Giorgio Casali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Casali (Lodi, 27 luglio 1913Milano, maggio 1995) è stato un fotografo italiano.

Nato nel 1913 e rimasto orfano di entrambi i genitori, si trasferisce a Milano nel 1928. Comincia a lavorare come garzone nello studio fotografico Rambaldi, dove fa l'apprendistato fotografico. Nel 1938 avvia uno studio fotografico in società con Giovanni Muzzarelli. Nel 1951 ha l'opportunità di entrare in contatto con Gio Ponti per il quale realizza le immagini della Superleggera. Da questo momento matura una proficua collaborazione di circa trent'anni con la rivista internazionale Domus.

Casali diviene così l'interprete di numerose tra le grandi opere dell'architettura del dopoguerra e del design made in Italy. Come inviato di Domus, è testimone dei principali avvenimenti dell'arte e dell'architettura quali la Biennale di Venezia e la Triennale di Milano negli anni del boom economico.

Durante la collaborazione con Domus, Casali diventa il fotografo preferito da molti tra i più importanti architetti e designer italiani: ai nomi di Franco Albini, Gianni Avon, Gae Aulenti, Studio BBPR, Melchiorre Bega, Piero Bottoni, Joe Colombo, Vico Magistretti, Bruno Morassutti, Marcello Nizzoli, Alberto Rosselli, Ettore Sottsass jr, Vittoriano Viganò, Marco Zanuso, Giancarlo De Carlo, Ignazio Gardella, Angelo Mangiarotti e Luciano Baldessari. A lui si affidano inoltre le principali aziende italiane del settore del design (Cassina, Gavina, Knoll, Kartell e altri ancora) per la presentazione e pubblicizzazione dei loro prodotti.

Tra i reportage più rappresentativi si ricordano quelli per:

Inoltre ritrae all'opera gli artisti Lucio Fontana e Fausto Melotti.

Nel 1971 riceve il premio "A d'oro" della città di Milano riservato ai migliori fotografi di architettura, interni e design.

A partire degli anni settanta, il figlio Oreste, la cui presenza risulta costante nel corso della sua produzione fotografica, comincia a lavorare attivamente col padre nella realizzazione dei servizi per Domus. Dopo Domus, padre e figlio continuano a lavorare nel mondo dell'architettura esponendo le proprie fotografie in numerose mostre e realizzando reportages.

Giorgio Casali si spegne nel maggio del 1995, seguito a distanza di due mesi dal figlio.

Il fondo fotografico Casali è conservato presso l'Archivio progetti dell'Università IUAV di Venezia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Maggi e Italo Zannier, Giorgio Casali. Fotografo/Domus 1951-1983. Architettura, design e art in Italia, Silvana Editore, Milano 2013.

Teresita Scalco, Identità variabile. La materia messa a fuoco, in Chiara Casarin, Eva Ogliotti (a cura di), Diafano. Vedere attraverso, Zel edizioni, Treviso 2012, pp. 127–129.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN25741650 · ISNI: (EN0000 0000 2079 2405 · LCCN: (ENn2013035539
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie