Ervino Pocar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ervino Pocar

Ervino Pocar (Pirano, 4 aprile 1892Milano, 17 agosto 1981) è stato un germanista e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in Istria da una famiglia d'origini contadine, figlio di Giovanni e Giovanna Maria,[1] in un casolare presso la località Vignole,[2] primogenito di quattro fratelli: oltre a lui, Edoardo, l'artista futurista Sofronio ed Ebi.[3] Fin da piccolo ebbe contatti con le lingue friulana e slovena, e dalle scuole elementari iniziò a studiare il tedesco.[2] Dopo i primi anni a Trasaghis si trasferì con la famiglia a Gorizia, dove studiò presso il Liceo tedesco dal 1903 fino al conseguimento del diploma di maturità (1911).[4] Nel 1912 si iscrisse alla Facoltà di Filosofia dell'Università di Vienna, seguendo lo stesso itinerario di Luigi Visintin che gli fu amico; la Prima guerra mondiale interruppe i suoi studi poco prima della laurea che, programmata per il 1915, fu conseguita nell'ottobre 1917;[5] Pocar partecipò al conflitto mondiale, venendo fatto prigioniero[6] e confinato nel 1915 perché irredentista.[7] Tornato a Gorizia, insegnò per un breve periodo e, dopo aver fatto vari lavori (tra cui bibliotecario e impiegato), divenne traduttore dal tedesco.[6] Sposò Cesi De Rosa, originaria di Portoferraio, che morì pochi anni dopo le nozze, nel 1934.[6] Proprio nel 1934 divenne traduttore ufficiale dal tedesco per la casa editrice Arnoldo Mondadori.[8] L'attività di traduttore lo accompagnò per tutta la vita: fra i numerosi riconoscimenti ricevuti per le sue opere vi è il premio della "Fédération Internationale des traducteurs", conferitogli a Stoccolma nel 1970. Tra gli autori tradotti si ricordano: Hugo von Hofmannsthal, Knut Hamsun, Lion Feuchtwanger, Franz Grillparzer, Novalis, Hermann Hesse, Thomas Mann, Erich Maria Remarque, Frank Wedekind, Ernst Cassirer, Franz Kafka, Heinrich von Kleist, Carl von Czoernig-Czernhausen. Nel 1977 gli fu conferita la laurea honoris causa in lingue e letterature straniere dall'Università degli Studi di Trieste.[9] Poco prima della morte era ancora attivo come traduttore, nonostante i quasi 90 anni. Fu anche presidente onorario dell'Associazione Italiana Traduttori e Interpreti e membro della giuria del Premio Monselice.[10]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pocar nel 1919

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesia tedesca, Milano, Mondadori, 1964

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Oswald Külpe, La filosofia odierna in Germania, Torino, Fratelli Bocca, 1922
  • Heinrich Eduard Jacob, Jacqueline tra i giapponesi, Milano, Sperling & Kupfer, 1930
  • Gottfried Keller, Sette leggende e altre novelle, Torino, UTET, 1930
  • Lev Trotsky, La mia vita, Milano, Mondadori, 1930
  • A.T. Vassiljev, La polizia segreta degli zar: l'"Ochrana", Milano, Mondadori, 1930
  • Hans Christian Andersen, Racconti e fiabe, Torino, UTET, 1931
  • Bjørnstjerne Bjørnson, Al di là delle nostre forze; Quando fiorisce il vino nuovo, Torino, UTET, 1931
  • Oscar von Wertheimer, Cleopatra, Milano, Mondadori, 1932
