Gang of Four (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gang of Four
Paese d'origine Inghilterra Inghilterra
Genere Post-punk
Alternative rock
Dance rock
New wave
Periodo di attività 1977in attività
Album pubblicati 11
Studio 9
Live 1
Raccolte 1
Sito web

I Gang of Four sono un gruppo post punk britannico, formatosi a Leeds nel 1977.

I membri originari erano il cantante Jon King, il chitarrista Andy Gill, il bassista Dave Allen e il batterista Hugo Burnham. In attività dal 1977 al 1984, si sono riformati due volte negli anni novanta con King e Gill. Nel 2004 sono tornati anche Allen e Burnham.

Il gruppo suona punk rock fortemente influenzato da funk e dub reggae, e si dedica a temi incentrati sulle difficoltà della società moderna[senza fonte]. Il loro primo disco, Entertainment!, arrivò al numero 490 della lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone. Gli ultimi lavori dei Gang of Four (Songs of the Free ed Hard) li hanno visti più alle prese con sonorità più contemporanee e quasi vicine alla disco music.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Gill e King, autori di buona parte dei lavori del gruppo, apportarono insieme una fila eclettica di influenze, dalla critica sociale neomarxista della Scuola di Francoforte alla crescente musica ed attitudine punk. La loro attività musicale fu fortemente influenzata da un viaggio a New York finanziato dall’università, dove videro i Television e i Ramones esibirsi al celebre club CBGB.

Lo stile di chitarra di Gill s’ispira a Wilko Johnson ed ai Dr. Feelgood. Jon King è invece solito ballare sul palco, secondo uno stile difficilmente imitabile. Paul Morley ha descritto la loro musica come "una sorta di funk demente, incredibilmente bianco ma anche molto oscuro dato l’impegno politico e gli slogan provocatori, e quanto più vicino possibile al meglio del blues e di Jimi Hendrix.".

Il loro primo singolo, "Damaged Goods", (1978, Fast Records), arrivò al primo posto delle classifiche riservate alla musica indie e fu molto trasmessa sui programmi radiofonici di John Peel. Ciò indusse Peel a sostenere due sessioni radio, che con varie performance dal vivo portarono il gruppo all’attenzione del pubblico internazionale. I Gang of Four poterono anche sostenere concerti di successo in Europa e Nord America. In seguito firmarono un contratto con la EMI. Con questa nuova etichetta pubblicarono il singolo "At Home He's a Tourist", ai primi 40 posti in classifica in Gran Bretagna nel 1979. Invitati ad apparire al programma BBC Top of the Pops, se ne andarono walk quando gli fu chiesto di cantare "confezioni" anziché "gomme" nei testi della canzone: infatti la versione originale di “At Home He’s a Tourist” era troppo sovversiva per quel programma. Così il singolo fu messo al bando dalla BBC, e di conseguenza i Gang of Four persero il sostegno da parte della EMI, che all’epoca cominciò invece a concentrarsi sui Duran Duran. Anche il singolo "I Love a Man in a Uniform" fu messo al bando dalla BBC, durante la guerra nelle isole Falkland nel 1982.

Il critico Stewart Mason ha considerato "Love Like Anthrax" (uno dei loro primi singoli, poi rifatto con il titolo "Anthrax") non solo la loro "canzone più famigerata", ma anche "una canzone unica ed interessante a suo tempo"[1]. Il brano è tra i tanti a rappresentare le prospettive sociali dei Gang of Four: dopo un’intro di chitarra graffiante e in feedback, la sezione ritmica scandisce un ritmo funkeggiante e la chitarra non viene più suonata. In un canale stereo King canta una "l’antitesi post-punk di una canzone d’amore", e si paragona ad uno scarabeo in trappola ("e per me non c’è modo di alzarmi e liberarmi") e paragona l’amore ad "un caso di antrace, qualcosa che non vuole afferrare.".

Nello stesso tempo, in un altro canale stereo (e un po' meno con forza nel mixaggio), Gill legge un’iscrizione sulla percezione comune dell’amore, e sulla prevalenza di canzoni d’amore nella musica pop: "L’amore viene fuori molto spesso come argomento per una canzone, perché molti gruppi realizzano canzoni perlopiù sull’innamoramento, oppure su come sono felici quando sono innamorati, e ci si chiede occasionalmente perché queste band ne parlano tutto il tempo.". La presenza di due parti vocali simultanee sono più un piccolo disorienamento, soprattutto quando Gill si sofferma sul suo esame alle canzoni d’amore ed echeggia alcune parti cantate da King.

Secondo il critico Paul Morley, "i Gang of Four mescolano la feroce precisione del blues dei Dr. Feelgood con l’avanguardia di Henry Cow. Evitando intenzionalmente le scontatezze strutturali, la dolcezza melodica e la sdolcinatezza armonica, la loro musica va incontro a buchi scomodi e parentesi aspre".

Durante un tour negli Stati Uniti persero Allen, che avrebbe poi fondato i gruppi Shriekback, Low Pop Suicide e The Elastic Purejoy; fu subito sostituito da Buster Jones, che però non registrò mai lavori con il gruppo), e poi da Sara Lee, in seguito nei B-52's. Un anno dopo anche Burnham lasciò la band, una volta rilasciato l’album Songs of the Free.

Come i Velvet Underground prima di loro, i Gang of Four influenzarono altri musicisti molto di più di quanto suggerito dalle vendite dei loro dischi. Ispirarono in particolare celebri gruppi alternative rock degli anni ottanta e novanta, anche se pochi di tali artisti ebbero il loro stesso impegno sociale e politico. Michael "Flea" Balzary, bassista dei Red Hot Chili Peppers, ha sostenuto che i Gang of Four hanno molto influenzato i primi lavori del suo gruppo. Andy Kellman, scrivendo su All Music Guide, ha anche affermato che la loro ispirazione è presente perfino in molti artisti nu metal e rapcore "anche se in modo indiretto"[2].

Mentre molti musicisti si sono rifatti non poco allo stile punk-funk del gruppo di Leeds, in essi raramente è presente la stessa implicazione sociopolitica che caratterizzava invece i testi di Jon King. Tuttavia alcuni gruppi statunitensi, come Minutemen e Fugazi, si sono dimostrati in grado di continuare le tematiche affrontate dal quartetto.

Di recente la band ha ripreso ad avere popolarità, dapprima con l’emergere di nuovi gruppi post-punk come The Rapture, Liars e Radio 4 e poi con l’ascesa di Franz Ferdinand e Bloc Party, che hanno conquistato i favori dei critici della rivista NME. Nel novembre del 2004 Burnham, Allen, Gill e King sono tornati insieme. Nell’ottobre del 2005 i Gang of Four hanno rilasciato un nuovo album con registrazioni scartate dai dischi Entertainment!, Solid Gold and Songs of the Free, intitolato Return the Gift ed accompagnato da una raccolta di remix.

Il 6 maggio 2008 Allen annuncia sul suo blog che lui e Burnham hanno lasciato il gruppo per dedicarsi ad altri progetti[3]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anthrax | AllMusic
  2. ^ Entertainment! - Gang of Four | AllMusic
  3. ^ Allen and Burnham Exit Gang of Four

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]