Guido Capello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guido Capello
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Giovanili
19?? non conosciuta Ardita
19?? Torino
Squadre di club1
19??-1942 Ivrea ? (?)
1945-1946 Como 18 (4)
1946-1947 Lecco 34 (14)
1947-1948 Pro Sesto 7 (0)
1948-1950 Lecco ? (?)
1951-1955 Mariano Comense ? (?)
Carriera da allenatore
196?-1967 Lecco Giovanili
1967-1969 Maceratese
1969 Ascoli
1969-1970 Entella
1970-1973 Atalanta Giovanili
1973-1974 Asti Ma.Co.Bi.
1974-1975 SPAL Giovanili
1975 SPAL
1976 SPAL
1977-1978 Lecco
1978-1979 Alessandria
1979-1980 Biellese
1982-1984 Ascoli Giovanili
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Guido Capello (Monsummano Terme, 4 febbraio 1923) è un ex calciatore e allenatore di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Toscano di nascita[1], crebbe in Piemonte e si stabilì infine a Lecco, dove intraprese la carriera di allenatore[2]; il figlio Gianluigi è allenatore di varie formazioni giovanili e dilettantistiche lombarde[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Da calciatore militò nelle giovanili del Torino e nell'Ardita[3], per poi giocare con Ivrea[4], Como[5], Lecco[6] e Pro Sesto[7] nelle serie minori.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Smessi i panni del calciatore, iniziò ad allenatore le giovanili del Lecco, con cui nel 1963 conquistò la vittoria del campionato De Martino per formazioni di Serie B[8]. L'esordio sulla panchina di una prima squadra avvenne nella stagione 1967-1968, con la Maceratese, in Serie C; nella stagione successiva venne sostituito da Tonino Seri alla guida dei biancorossi e passò per un breve periodo all'Ascoli, sempre in terza serie[2].

Allenò dunque l'Entella prima di essere chiamato a seguire gli allievi dell'Atalanta; è ricordato per essere stato l'allenatore che per primo schierò Gaetano Scirea nel ruolo di libero[9]. Nella stagione 1973-1974 seguì l'Asti in Serie C, per poi venire chiamato da Paolo Mazza alla guida delle giovanili della SPAL; allenò anche la prima squadra biancazzurra a più riprese in Serie B, dapprima sul finire della stagione 1974-1975 (sostituì Mario Caciagli nel corso del girone di ritorno; detiene assieme a Giovan Battista Fabbri e Gian Cesare Discepoli il record societario di cinque vittorie consecutive[10]) e poi a cavallo tra i campionati 1975-1976 (sostituì Umberto Pinardi) e 1976-1977 (gli subentrò Giovanni Ballico)[11].

Nel 1977-1978 allenò il Lecco, consegnando le dimissioni a metà campionato per divergenze con la presidenza (gli successe Sergio Carpanesi)[2][12]. Nel 1978-1979 passò all'Alessandria, che con una formazione composta per lo più da giovani calciatori disputò un tranquillo campionato di Serie C1: scrisse il quotidiano La Stampa al termine della stagione: «Capello ha avuto un grande e incontestabile merito: salvare i grigi da una temuta retrocessione con qualche turno d'anticipo, con impegno, competenza e passione. [...] Un campionato che, per certi aspetti, ha del prodigioso»[13].

Nel successivo torneo fu scelto dalla Biellese per sostituire a campionato in corso il dimissionario Roberto Gori[1]. Negli anni a venire tornò infine a seguire una formazione giovanile, quella dell'Ascoli[14][15].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Mariano: 1951-1952

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Gianni Sebastio. Cambia il tecnico, ma resta a secco, da La Stampa, 19 novembre 1979, p. IV
  2. ^ a b c Capello è il nuovo trainer dei grigi, da La Stampa di Alessandria e provincia, 25 luglio 1978, p. 2
  3. ^ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare Società nella stagione 1939-40, da Il Littoriale, 8 agosto 1939, pp. 4-5-6
  4. ^ Giocatori di calcio autorizzati a cambiare società nella stagione 1942(XX)-1943(XXI), da Il Littoriale, 26 agosto 1942, pp. 2-3
  5. ^ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare Società nella stagione 1946-47, da Corriere dello Sport, 28 agosto 1946, pp. 2-3-4
  6. ^ Il Calcio Illustrato, Rizzoli Edizioni, 1948, p. 159
  7. ^ Il Calcio Illustrato, Rizzoli Edizioni, 1949, p. 159
  8. ^ Aloisio Bonfanti, 1963, al Lecco lo scudetto dei giovani De Martino, Ilpuntostampa.info, 2 luglio 2013. URL consultato l'11 gennaio 2014.
  9. ^ Luigi Garlando. L'esempio di Scirea, una favola che vive, da La Gazzetta dello Sport, 3 settembre 1999, p. 10
  10. ^ Cinque vittorie di fila già nel '75, '91 e '94, La Nuova Ferrara, 24, p. 23. URL consultato l'11 gennaio 2014.
  11. ^ Paolo Negri, La lotta per la serie A è un sogno che dura poco, La Nuova Ferrara, 28, p. 34. URL consultato l'11 gennaio 2014.
  12. ^ Beltrami, 1978, p. 275
  13. ^ Roberto Gelato. Capello non è profeta a Lecco, da Stampa Sera, 23 aprile 1979, p. VIII
  14. ^ Beltrami, 1982, p. 179
  15. ^ Beltrami, 1983, p. 181

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1979. Modena, Panini, 1978.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, Panini, 1982.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1984. Modena, Panini, 1983.