Ciriaco Rocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ciriaco Rocci
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiNunzio apostolico in Svizzera
Nunzio apostolico in Austria
Camerlengo del Collegio cardinalizio
 
Nato8 agosto 1582 a Roma
Ordinato presbitero14 giugno 1628
Nominato arcivescovo29 maggio 1628 da papa Urbano VIII
Consacrato arcivescovo3 luglio 1628 dal cardinale Giulio Cesare Sacchetti
Creato cardinale19 novembre 1629 da papa Urbano VIII
Pubblicato cardinale28 novembre 1633 da papa Urbano VIII
Deceduto25 settembre 1651 a Roma
 

Ciriaco Rocci (Roma, 8 agosto 1582Roma, 25 settembre 1651) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Bernardino Rocci e Clarice Arrigoni, fu membro di una nobile famiglia di origine cremonese e nipote del cardinale Pompeo Arrigoni.

Studiò lettere e nel 1606, durante il pontificato di papa Paolo V, entrò nella Curia romana come abbreviatore di parco maggiore. Nel 1620 divenne governatore di Viterbo e dal 1624 al 1628 fu vicelegato a Ferrara.

Il 29 maggio 1628 fu nominato arcivescovo titolare di Patrasso. Dal 1628 al 1630 fu nunzio pontificio in Svizzera, poi in Austria dal 1630 al 1634.

Nel concistoro del 19 novembre 1629 papa Urbano VIII lo creò cardinale in pectore. Fu pubblicato il 28 novembre 1633. Il 31 maggio 1635 tornò a Roma e il 13 agosto dello stesso anno ricevette il titolo di San Salvatore in Lauro. Dal 1637 al 1640 fu legato a Ferrara, dove, con lo pseudonimo di Minchius Maximus, scrisse il trattatello Erotica Dottrina.

Partecipò al conclave del 1644, che elesse papa Innocenzo X.

Morì a Roma e fu sepolto nella chiesa di Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89113516 · ISNI (EN0000 0000 8345 2926 · GND (DE1038025702