Gran Premio motociclistico di Svezia 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Svezia GP di Svezia 1989
447º GP della storia del Motomondiale
13ª prova su 15 del 1989
Scandinavian Raceway.svg
Data 13 agosto 1989
Nome ufficiale Swedish TT
Luogo Circuito di Anderstorp
Percorso 4,017 km
Circuito permanente
Risultati
Classe 500
402º GP nella storia della classe
Distanza 30 giri, totale 120,93 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Wayne Rainey Francia Christian Sarron
Yamaha in 1'32,49 Yamaha in 1'31,99
Podio
1. Stati Uniti Eddie Lawson
Honda
2. Francia Christian Sarron
Yamaha
3. Australia Wayne Gardner
Honda
Classe 250
409º GP nella storia della classe
Distanza 25 giri, totale 100,775 km
Pole position Giro veloce
Spagna Carlos Cardús Spagna Sito Pons
Honda in 1'36,74 Honda in 1'36,36
Podio
1. Spagna Sito Pons
Honda
2. Germania Reinhold Roth
Honda
3. Svizzera Jacques Cornu
Honda
Classe 125
384º GP nella storia della classe
Distanza 23 giri, totale 92,713 km
Pole position Giro veloce
Spagna Àlex Crivillé Spagna Àlex Crivillé
JJ Cobas in 1'43,61 JJ Cobas in 1'42,77
Podio
1. Spagna Àlex Crivillé
JJ Cobas
2. Paesi Bassi Hans Spaan
Honda
3. Giappone Kohji Takada
Honda
Classe sidecar
Distanza 23 giri
Pole position Giro veloce
Regno Unito Steve Webster Francia Alain Michel
LCR-Krauser LCR-Krauser
Podio
1. Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser
2. Francia Alain Michel
LCR-Krauser
3. Regno Unito Steve Webster
LCR-Krauser

Il Gran Premio motociclistico di Svezia è stato il tredicesimo appuntamento del motomondiale 1989. Si è svolto il 13 agosto sul circuito di Anderstorp e vi hanno gareggiato le classi 125, 250 e 500 oltre alla classe sidecar.

Le vittorie nelle tre gare in singolo disputate sono state di Eddie Lawson in 500, Sito Pons in 250 e Àlex Crivillé in 125[1][2], mentre tra i sidecar si è imposto l'equipaggio Rolf Biland/Kurt Waltisperg.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Vincendo la gara e approfittando del fatto che il maggiore rivale nella corsa al titolo, Wayne Rainey, si è dovuto ritirare, lo statunitense Eddie Lawson si distacca in classifica generale e ora ha 13,5 punti di vantaggio sull'avversario[2].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Stati Uniti Eddie Lawson Honda 46.31.95 3 20
2 Francia Christian Sarron Yamaha 46.37.60 4 17
3 Australia Wayne Gardner Honda 46.56.98 14 15
4 Regno Unito Niall Mackenzie Yamaha 47.03.58 6 13
5 Australia Kevin Magee Yamaha 47.23.50 5 11
6 Regno Unito Ron Haslam Suzuki 47.27.40 8 10
7 Italia Pierfrancesco Chili Honda 47.27.61 7 9
8 Francia Adrien Morillas Honda 47.27.79 12 8
9 Regno Unito Robert McElnea Honda 48.05.45 10 7
10 Giappone Tadahiko Taira Yamaha 1 giro 11 6
11 Italia Alessandro Valesi Yamaha 1 giro 15 5
12 Regno Unito Simon Buckmaster Honda 1 giro 21 4
13 Italia Fabio Biliotti Honda 2 giri 19 3
14 Svizzera Bruno Kneubühler Honda 2 giri 26 2
15 Spagna Juan López Mella Honda 2 giri 18 1
16 Svizzera Nicholas Schmassmann Honda 2 giri 20
17 Finlandia Timo Paavilainen Suzuki 2 giri 27

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Stati Uniti Wayne Rainey Yamaha 1
Stati Uniti Kevin Schwantz Suzuki 2
Francia Rachel Nicotte Chevallier 17
Norvegia Torbjorn Bastiansen Suzuki 25
Svezia Peter Lindén Honda 13
Germania Andreas Leuthe Suzuki 24
Regno Unito Alan Carter Honda 22

Non partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Austria Josef Doppler Honda 23
Svizzera Marco Gentile Fior 16
Italia Luca Cadalora Yamaha 9

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Già vincitore del titolo mondiale, lo spagnolo Sito Pons non si accontenta e ottiene il suo settimo successo dell'anno, precedendo il tedesco Reinhold Roth e lo svizzero Jacques Cornu[1].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Spagna Sito Pons Honda 40.37.68 4 20
2 Germania Reinhold Roth Honda 40.39.33 3 17
3 Svizzera Jacques Cornu Honda 40.39.82 5 15
4 Spagna Carlos Cardús Honda 40.41.51 1 13
5 Italia Luca Cadalora Yamaha 40.47.25 2 11
6 Giappone Toshihiko Honma Yamaha 40.50.10 12 10
7 Belgio Didier de Radiguès Aprilia 40.50.47 9 9
8 Germania Martin Wimmer Aprilia 41.02.39 8 8
9 Brasile Alex Barros Yamaha 41.11.33 29 7
10 Spagna Juan Garriga Yamaha 41.11.62 6 6
11 Germania Jochen Schmid Honda 41.12.13 15 5
12 Paesi Bassi Wilco Zeelenberg Honda 41.17.92 11 4
13 Germania Harald Eckl Aprilia 41.18.19 26 3
14 Austria Andreas Preining Aprilia 41.19.05 18 2
15 Francia Alain Bronec Aprilia 41.36.75 23 1
16 Irlanda Gary Cowan Yamaha 41.37.30 19
17 Germania Manfred Herweh Yamaha 41.45.06 28
18 Paesi Bassi Patrick van den Goorbergh Yamaha 41.45.47 24
19 Germania Hans Becker Honda 41.45.76 27
20 Svezia Peter Lindén Yamaha 42.00.78 22
21 Francia Jean-Francois Foray Yamaha 1 giro 32
22 Svezia Johan Svaerdgren Yamaha 1 giro 36
23 Italia Alberto Rota Aprilia 1 giro 1 ronde
24 Austria August Auinger Yamaha 1 giro 34

