Semplice da Verona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fra Semplice)
Jump to navigation Jump to search
Semplice da Verona, pala dell'altare maggiore della Chiesa della Santissima Trinità (Lugano)

Fra Semplice da Verona (Verona, 1589 circa – Verona, 1654 circa) è stato un pittore e religioso italiano.[1] Venne considerato spesso come un imitatore di Paolo Veronese e del Correggio, anche se seppe realizzare lavori di ottima fattura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò ben presto in contatto con Felice Brusasorzi e la cerchia tardo-manieristica presenta a Verona, tra cui val la pena ricordare Pasquale Ottino, Alessandro Turchi e Marcantonio Bassetti.

Nel 1613 fra Semplice entrò a far parte dell'ordine dei Cappuccini; per questo motivo si occupò in prima battuta di alcune chiese e conventi appartenenti al suo ordine, sparsi in varie aree italiane e venendo in contatto con diverse tendenze culturali e tecniche pittoriche. Attirò in questo modo l'attenzione delle corti dei Duchi di Parma e Mantova.

In seguito si occupò anche della decorazione di altri luoghi di culto. Si ricordano, in particolare, le tele presenti nella parrocchiale di Marmirolo e quelle dipinte per il convento dei Cappuccini di Parma (La Sacra Famiglia e L'Annunziata). Di grande pregio anche il Cristo in Emmaus, sempre realizzato per conto del suo ordine e oggi a Roma.

Nel 1646 fu presente a Roma e in Sicilia, alcune sue opere di questo viaggio in Sicilia sono nel Convento dei Cappuccini a Caltagirone, ma tali viaggi non influirono molto sulla sua personalità, anzi le ultime opere furono alquanto ripetitive: tra le opere della sua ultima fase va ricordata la Santissima Trinità con i santi Bartolomeo e Bernardo da Chiaravalle, lavoro del 1659 conservato nella chiesa dei Cappuccini a Lugano.

Recentemente gli è stata attribuita la Vestizione di santa Chiara, precedentemente attribuita ad Annibale Carracci e conservata nel Museo di Grenoble.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, ben tre oli su tela di Fra Semplice vennero esposti nel corso dell'importante mostra La Celeste Galleria, che si tenne a Palazzo Te a Mantova. Si tratta di: Madonna col Bambino e San Francesco, Parabola dell'invitato indegno e Pietà con S. Francesco e un Angelo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non ancora accertato se Fra Semplice sia morto a Verona oppure a Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annalisa Zanni, Fra Semplice da Verona. Dritto e rovescio, Artema 1995, ISBN 88-8052-002-4
  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)
  • Angelo Mazza, L'esercizio della tutela, Soprintendenza per i beni artistici e culturali di Modena e Reggio Emilia, 1999
Controllo di autoritàVIAF (EN77185056 · ISNI (EN0000 0000 8396 194X · LCCN (ENnr89014842 · GND (DE121953653 · WorldCat Identities (ENnr89-014842