Gruppo ospedaliero San Donato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gruppo Ospedaliero San Donato
StatoItalia Italia
Fondazione1957 a Pavia
Fondata daLuigi Rotelli
Sede principaleLombardia Lombardia
Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Persone chiave
Settoreospedaliero
Fatturato1,65 miliardi di Euro[1] (2018)
Dipendenti16.600 (2018)
Slogan«La Cultura della Salute dal 1957»
Sito web
Ospedale di San Donato Milanese - Ingresso via Maritano (2019)
Gruppo Ospedaliero San Donato lato piazza Malan a San Donato Milanese (maggio 2018)

Il Gruppo Ospedaliero San Donato (GSD) è uno dei più grandi gruppi di ospedali privati italiani[2], con un centro diagnostico e 18 ospedali (di cui 3 IRCCS)[3] situati in Lombardia e uno in Emilia-Romagna a Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del Gruppo Ospedaliero San Donato risale al 1957, quando Luigi Rotelli, chirurgo, fondò, insieme ad altri medici, l'Istituto di Cura Città di Pavia a cui seguì, nel 1969, il policlinico San Donato.

Il processo di sviluppo, che ha portato il Gruppo Ospedaliero San Donato a divenire, nel tempo, per crescita interna e per successive acquisizioni, la prima azienda ospedaliera d'Italia, ha inizio nel 1980 sotto la guida del figlio Giuseppe Rotelli. Nel 2000, il Gruppo acquisisce per 500 miliardi di lire le strutture di Antonino Ligresti[4].

Il 10 gennaio 2012 il gruppo si aggiudica per 405 milioni di euro l'ospedale San Raffaele di Milano[5] battendo lo Ior del Vaticano e l'imprenditore genovese Vittorio Malacalza.[6] Dall'11 maggio 2012 il gruppo controlla la Ospedale San Raffaele srl nella quale sono state trasferite le attività sanitarie e di ricerca dell'Ospedale San Raffaele.

Nel 2015 Paolo Rotelli, figlio maggiore di Giuseppe Rotelli, diventa presidente del Gruppo[7].

Da giugno 2017 Elena Bottinelli subentra alla guida del San Raffaele in seguito alle dimissioni di Nicola Bedin[8][9].

Nel luglio 2019 Angelino Alfano viene nominato presidente del Gruppo e Paolo Rotelli va a ricoprire il ruolo di vicepresidente[10] insieme a Kamel Ghribi, mentre Francesco Galli è confermato nell'incarico di amministratore delegato.[1]

Il polo universitario[modifica | modifica wikitesto]

L'attività didattica[11] del gruppo è rafforzata da un pluriennale insediamento universitario in diverse aziende, tra cui:

Gli IRCCS e la ricerca scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo comprende tre istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS): l'ospedale San Raffaele di Milano per la "medicina molecolare", il policlinico San Donato per le "malattie del cuore e dei grandi vasi nell'adulto e nel bambino" e l'Istituto ortopedico Galeazzi per le "malattie dell'apparato locomotore".

Le strutture[modifica | modifica wikitesto]

  • Policlinico San Pietro - Ponte San Pietro (BG)
  • Centro Diagnostico Treviglio - Treviglio (BG)
  • Policlinico San Marco - Zingonia (BG)
  • Villa Erbosa - Bologna
  • Istituto Clinico Città di Brescia - Brescia
  • Istituto Clinico S.Anna - Brescia
  • Istituto Clinico San Rocco - Ome (BS)
  • Istituto Clinico Villa Aprica - Como
  • Casa di Cura la Madonnina - Milano
  • Istituto Clinico San Siro - Milano
  • Istituto Clinico Sant'Ambrogio - Milano
  • IRCCS Istituto ortopedico Galeazzi - Milano
  • IRCCS Policlinico San Donato - San Donato Milanese (MI)
  • IRCCS Ospedale San Raffaele - Segrate-Milano[13][14][15]
  • Istituti Clinici Zucchi - Brugherio, Carate Brianza e Monza (MB)
  • Istituto di Cura Città di Pavia - Pavia
  • Istituto di Cura Beato Matteo - Vigevano (PV)
  • Smart Clinic[16] - Orio al Serio (BG), Stezzano (BG), Cantù (CO)
  • Smart Dental Clinic[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gruppo San Donato: Alfano presidente, Galli ancor Ad, Berta entra nel cda degli Iob, su bergamonews.it, 9 luglio 2019. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  2. ^ Marco Sabella, Humanitas e Gruppo San Donato, i big della sanità privata italiana, in Corriere della Sera, 16 marzo 2016. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  3. ^ Gli Ospedali, su grupposandonato.it. URL consultato il 9 luglio 2016.
  4. ^ Rotelli compra i cinque ospedali di Ligresti - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  5. ^ San Raffaele a Rotelli, Malacalza non ha rilanciato l'offerta, Corriere della Sera, 10 gennaio 2012. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  6. ^ Gianni Barbacetto, Alfano, l'ex delfino di B. è il console di "Sua Sanità", Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2019, p. 14
  7. ^ Il baby imprenditore che gestisce un impero da 1,5 miliardi di euro, in ilGiornale.it. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  8. ^ Federico De Rosa, Scossa ai vertici del San Raffaele, Bedin lascia la guida, in Corriere della Sera, 23 giugno 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  9. ^ Gruppo ospedaliero San Donato: l’Ad Nicola Bedin lascia l’incarico, in Affaritaliani.it, 22 giugno 2017. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  10. ^ Dalla politica alla sanità, nuova vita per Angelino Alfano: l'ex ministro diventa presidente del Gruppo San Donato, su Repubblica.it, 9 luglio 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  11. ^ Didattica, su grupposandonato.it. URL consultato il 9 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  12. ^ L'Università, su unisr.it. URL consultato il 9 luglio 2016.
  13. ^ Sociologia e Ricerca sociale, vol. 12, Roma, La Goliardica, 1991, p. 84.
  14. ^ Simona Ravizza, San Raffaele, pochi metri più in là e si nasce a Milano, in Corriere della Sera, 5 febbraio 2015. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  15. ^ Incidente sulla Teem intervengono i Vigili del fuoco "Sirene di notte", in La Martesana, 21 novembre 2017. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  16. ^ Corpore Sano Smart Clinic, su www.smartclinic.it. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  17. ^ Smart Dental Clinic, su smartdentalclinic.grupposandonato.it. URL consultato il 14 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]