Estremo Oriente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Estremo oriente)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Estremo Oriente (disambigua).
Estremo oriente
20090529 Great Wall 8185.jpg
Grande muraglia cinese
Stati Brunei Brunei
Cambogia Cambogia
Indonesia Indonesia

Laos Laos
Malaysia Malaysia
Birmania Birmania
Filippine Filippine
Singapore Singapore
Thailandia Thailandia
Timor Est Timor Est
Vietnam Vietnam
Filippine Filippine
Giappone Giappone
Cina Cina
Mongolia Mongolia
Russia Russia
Corea del Sud Corea del Sud
Corea del Nord Corea del Nord
Taiwan Taiwan

Far east1.png
La regione dell'Estremo Oriente

Con la locuzione Estremo Oriente si definisce quell'area dell'Asia che comprende tutto il sud-est asiatico (sia la penisola indocinese che l'arcipelago Malese), la Cina (incluse Macao e Hong Kong, ed escluse le regioni dello Xinjiang e del Tibet), Taiwan, le due Coree, la Mongolia, l'arcipelago giapponese e la parte più orientale della Siberia, zona quest'ultima nota anche come Estremo Oriente russo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la locuzione Estremo Oriente venga usata come sinonimo di Asia orientale, quest'ultima ne è soltanto una parte. Non sono inclusi gli Stati dell'Oceania, considerati parte del mondo occidentale.

In questi stati, lo sviluppo urbano e tecnologico non è avvenuto in modo omogeneo e regolare, per cui quando si utilizza il termine Estremo Oriente ci si riferisce non ad un luogo specifico le cui regioni sono accomunate da medesimi eventi culturali e dallo stesso governo sovrano, ma piuttosto ad un'area che ingloba al suo interno realtà anche molto diverse fra loro e caratteristiche eterogenee.

Da un lato si osserva infatti la scarsa urbanizzazione, l'organizzazione dei nuclei umani in villaggi con economia prevalentemente agricola, dall'altro si notano lo sviluppo industriale di Taiwan e i colossali cantieri per la costruzione dei grattacieli più alti del mondo ad Hong Kong, Pechino e Shanghai.

Da non dimenticare il Giappone, la terza potenza mondiale, nonché uno dei paesi più tecnologicamente avanzati al mondo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Monaci e Benedetta Ragazzi, Vivi la Terra, vol. 3, Milano, Archimede Edizioni, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Monaci e Benedetta Ragazzi, Vivi la Terra, vol. 3, Milano, Archimede Edizioni, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN164826341 · GND (DE4016795-1 · WorldCat Identities (EN164826341