Girolamo Farnese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Girolamo Farnese
cardinale di Santa Romana Chiesa
Inerle Farnese Girolamo.jpg
CardinalCoA PioM.svg
 
Nato30 settembre 1599, Latera
Nominato arcivescovo11 aprile 1639 da papa Urbano VIII
Consacrato arcivescovo26 aprile 1639 dal vescovo Giovanni Battista Scanaroli
Creato cardinale9 aprile 1657 da papa Alessandro VII
Pubblicato cardinale29 aprile 1658 da papa Alessandro VII
Deceduto18 febbraio 1668, Roma
 

Girolamo Farnese (Latera, 30 settembre 1599Roma, 18 febbraio 1668) è stato un cardinale italiano, duca di Latera.

Stemma Farnese

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò all'Università di Parma sotto la protezione di Ranuccio I Farnese e durante il pontificato di Paolo V entrò nella Curia romana, dove ebbe incarichi minori.

L'11 luglio 1639 fu nominato arcivescovo titolare di Patrasso; ricevette la consacrazione episcopale il 26 luglio dello stesso anno dal vescovo Giovanni Battista Scanaroli. Dal 1639 al 1643 fu nunzio apostolico in Svizzera, dopodiché tornò a Roma come segretario della Congregazione per i Vescovi e i Regolari. Nel 1650 fu nominato governatore di Roma e nel 1655 prefetto del Palazzo Apostolico e governatore di Castel Gandolfo.

Nel concistoro del 9 aprile 1657 papa Alessandro VII lo creò cardinale in pectore. Fu pubblicato il 29 aprile 1658 e il 6 maggio dello stesso anno ricevette il titolo di Sant'Agnese fuori le mura. Fu legato a Bologna dal 1658 al 1662.

Nel 1662, dopo la morte del fratello Pietro, divenne duca di Latera. Emanò molti decreti (nel linguaggio tecnico medievale-moderno si parla di ordinanze) a favore della popolazione laterese, tanto che quando morì, nel 1668, la comunità di Latera gli organizzò un fastosissimo funerale, e giurò eterna fedeltà ai Farnese, "Vassalli di Cristo".

Partecipò al conclave del 1667, che elesse papa Clemente IX.

Morì a Roma e fu sepolto nella chiesa del Gesù.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51835444 · ISNI (EN0000 0000 7975 2950 · SBN IT\ICCU\BVEV\131890 · LCCN (ENno2011191333 · GND (DE120157969 · BNF (FRcb133242361 (data) · BAV ADV10306325 · CERL cnp00559819