Giulio Sanguineti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulio Sanguineti
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Giulio Sanguineti.svg
In sanguine suo
Titolo Brescia
Incarichi attuali Vescovo emerito di Brescia
Incarichi ricoperti Vescovo di Savona e Noli
Vescovo di Savona-Noli
Vescovo della Spezia-Sarzana-Brugnato
Vescovo di Brescia
Nato 20 febbraio 1932 (85 anni) a Lavagna
Ordinato presbitero 29 maggio 1955 dal vescovo Francesco Marchesani
Nominato vescovo 15 dicembre 1980 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 6 gennaio 1981 da papa Giovanni Paolo II

Giulio Sanguineti (Lavagna, 20 febbraio 1932) è un vescovo cattolico italiano, dal 19 luglio 2007 vescovo emerito di Brescia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Santa Giulia di Centaura, frazione di Lavagna, in provincia di Genova e diocesi di Chiavari, il 20 febbraio 1932; è l'ultimo di tre fratelli[1]. Il 20 marzo viene battezzato, nella chiesa di Santa Giulia di Centaura[1].

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il seminario diocesano di Chiavari, dove compie gli studi teologici e filosofici, e la Pontificia Università Gregoriana, dove ottiene la laurea in diritto canonico.

Il 27 marzo 1955 è incardinato nella diocesi di Chiavari ed il successivo 29 maggio è ordinato presbitero, nella cattedrale di Nostra Signora dell'Orto, dal vescovo Francesco Marchesani[1].

Dopo l'ordinazione è vicerettore ed insegnante di morale e diritto canonico nel seminario diocesano, in seguito diventa cancelliere vescovile, penitenziere della cattedrale ed assistente diocesano dell'Azione Cattolica femminile. Nel 1966 è nominato delegato vescovile ed in seguito vicario generale dal vescovo Luigi Maverna; viene riconfermato nell'incarico dal successore Daniele Ferrari.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 dicembre 1980 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Savona e Noli; succede a Franco Sibilla, precedentemente nominato vescovo di Asti. Riceve l'ordinazione episcopale il 6 gennaio 1981, nella basilica di San Pietro in Vaticano, dallo stesso papa, conconsacranti l'arcivescovo Giovanni Canestri (poi cardinale) ed il vescovo Belchior Joaquim da Silva Neto. Il 30 settembre 1986, in seguito alla plena unione delle due diocesi, diventa vescovo di Savona-Noli.

Il 7 dicembre 1989 è nominato vescovo della Spezia-Sarzana-Brugnato dallo stesso pontefice; succede a Siro Silvestri, dimessosi per raggiunti limiti di età. Nel 1995 è eletto presidente della Commissione CEI per le comunicazioni sociali; resta in carica fino al 2000.

Il 19 dicembre 1998 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Brescia; succede all'arcivescovo Bruno Foresti, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 28 febbraio 1999 prende possesso della diocesi.

Il 13 novembre 2002, presso gli ex locali della Libreria Queriniana di Brescia, inaugura la nuova sede del Centro Oratori Bresciani, volto ad essere il braccio operativo della Pastorale Giovanile a Brescia.

Il 19 luglio 2007 papa Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia, presentata per raggiunti limiti di età; gli succede Luciano Monari, fino ad allora vescovo di Piacenza-Bobbio.

Dal 17 settembre 2007 risiede a Rapallo, mentre dal novembre 2010 risiede a Santa Giulia di Centaura, suo paese natale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il Giubileo sacerdotale del vescovo Sanguineti, su webregioni.chiesacattolica.it, 24 maggio 2005. URL consultato il 5 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Savona e Noli Successore BishopCoA PioM.svg
Franco Sibilla 15 dicembre 1980 - 30 settembre 1986 -
Predecessore Vescovo di Savona-Noli Successore BishopCoA PioM.svg
- 30 settembre 1986 - 7 dicembre 1989 Roberto Amadei
Predecessore Vescovo della Spezia-Sarzana-Brugnato Successore BishopCoA PioM.svg
Siro Silvestri 7 dicembre 1989 - 19 dicembre 1998 Bassano Staffieri
Predecessore Vescovo di Brescia Successore BishopCoA PioM.svg
Bruno Foresti 19 dicembre 1998 - 19 luglio 2007 Luciano Monari