubblicata una sua biografia.

Al 2001 risale l'incontro con Arnolfo Petri che la dirige nello spettacolo "Terraemotus- Cataclisma per una città senza più intenti". Qui la Rendano interpreta brani della tradizione classica insieme ad omaggi a Pino Daniele e Enzo Gragnaniello. Da ricordare una coinvolgente versione di Tammurriata nera adattata da Petri con stralci tratti da "La pelle" di Curzio Malaparte.

L'8 settembre 2007 è protagonista alla Festa di Piedigrotta che ritorna dopo quasi 25 anni di assenza esibendosi con il brano “Ammore è sempe ammore” duettata anche insieme a Mirna Doris.

Il 22 luglio 2008 sarà nuovamente premiata nella notte degli oscar della musica napoletana al teatro Bolivar di Napoli, e nello stesso anno duetta con il noto rapper Speaker Cenzou e con i Sangue Mostro, gruppo undergrund Rap/Hip-Hop napoletano, nel brano “Puorteme aro' vuo' tu”.

Il 21 marzo 2009 ritira al Maschio Angioino il premio Libero Bovio.

Album interamente scritto e curato da Vincenzo D'Agostino ed Enzo Rossi. Un disco con 7 tracce inedite e 4 cover: “Respiro” di Franco Simone, “Bimbo mio” di Umberto Napoletano, “Pazzo non amore mio” di Fillipponio e “Parlammene dimane” di Gigi D'Alessio.

Sempre nello stesso anno partecipa come guest star ai Venice Music Awards su Rai 2, dove interpreta Respiro.

Nel 2010 è una delle protagoniste della manifestazione Piedigrottissima in the World al teatro Bolivar; spettacolo che celebra la festa di Piedigrotta a Napoli.

Nell'Aprile 2010 è testimonial a Piazza Farnese a Roma del Disabili day, giornata a favore dei diversamente abili che chiude con una marcia un'intera settimana promossa dall'Onlus Handiamo. Per l'occasione Ida incide l'inno Distanza Non C'e.

Il 27 maggio 2011 si esibisce a Piazza del Plebiscito a Napoli insieme a Gigi D'Alessio duettando la storica “Nun ce appiccecamme”.

Si è dedicata anche al teatro, interpretando opere di Raffaele Viviani, Nino D'Angelo e Mario Merola.

Ha collaborato con Nino D'Angelo, Gigi Finizio, Gigi D'Alessio, Mario Merola, Gianni Celeste, Franco Simone il rapper Davide Accareddu, Carmelo Zappulla.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Gigi D'Alessio e Ida Rendano (1992)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie