Tre camerati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Erich Maria Remarque da cui il film è tratto, vedi Tre camerati (romanzo).
Tre camerati
Margaret Sullavan in Three Comrades trailer 2.JPG
Margaret Sullavan
Titolo originaleThree Comrades
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1938
Durata100 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generedrammatico
RegiaFrank Borzage
SoggettoErich Maria Remarque
SceneggiaturaF. Scott Fitzgerald e Edward E. Paramore Jr.
Joseph L. Mankiewicz (non accreditato)
ProduttoreJoseph L. Mankiewicz
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer (MGM)
FotografiaJoseph Ruttenberg
Karl Freund (non accreditato)
MontaggioFrank Sullivan
Slavko Vorkapich (montaggio effetti)
MusicheFranz Waxman
ScenografiaCedric Gibbons
Paul Groesse, Edwin B. Willis (associati)
Interpreti e personaggi

Tre camerati (Three Comrades) è un film del 1938, diretto da Frank Borzage, tratto dall'omonimo romanzo di Erich Maria Remarque che era stato pubblicato in Svizzera nel 1937 con il titolo originale Drei Kameraden[1].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L’Hollywood Reporter del 10 luglio 1936 uscì con la notizia che la MGM aveva comperato i diritti del nuovo romanzo di Erich Maria Remarque cui si dava il titolo di Comrades. Nel luglio del 1937, ovvero l'anno seguente, si annunciava che il film avrebbe avuto come protagonisti Robert Taylor, Joan Crawford e James Stewart (Taylor sarebbe rimasto nel cast, mentre gli altri due attori sarebbero stati sostituiti da Margaret Sullavan e Franchot Tone)[1].

Le riprese del film, prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), controllata dalla Loew's Incorporated) (A Frank Borzage Production), iniziarono il 4 febbraio e finirono il 2 aprile 1938[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Loew's Inc., fu registrato il 26 maggio 1938 con il numero LP8065[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei dieci migliori film dell'anno[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Douglas Eames, The MGM Story, Londra, Octopus Book Limited, 1975, ISBN 0-904230-14-7.
  • Joe Morella, Edward Z. Epstein e John Griggs, The Films of World War II, Secaucus, New Jersey, The Citadel Press, 1980, ISBN 0-8065-0482-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema