Giuseppe Gabbin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Gabbin (Settecomuni, 1889Santa Lucia d'Isonzo, 25 ottobre 1917) è stato un militare italiano.

Tenente dei bersaglieri sulle Giudicarie, passò poi all'aeronautica dove viene promosso a capitano. Combatté sul Carso comandando dall'estate 1917 la 25ª Squadriglia "Voisin" (e volò anche assieme a D'Annunzio), ma il suo aereo venne abbattuto l'indomani della Rotta di Caporetto.

Nel 2005 è stato pubblicato il libro Qui finisce l'odio del mondo. La Grande Guerra nelle memorie e nelle immagini del capitano Giuseppe Gabbin di Dino Vecchiato e Giampietro Zanon[1], che raccoglie l'epistolario di Gabbin, preziosa testimonianza sulla grande guerra.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Gabbin fu decorato con una medaglia di bronzo e tre Medaglie d'argento al valor militare, di cui una alla memoria. A lui sono state inoltre intitolate una via e una piazza di Preganziol, comune d'origine, e un'aula della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Padova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vecchiato Dino e Zanon Giampietro, Qui finisce l'odio del mondo. La Grande Guerra nelle memorie e nelle immagini del capitano Giuseppe Gabbin, Mursia, 2005, ISBN 88-425-3366-1.


Controllo di autorità VIAF: (EN68350581 · ISNI: (EN0000 0000 3669 0841 · LCCN: (ENn2006004065 · BNF: (FRcb16568074k (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie