Gherardo Gossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gherardo Gossi (Torino, 24 gennaio 1958) è un direttore della fotografia italiano.

È collaboratore abituale dei registi Guido Chiesa, Daniele Vicari e Daniele Gaglianone, per i quali ha curato la fotografia di buona parte delle loro opere, sia documentarie che di finzione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato di cinema e fotografia, segue all'università di Torino i corsi di storia e critica del cinema di Gianni Rondolino, pur senza concludere gli studi. Inizia la propria carriera professionale come operatore in una rete televisiva torinese, Teleuropa 3, per poi fondare con Lucia Moisio e Walter Buccino la società di produzione MDP Cinema e Video, che realizza documentari e cortometraggi.[1] Nella troupe del direttore della fotografia Claudio Meloni lavora ad alcune serie televisive e al film Zen (1987) diretto da Gian Vittorio Baldi. Fra la fine degli anni ottanta e i primi novanta lavora molto anche in campo pubblicitario.[1]

Il suo esordio come direttore della fotografia di un lungometraggio cinematografico coincide con quello alla regia di Guido Chiesa, Il caso Martello (1992). È l'inizio di un proficuo sodalizio professionale che si sviluppa sia attraverso documentari che film di finzione, tra cui spicca Il partigiano Johnny (2000), tratto dall'omonimo romanzo di Beppe Fenoglio, per il quale Ghossi realizza una «splendida fotografia quasi monocromatica».[2] Nel 2000 cura le immagini anche di un altro film di ambientazione piemontese e tema partigiano, I nostri anni, caratterizzato da una mescolanza di linguaggi e formati,[3] che segna l'inizio di un'altra collaborazione duratura, con Daniele Gaglianone.

Un altro cineasta che Gossi accompagna fin dagli esordi è Daniele Vicari, co-regista con Guido Chiesa del documentario sul movimento operaio torinese Non mi basta mai e poi regista di lungometraggi di finzione a partire da Velocità massima (2002).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, Recco, Le Mani, 2007. ISBN 88-8012-387-4 Vol. A-K, p. 354
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 2151
  3. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 2015

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, Recco, Le Mani, 2007. ISBN 88-8012-387-4 Vol. A-K, pp. 354-355

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN304966071 · ISNI (EN0000 0004 1664 0846 · GND (DE1038016053