Giorgio Gambin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Gambin
Piacenza Football Club 1975-1976.jpg
Gambin (accosciato, secondo da sinistra) al Piacenza nella stagione 1975-1976
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178[1] cm
Peso 81[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1981 - giocatore
Carriera
Giovanili
Legnago
Squadre di club1
1966-1967 SPAL 0 (0)
1967-1968 Empoli 4 (0)
1968-1969 SPAL 5 (0)
1969-1970 Siena 36 (10)
1970-1971 SPAL 10 (2)
1971-1972 Giulianova 32 (4)
1972-1973 Bellaria 32 (23)
1973-1974 SPAL 14 (3)
1974 Brindisi 1 (0)
1974-1977 Piacenza 100 (26)
1977-1978 Rimini 26 (5)
1978-1979 Fano 37 (4)
1979-1981 Francavilla 66 (9)
1981-1982 Mantova 25 (4)
1982-1983 Vigor Senigallia 10 (3)
1983-1984 Giorgione 17 (3)
Carriera da allenatore
????Legnago
1988Lanerossi VicenzaVice
????non conosciuta Pontelagoscuro
2003-2004non conosciuta Ugo Costa Cassana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giorgio Gambin (Merlara, 6 agosto 1948) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricoperto tutti i ruoli dell'attacco: è stato impiegato come centravanti[2], ala[3] e mezzala[4][5].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Legnago[1], nel 1966 passa alla SPAL[1], dove rimane fino al 1974 alternando la militanza nella formazione estense con numerosi prestiti. Nel 1967 è all'Empoli[1]; l'anno successivo rientra a Ferrara, e in questa stagione esordisce in Serie B[6].

Nella stagione 1969-1970 passa in prestito al Siena, in Serie C: disputa una stagione da titolare nel ruolo di ala, realizzando 10 reti in 36 partite[3]. Torna poi alla SPAL per un'altra stagione, questa volta in Serie C, e nelle due annate successive va in prestito al Giulianova[1] e al Bellaria[5]. Con i romagnoli realizza 23 reti (record personale) nel campionato di Serie D 1972-1973[5], ma la promozione sfuma allo spareggio contro il Riccione.

Nel 1973 viene ripreso per l'ennesima volta dalla SPAL[7]: disputa un campionato come rincalzo, realizzando anche 3 reti[8]. A fine stagione viene ceduto definitivamente al Brindisi, sempre in Serie B, ma già in ottobre passa al Piacenza[4] allenato dal suo maestro Giovan Battista Fabbri che lo aveva avuto nella SPAL[9]. Impiegato come mezzala (in un attacco che comprende anche Bruno Zanolla e Natalino Gottardo), realizza 13 reti[4], e contribuisce alla promozione in Serie B; nella stagione successiva il Piacenza retrocede, nonostante le 8 reti di Gambin che risulta essere il capocannoniere della squadra[10].

Dopo un'ulteriore stagione nel Piacenza[11], nel 1977 viene acquistato dal Rimini[12][13], tornando a militare in Serie B. L'anno successivo accetta una doppia discesa di categoria, trasferendosi al Fano[14], in Serie C2, e con i marchigiani vince il campionato ottenendo la promozione in C1. Dopo aver militato anche nel Francavilla[15] e nel Mantova, in Serie C1[16][17], chiude la carriera con un'annata nella Vigor Senigallia (Serie C2) e una nel Giorgione in Interregionale.

Ha totalizzato 80 presenze e 16 reti in Serie B.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve esperienza da allenatore nel Legnago, lascia temporaneamente il mondo del calcio aprendo un negozio di articoli sportivi a Merlara[18]. Nel 1988 il suo ex compagno al Piacenza Mario Manera lo chiama per assumere il ruolo di allenatore in seconda del Lanerossi Vicenza, al fianco di Ernesto Galli[18].

Stabilitosi a Ferrara, ha allenato i dilettanti del Pontelagoscuro[19] e dell'Ugo Costa Cassana[20]; in seguito è tornato al Pontelagoscuro per occuparsi del settore giovanile[19][20][21]. È opinionista televisivo[2] e capitano della Master Spal[22], formazione di ex giocatori della squadra ferrarese allenata da Fabbri e impegnata in esibizioni di beneficenza[23].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Piacenza: 1974-1975
Fano: 1978-1979

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Album Panini, edizione 1975-1976
  2. ^ a b Questa Spal piace proprio a tutti La Nuova Ferrara, 28 settembre 2006, pag.41
  3. ^ a b C.Fontanelli, N.Natili, 100 anni con la Robur, GEO Edizioni, pag.278
  4. ^ a b c Rosa 1974-1975 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ a b c I precursori. Gambin si impose in Romagna La Nuova Ferrara, 26 novembre 2003, pag.44
  6. ^ C.Fontanelli, P.Negri, Il calcio a Ferrara, GEO Edizioni, pag.214
  7. ^ Le venti della B, L'Unità, 16 luglio 1973, pag.9
  8. ^ Serie B 1973-1974 Xoomer.virgilio.it
  9. ^ Tanti ex per abbracciare Fabbri, La Nuova Ferrara, 10 marzo 2010, pag.32
  10. ^ Rosa 1975-1976 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Rosa 1976-1977 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Acquisti e cessioni 1977-1978 Storiapiacenza1919.it
  13. ^ Stagione 1977-1978 Rimicalcio.storia.xoom.it
  14. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1979, ed.Panini, pag.314
  15. ^ La Triestina ci condanna, è C2 La Gazzetta di Mantova, 4 agosto 2003, pag.18
  16. ^ Silvano Todeschini, Almanacco del calcio biancorosso 1906-2006, Tre Lune Edizioni, pag.302
  17. ^ La torrida estate del 1982: quando l'Acm divenne Cal.Ma La Gazzetta di Mantova, 11 agosto 2003, pag.20
  18. ^ a b Dall'urna di Milanofiori esce solo Scaglia, Libertà, 9 luglio 1988, pag.19
  19. ^ a b Il Pontelagoscuro cambia tutto per puntare in alto, La Nuova Ferrara, 19 luglio 2004, pag.23
  20. ^ a b Valzer di allenatori, Croci va al Cassana La Nuova Ferrara, 17 luglio 2004, pag.40
  21. ^ Il Pontelagoscuro dei ragazzi. Gambin: «Prima di tutto educatori», La Nuova Ferrara, 16 ottobre 2007, pag.32
  22. ^ Evangelisti, garanzia di vittoria La Nuova Ferrara, 12 luglio 2007, pag.35
  23. ^ Peppone vs Don Camillo Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. Comacchio.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco Illustrato del Calcio, ed. Panini, annate 1978-1979

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]