  • Hans Roger Madol, L'enigma di Luigi XVII: 1785-1845, Milano, Mondadori, 1932
  • Nora Fugger, Gli splendori di un Impero: l'Austria di Francesco Giuseppe, Milano, Mondadori, 1932
  • Edgar Wallace, I tre Giusti, Milano, Mondadori, 1932
  • Erich Maria Remarque, La via del ritorno, Milano, Mondadori, 1932
  • Lion Feuchtwanger, La fine di Gerusalemme, Milano, Mondadori, 1933
  • Wilhelm von Scholz, Perpetua, Milano, Mondadori, 1933
  • Bernhard Kellermann, Vertigine, Milano, Mondadori, 1933
  • Bengt Berg, Abu Marùb: con la macchina da presa tra elefanti e cicogne giganti, Milano, Mondadori, 1934
  • Bengt Berg, Il mio amico piviere, Milano, Mondadori, 1935
  • Adrienne Thomas, Per tre quarti curiosità, Milano, Mondadori, 1935
  • Ernst Cassirer, La filosofia dell'Illuminismo, Firenze, La Nuova Italia, 1936
  • Lion Feuchtwanger, Il giudeo di Roma, Milano, Mondadori, 1936
  • Lotte Lehmann, La danza della vita, Milano, Mondadori, 1937
  • Alexander Lernet-Holenia, Lo stendardo, Milano, Mondadori, 1938
  • Hans Grimm, Il tribunale nel Karru e altri racconti, Milano, Mondadori, 1939
  • Hans Caspar von Zobeltitz, Come lui ce n'è uno solo, Milano, Mondadori, 1940
  • Hans Friederich Blunck, Donne nel giardino, Milano, Sperling & Kupfer, 1941
  • Knut Hamsun, Pan; L'estrema gioia, Milano, Mondadori, 1941
  • Knut Hamsun, Vagabondi, Milano, Mondadori, 1942
  • Arthur Schopenhauer, La vita saggia, Milano, Ultra, 1945
  • Bjørnstjerne Bjørnson, I romanzi, Milano, Ultra, 1946
  • Lion Feuchtwanger, I fratelli Oppenheim, Milano, Mondadori, 1946
  • Hermann Hesse, Il lupo della steppa, Milano, Mondadori, 1946
  • Hermann Leser, Il problema pedagogico, Firenze, La Nuova Italia, 1946
  • Joseph Roth, Il peso falso, Milano, Mondadori, 1946
  • Lion Feuchtwanger, Simonetta, Milano, Mondadori, 1946
  • Max Picard, Hitler in noi stessi, Milano-Roma, Rizzoli, 1947
  • Friderike Maria Zweig, Stefan Zweig, compagno della mia vita, Milano, Rizzoli, 1947
  • Carl Jacob Burckhardt, Incontro con Rilke, Milano, Cederna, 1948
  • Carl Jacob Burckhardt, Ricordi di Hofmannsthal, Milano, Cederna, 1948
  • Alfred Neumann, Erano in sei, Milano, Mondadori, 1948
  • Lion Feuchtwanger, Il giorno verrà, Milano, Mondadori, 1948
  • Robert Neumann, Vita di Sir Basilio Zaharoff il re delle armi, Milano, Mondadori, 1948
  • Gotthard Jedlicka, Sisley, Milano, Martello, 1949
  • Thomas Mann, Doctor Faustus, Milano, Mondadori, 1949
  • Aldo Oberdorfer, Giuseppe Verdi, Milano, Mondadori, 1949
  • Erich Maria Remarque, Tre camerati, Milano, Mondadori, 1949
  • Alfred Neumann, Gli amici del popolo, Milano, Mondadori, 1950
  • Max Chop, L'Anello del Nibelungo di Richard Wagner, Milano, Mondadori, 1950
  • E.T.A. Hoffmann, L'uomo della sabbia e altri racconti, Milano, Rizzoli, 1950
  • Henrik Ibsen, Casa di bambola; Gian Gabriele Borkman, Milano, Mondadori, 1950
  • Georg Schmidt (a cura di), Van Gogh, Milano, Martello, 1950
  • Ernst Wiechert, Missa sine nomine, Milano, Mondadori, 1951
  • Wilhelm Hauff, Nano Nasone e altri racconti, Milano, Mondadori, 1951
  • Rudolf Erich Raspe, Le avventure del barone di Münchhausen, Milano, Mondadori, 1952