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Cambio al vertice della classifica dell'ottavo di litro: il precedente capoclassifica, l'italiano Ezio Gianola, è caduto; in questo modo lo spagnolo Àlex Crivillé vincitore della corsa e l'olandese Hans Spaan, giunto secondo, l'hanno sopravanzato ad una sola prova dal termine della stagione[1][2].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Spagna Àlex Crivillé JJ Cobas 39.56.09 1 20
2 Paesi Bassi Hans Spaan Honda 39.58.86 2 17
3 Giappone Koji Takada Honda 39.59.10 7 15
4 Spagna Jorge Martínez Derbi 39.59.34 4 13
5 Italia Fausto Gresini Garelli 40.27.03 13 11
6 Germania Stefan Prein Honda 40.27.32 6 10
7 Stati Uniti Allan Scott Honda 40.42.89 5 9
8 Danimarca Flemming Kistrup Honda 40.44.55 12 8
9 Germania Hubert Abold Rotax 40.48.35 9 7
10 Finlandia Johnny Wickström Honda 40.50.25 22 6
11 Germania Dirk Raudies Honda 40.50.75 32 5
12 Austria Mike Leitner Honda 40.52.00 14 4
13 Regno Unito Stuart Edwards Honda 40.52.71 17 3
14 Spagna Herri Torrontegui Honda 40.55.61 30 2
15 Finlandia Taru Rinne Honda 40.59.58 21 1
16 Svizzera Heinz Lüthi Honda 41.01.45 33
17 Regno Unito Robin Milton Honda 41.11.42 11
18 Germania Alfred Waibel Honda 41.11.91 29
19 Germania Ralf Waldmann Seel 41.12.35 18
20 Algeria Bady Hassaine Honda 41.13.19 15
21 Italia Bruno Casanova Aprilia 41.13.52 26
22 Italia Emilio Cuppini Aprilia 41.17.78 31
23 Francia Hervé Duffard Honda 41.18.01 41.18.01
24 Regno Unito Alex Bedford EMC 41.18.34 23
25 Svezia Jukka Vainio Honda 41.40.08 34

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

Nella penultima gara della stagione Rolf Biland-Kurt Waltisperg vincono precedendo di misura Michel-Fresc e Webster-Hewitt. I britannici, che partivano dalla pole position, guadagnano comunque due punti in classifica su Egbert Streuer-Geral de Haas, che devono accontentarsi del 4º posto dopo essere scattati dalla 18ª posizione in griglia[3][4].

Con un solo GP ancora da disputare, Webster, in testa al mondiale con 130 punti, può essere insidiato solo da Streuer, che insegue a 116.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5][modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1 Svizzera Rolf Biland Svizzera Kurt Waltisperg LCR-Krauser 37'52"90 20
2 Francia Alain Michel Francia Jean-Marc Fresc LCR-Krauser +0"58 17
3 Regno Unito Steve Webster Regno Unito Tony Hewitt LCR-Krauser +1"79 15
4 Paesi Bassi Egbert Streuer Paesi Bassi Geral de Haas LCR-Yamaha +16"02 13
5 Regno Unito Steve Abbott Regno Unito Shaun Smith +54"87 11
6 Regno Unito Barry Brindley Regno Unito Graham Rose Fowler-Yamaha +1'00"60 10
7 Svizzera Markus Egloff Svizzera Urs Egloff SMS-Yamaha +1'01"26 9
8 Germania Rolf Steinhausen Germania Bruno Hiller Busch 8
9 Giappone Yoshisada Kumagaya Regno Unito Phillip Coombes Windle-Yamaha 7
10 Germania Fritz Stölzle Germania Hubert Stölzle LCR-Krauser 6
11 Germania Bernd Scherer Germania Thomas Schröder BSR-Krauser 5
12 Svizzera René Progin Svizzera Yvan Hunziker LCR-Krauser 4
13 Francia Yvan Nigrowsky Francia Jacques Corbier LCR-JPX 3
14 Svizzera Tony Wyssen Svizzera Kilian Wyssen LCR-Krauser 2
15 Austria Wolfgang Stropek Regno Unito Steve Campbell LCR-Krauser 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Alex Criville acaricia el titulo, El Mundo Deportivo, 14 agosto 1989. URL consultato il 21 maggio 2016.
  2. ^ a b c Gianola cade mentre è al comando, La Stampa, 14 agosto 1989. URL consultato il 21 maggio 2016.
  3. ^ (FR) Rainey chute et Lawson gagne, La Liberté, 14 agosto 1989, p. 24. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  4. ^ (NL) Egbert Streuer ziet achterstand verder groeien, Nieuwsblad van het Noorden, 14 agosto 1989, p. 16. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  5. ^ Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 19 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1989
Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Yugoslavia (1946-1992).svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1988
Gran Premio motociclistico di Svezia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1990