FSK Satellite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FSK Satellite
Paese d'origineItalia Italia
GenereTrap[1]
Hip hop[1]
Periodo di attività musicale2017 – in attività
EtichettaThaurus, Universal
Album pubblicati2
Studio2

Gli FSK Satellite sono un gruppo musicale trap italiano di cui sono componenti i cantanti trap Taxi B, Sapobully e Chiello Fsk.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il collettivo nasce nel 2017 a Venosa, provincia di Potenza, ed è composto da Sapobully (inizialmente noto come SapoHaze), Chiello Fsk, Taxi B (in precedenza noto come Disa e poi come TAXMANIA), ThugNizü, Powv e YoungGucci.[2] Il primo brano del collettivo è Flexioni, pubblicato su YouTube il 2 giugno 2017, a cui partecipano Sapobully, Chiello Fsk e Younggucci. Nel 2018 esce Zingaro, album indipendente composto da 8 tracce, nel quale si denotano le influenze drill di Sapobully e quelle emo di Chiello Fsk.[2]

Il collettivo sale alla ribalta con l'album FSK Trapshit, pubblicato il 12 luglio 2019 per l'etichetta Thaurus e distribuito da Universal.[3][4] L'album, appartenente al filone della trap, presenta alcune influenze hardstyle, screamo ed emo.[2][5] Il 6 dicembre 2019, viene pubblicata la riedizione di FSK Trapshit: FSK Trapshit Revenge, contenente 7 brani inediti; uno tra questi è Capi della trap, realizzato in collaborazione con Gué Pequeno.[5] Grazie alla sua riedizione, FSK Trapshit ha raggiunto la sesta posizione nella Classifica FIMI Album.[6] A gennaio 2020 l'album ha ricevuto un disco d'oro dalla Federazione Industria Musicale Italiana per aver totalizzato più di 25.000 unità di vendita a livello nazionale,[7] mentre nel successivo settembre ha superato il limite delle 50.000 vendite, diventando così disco di platino.[8]

Anticipato dal singolo Settimana al caldo, l'11 settembre viene pubblicato il secondo album in studio del collettivo, Padre figlio e spirito.[9] Composto da quindici tracce, presenta i featuring dei rapper Sfera Ebbasta, Chief Keef e Tadoee[10]

Stile e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Comparati al collettivo romano Dark Polo Gang per le tematiche simili trattate (soldi, droga e donne),[11] i membri della FSK Satellite sono riconducibili a diversi generi: Taxi B tende allo stile punk e screamo, Sapobully è spesso accostato al drill, mentre Chiello Fsk è più vicino allo stile emo rap e indie pop.[2][5]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo, analogamente ad altri artisti dell'ambiente rap e trap italiano, è stato più volte criticato per la crudezza dei temi trattati, prevalentemente droga, donne e denaro, e per l'ostentazione sui social di sostanze stupefacenti. Critiche sono arrivate in particolare dai rapper Salmo e Gemitaiz.[12][13]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Taxi B – voce (2017-presente)
  • Sapobully – voce (2017-presente)
  • Chiello FSK – voce (2017-presente)

Altri membri[modifica | modifica wikitesto]

  • ThugNizü – voce (2017-presente)
  • Powv – produzione (2017-presente)

Ex-componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Younggucci – voce (2017-2019)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Zingaro (SapoHaze & ChielloFsk)

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019 – Non troverai un tesoro (ChielloFsk)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tommaso Benelli, FSK Satellite FSK Trapshit, su ondarock.it, 30 luglio 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  2. ^ a b c d Chi sono gli FSK Satellite: Taxi B, Sapobully, Chiello, su hiphoptender.com, 7 giugno 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  3. ^ Matilde Manara, Gli FSK Satellite hanno annunciato il primo album, su outpump.com, 8 luglio 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  4. ^ "FSK TRAPSHIT" è il titolo del disco d'esordio degli FSK, su hano.it, 14 luglio 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  5. ^ a b c FSK Satellite: chi sono i membri del collettivo trap., su rockol.it, 14 dicembre 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  6. ^ Classifica settimanale WK 2 (dal 03.01.2020 al 09.01.2020), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  7. ^ Paola Maria Farina, Certificazioni musica: Oro negli album a FSK Satellite e Il Pagante, su revenews.it. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  8. ^ FSK Satellite (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 settembre 2020.
  9. ^ Simone Zani, FSK Satellite: a un anno da “FSK Trapshit”, fuori il nuovo album “Padre Figlio e Spirito”, su AllMusic Italia, 11 settembre 2020. URL consultato il 15 settembre 2020.
  10. ^ Filippo Motti, “Padre Figlio e Spirito”: un disco per capire il futuro della FSK, su Billboard, 11 settembre 2020. URL consultato il 15 settembre 2020.
  11. ^ Giandomenico Piccolo, FSK TRAPSHIT, su rockit.it, 15 ottobre 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  12. ^ Perché Sapo della FSK non dovrebbe mostrare droga su Instagram?, su rebelmag.it. URL consultato il 19 settembre 2020.
  13. ^ La trap ora canta l’eroina, ed è uno schifo (come dice Salmo), su rollingstone.it. URL consultato il 19 settembre 2020.

2021 cancelli di mezzanotte (feat. Chielli)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]