  • Franz Werfel, Barbara, Milano, Mondadori, 1952
  • Thomas Mann, I Buddenbrook: decadenza di una famiglia, Milano, Mondadori, 1952
  • Alfred Neumann, Il diavolo, Milano, Mondadori, 1952
  • Max Chop, Le nove sinfonie di Beethoven, Milano, Mondadori, 1952
  • Jakob Grimm; Wilhelm Grimm, Pollicino in viaggio e altre fiabe, Milano, Mondadori, 1952
  • Thomas Mann, Romanzo d'un romanzo:la genesi del Doctor Faustus e altre pagine autobiografiche, Milano, Mondadori, 1952
  • Erich Maria Remarque, L'ultima scintilla, Milano, Mondadori, 1952
  • Ernst Wiechert, Il bufalo bianco e altri racconti, Milano, Mondadori, 1953
  • Lion Feuchtwanger, Cayetana amante e strega, Milano, Mondadori, 1953
  • Fritz Strich, Classicismo e romanticismo tedesco, Milano-Roma, Bompiani, 1953
  • Theodor Storm, Il curatore Carsten e altri racconti, Milano, Mondadori, 1953
  • Franz Kafka, Diario (1910-1923), Milano, Mondadori, 1953
  • Alfred Neumann, Il patto, Milano, Mondadori, 1953
  • Jeremias Gotthelf, Uli, il servo, Milano, Mondadori, 1953
  • Franz Kafka, Lettere a Milena, Milano, Mondadori, 1954
  • Erich Maria Remarque, Tempo di vivere, tempo di morire, Milano, Mondadori, 1954
  • Hermann Hesse, Il giuoco delle perle di vetro, Milano, Mondadori, 1955
  • Thomas Mann, Romanzi brevi, Milano, Mondadori, 1955 (con altri)
  • Thomas Mann, Le teste scambiate, Milano, Mondadori, 1955
  • Max Brod, Franz Kafka: una biografia, Milano, Mondadori, 1956
  • Leonhard Frank, Mathilde, Milano, Mondadori, 1956
  • Frank Thiess, La libertà della foresta, Milano, Martello, 1956
  • Arnold Zweig, Tregua d'armi, Milano, Mondadori, 1956
  • Thomas Mann, Scritti storici e politici, Milano, Mondadori, 1957 (con altri)
  • Alfred Andersch, Le ciliege della libertà, Milano, Mondadori, 1958
  • Thomas Mann, Scritti minori, Milano, Mondadori, 1958 (con altri)
  • Franz Kuhn, La camicia di perle: storia d'amore cinese, Milano, Il saggiatore, 1959
  • Clement Greenberg; Heinrich von Kleist, Saggio su Klee; Il teatro delle marionette, Milano, Il saggiatore, 1960 (con Cesare Salmaggi)
  • Franz Kafka, Descrizione di una battaglia e altri racconti, Milano, Mondadori, 1960
  • Thomas Mann, Le teste scambiate, Milano, Mondadori, 1960
  • Erika Mann, L'ultimo anno: resoconto su mio padre, Milano, Mondadori, 1960 (con Roberto Margotta)
  • Alfred Andersch, La rossa, Milano, Mondadori, 1961
  • Rudolf Hagelstange, Trastullo degli dei, Milano, Mondadori, 1961
  • Werner Jaeger, La teologia dei primi pensatori greci, Firenze, La Nuova Italia, 1961
  • Robert Walser, L'assistente, Torino, Einaudi, 1961
  • Jonas Lie, Il veggente, Milano, Rizzoli, 1962
  • Ernst Wiechert, Hirtennovelle, Milano, Mursia, 1962
  • Ilse Aichinger, La speranza più grande, Milano, Garzanti, 1963
  • Erich Maria Remarque, Il cielo non ha preferenze, Milano, Mondadori, 1963
  • Franz Kafka, Epistolario, Milano, Mondadori, 1964 (con Anita Rho)
  • Wilhelm Hauff, Lo sceicco d'Alessandria, Milano, Mondadori, 1964
  • Erich Maria Remarque, Tre camerati, Milano, Mondadori, 1964
  • Heimito von Doderer, La scalinata, Torino, Einaudi, 1965
