Grande Maresciallo del Demonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grande Maresciallo del demonio
UniversoIl Grande Mazinga
Lingua orig.Giapponese
1ª app.1974
app. it.1979
Voce italianaFranco Odoardi
SessoMaschio
Luogo di nascitaGermania / Mikenes

Grande Maresciallo del Demonio è uno degli antagonisti principali della serie animata Il Grande Mazinga, creato dallo sceneggiatore Gō Nagai. È il sostituto del Generale Nero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È scelto dal malvagio Imperatore delle Tenebre, dopo la morte del Generale Nero, per prenderne le veci. Altri non è che il Dottor Inferno, antico nemico di Koji Kabuto in Mazinga Z; salvato dal suo alleato Granduca Gorgon dopo l'esplosione che l'ha fatto entrare in coma oltre ad avergli causato la perdita di un occhio, è stato poi risvegliato dall'Imperatore che l'ha installato infine in un corpo meccanico. Il Maresciallo avrà buoni rapporti con i sette Generali del Regno (gli ex sottoposti del Generale Nero), mentre sarà spesso in disputa con il ministro Argos e ancor di più con la collaboratrice di questo, la marchesa Yanus, traendo gioia dagli insuccessi di entrambi. Questo atteggiamento finirà per nuocere alla causa dei Micenei, soprattutto quando egli in un'occasione negherà il suo aiuto alla marchesa: i dissapori tra i due porteranno alla distruzione dell'isola fortificata fatta costruire a suo tempo dal Duca Gorgon ed usata come base avanzata per gli attacchi contro la Fortezza delle Scienze. Da questo momento la fortuna del Maresciallo precipiterà.

Nell'ultima puntata il Maresciallo si barrica con la marchesa, Argos e Scarabeth dentro la fortezza Demonica per un'ultima disperata resistenza: il ritorno di Koji Kabuto alla guida di Mazinga Z ricorazzato in nuova superlega Z fa sì che la fortezza rimanga gravemente danneggiata: con l'aiuto degli altri robot, Grande Mazinga, Venus e Diana, essa infine verrà fatta esplodere, causando la morte del Maresciallo e degli altri occupanti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]