  • Lion Feuchtwanger, Jefte e sua figlia, Milano, Club degli editori, 1965
  • Rudolf Haym, La scuola romantica: contributo alla storia dello spirito tedesco, Milano-Napoli, Ricciardi, 1965
  • Herbert Heckmann, Beniamino e i suoi padri, Milano, Garzanti, 1965
  • Thomas Mann, La montagna incantata, Milano, Mondadori, 1965
  • Erich Maria Remarque, La notte di Lisbona, Milano, Mondadori, 1965
  • Theodor Fontane, La serena rinuncia, Milano, Rizzoli, 1966
  • Giuseppe Martano (a cura di), Giamblico e la Scuola di Atene, Firenze, La Nuova Italia, 1968
  • Karl Jaspers, Max Weber politico scienziato, filosofo, Napoli, Morano, 1969
  • Heinrich von Kleist, Drammi scelti e tutti i racconti, Milano, Istituto editoriale italiano, 1970
  • Arthur Schopenhauer, Il fondamento della morale, Bari, Laterza, 1970
  • Arthur Schopenhauer, La libertà del volere umano, Bari, Laterza, 1970
  • Hugo von Hofmannsthal, Piccoli drammi, Milano, Rusconi, 1971
  • Erich Maria Remarque, Ombre in paradiso, Milano, Mondadori, 1971
  • Franz Kafka, Il processo, Milano, Mondadori, 1971
  • Franz Kafka, Lettere a Felice: 1912-1917, Milano, Mondadori, 1972
  • Hugo von Hofmannsthal, Narrazioni e poesie, Milano, Mondadori, 1972 (con altri)
  • Karl Kerényi, Dialogo, Milano, Il saggiatore, 1973
  • Knut Hamsun,Fame, Milano, Adelphi, 1974
  • Georg Trakl, Poesie, Milano, Rizzoli, 1974
  • Hermann Hesse, Demian, Milano, Mondadori, 1976
  • Franz Kafka, Lettere a Ottla e alla famiglia, Milano, Mondadori, 1976
  • Heinrich von Kleist, Lettere alla fidanzata, Milano, Guanda, 1978
  • Franz Grillparzer, Autobiografia, Milano, Guanda, 1979
  • Heinrich von Kleist, Pentesilea, Milano, Guanda, 1979
  • Franz Grillparzer, Il povero musicante, Milano, Mondadori, 1979
  • Frank Wedekind, Lulu: lo spirito della terra; Il vaso di Pandora, Milano, Mondadori, 1980
  • Jens Peter Jacobsen, Niels Lyhne, Milano, Mondadori, 1980
  • Hermann Hesse, Peter Camenzind, Milano, Mondadori, 1980
  • Victor Ehrenberg, Lo stato dei greci, Firenze, La Nuova Italia, 1980
  • Theodor Fontane, Errore e passione, Milano, Rizzoli, 1982
  • Heinrich von Kleist, Il principe di Homburg, Milano, Mondadori, 1983
  • Arthur Schopenhauer, Aforismi sulla saggezza del vivere, Milano, Mondadori, 1987

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Macor, p. 3.
  2. ^ a b Macor, p. 5.
  3. ^ Macor, p. 6.
  4. ^ Macor, p. 10.
  5. ^ Macor, p. 20.
  6. ^ a b c Massimo Riserbo, Ervino Pocar, traduttore (PDF), su mucchioselvaggio.org. URL consultato il 21 settembre 2012.
  7. ^ Macor, p. 23.
  8. ^ Ervino Pocar, su fondazionemondadori.it. URL consultato il 21 settembre 2012.
  9. ^ Laurea a Pocar traduttore, in Tuttolibri, 17 settembre 1977, p. 16.
  10. ^ Premio Città di Monselice per una traduzione letteraria (PDF), Monselice, Comune di Monselice, 1980, p. XII (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2014).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51850412 · ISNI (EN0000 0001 0901 0967 · SBN IT\ICCU\CFIV\007842 · LCCN (ENn82133620 · GND (DE11891832X · BNF (FRcb13530092j (data) · BAV ADV10136196