Cimitero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cimiteri)
Jump to navigation Jump to search
il cimitero monumentale Vantiniano di Brescia.

Il cimitero è un'area, solitamente delimitata, nella quale sono deposti i corpi o le ceneri dei defunti.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola "cimitero" deriva dal greco κοιμητήριον (koimētḕrion, "luogo di riposo": il verbo κοιμᾶν (koimân) significa "fare addormentare". Dal lat. tardo coemeterium, dal gr. koimētḗrion ‘dormitorio, cimitero’, der. di koimáō ‘metto a giacere’ •prima del 1313.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il famedio di Messina: qui sono sepolti personaggi illustri del panorama italiano otto-novecentesco
Cimitero ebraico a Praga
La Basilica di Santa Croce a Firenze, dove sono sepolti numerosi grandi personaggi della storia italiana
Cimitero di Rica Aventura, antico sito di estrazione di salnitro, Cile
Cimitero musulmano al tramonto a Marrakech, Marocco
Cimitero ebraico, Gerusalemme
Guardia ai confini, progetto di cimitero di guerra, 1941, di Arnaldo Dell'Ira (1903-1943).

Ad eccezione del Cimitero di Sant'Orsola a Palermo, progettato come complesso a sé stante e che rappresenta il primo cimitero aperto a tutte le classi sociali in Europa, fino all'epoca della Rivoluzione francese la grande maggioranza dei morti era seppellita in fosse comuni, ed esistevano luoghi esterni al perimetro cittadino in cui inserire i morti singolarmente e consentendo la personalizzazione del luogo di sepoltura sia per motivi affettivi, sia per motivi igienici, anche se fin dai tempi dei primi cristiani si diffuse l'idea di dedicare uno spazio ai morti, dapprima nelle catacombe e successivamente sotto il pavimento delle chiese, e dal Medioevo attorno alle strutture religiose stesse.[1] Questi cimiteri esterni dei cristiani sono tuttora designati con il termine "camposanto",[2] in ragione del fatto che prima di essere posti in uso venivano e vengono benedetti.

Nella storia dell'umanità le prime sepolture preistoriche risalgono all'uomo di Neandertal, nel tardo paleolitico. In archeologia i luoghi di sepoltura presso le antiche civiltà si chiamano necropoli che, dal greco antico, significa "città dei morti".[3]

Nel Regno di Sicilia, a Palermo, fu edificato il primo cimitero pubblico moderno le cui caratteristiche si riscontrano successivamente con l'Editto di Saint Cloud del 1804 di Napoleone Bonaparte; successivamente esteso all'Italia nel 1806, prescrisse di seppellire i cadaveri in cimiteri lontani dall'abitato (per motivi igienico-sanitari) e di ornare tutte le tombe con lo stesso tipo di lapide, negando ai morti il loro nome, in omaggio agli ideali egualitari della Rivoluzione francese.

Nei cimiteri si possono trovare sia il famedio, sia il cenotafio. Il primo è un tempietto riservato alla sepoltura di personaggi illustri di una città e il secondo è un monumento funebre vuoto, innalzato per un personaggio illustre sepolto altrove o i cui resti andarono dispersi. Esistono poi i grandi cimiteri militari o sacrari; notevoli soprattutto quelli relativi alla prima guerra mondiale e alla seconda guerra mondiale. In varie città si trovano cimiteri monumentali con tombe di personaggi famosi, mentre alcune grandi chiese contengono vaste sepolture di regnanti e personaggi storici di una nazione.

I cimiteri ebraici presentano lapidi coperte da lunghi testi in ebraico. Sulle tombe sono spesso scolpite figure che indicano i cognomi e le professioni; ad esempio l'arpa per i liutai, le forbici per i sarti, le mani in preghiera o benedicenti per i rabbini, le pigne come simbolo di immortalità, l'uva come simbolo di saggezza. Nei cimiteri ebraici non ci sono fiori ma, sulle tombe, vengono lasciati piccole pietre e / o foglietti come voto o omaggio.

I cimiteri musulmani sono riservati rigorosamente a fedeli islamici. Il defunto viene coricato con cura su un fianco con il capo rivolto verso La Mecca, città santa. Nell'Islam è vietato cremare i morti o seppellirli sopra la terra. Viene rifiutata la costruzione e l'ostentazione di lapidi molto elaborate; inoltre non si mettono foto e fiori vicino al corpo del defunto.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La tomba ed i cimiteri divennero oggetto di una tendenza letteraria, prima in Inghilterra, poi nel resto dell'Europa, nel XVIII secolo, nell'ambito del Preromanticismo. Thomas Parnell e i poeti Edward Young e Thomas Gray avevano composto opere di gusto "notturno" e "sepolcrale", in Italia conosciuto in particolare grazie a Melchiorre Cesarotti, che nel 1763 tradusse i Canti di Ossian di James Macpherson (scuola cimiteriale). In questo clima videro la luce I Cimiteri del poeta Ippolito Pindemonte, in cui l'autore condannava l'ispirazione atea dell'editto di Saint Cloud, criticato nel 1806 anche dal poeta Ugo Foscolo nel carme Dei Sepolcri: "Pur nuova legge impone oggi i sepolcri / fuor de' guardi pietosi, e il nome a' morti / contende" (vv. 51-53). Le tombe sono viste dal Foscolo come luoghi di legami affettivi tra vivi e morti e come testimonianza di valori storico-civili: amor di patria, gloria, eroismo.

William Shakespeare ambienta alcune scene della tragedia Amleto (atto V) in un macabro cimitero. Ed Umberto Eco scrisse il romanzo Il cimitero di Praga.

Aspetto rituale[modifica | modifica wikitesto]

Nella maggior parte delle religioni occidentali i riti funebri prevedono il loro completamento presso il cimitero, con il pio ufficio della sepoltura. Il tipo di cerimonia varia a seconda delle abitudini culturali e delle credenze religiose.

L'antropologia odierna e molti storici concordano nel fissare l'inizio della civilizzazione e delle manifestazioni culturali e religiose[4] dell'homo sapiens proprio al momento in cui questo comincia a seppellire i morti della propria specie; per contro, alcuni studiosi ricordano che, per dirla con Michel Ragon, «se non ci fossero state sepolture e culto delle ossa, oggi ignoreremmo l'esistenza del sinantropo, come del neanderthaliano»[5].

Dati relativi ai capoluoghi italiani nel 2019[modifica | modifica wikitesto]

Spese pro capite per cimiteri in Italia con dati forniti dal sito : openpolis
Comune Regione Spesa pro capite per cimiteri (in €) media regionale
Trento Trentino-Alto Adige € 37,10 € 37,10
Aosta Valle D'Aosta € 21,12 € 21,12
Macerata Marche € 28,51 € 16,95
Fermo Marche € 21,61 € 16,95
Ascoli Piceno Marche € 19,03 € 16,95
Ancona Marche € 13,38 € 16,95
Pesaro Marche € 2,20 € 16,95
La Spezia Liguria € 32,28 € 14,23
Genova Liguria € 10,59 € 14,23
Savona Liguria € 10,00 € 14,23
Imperia Liguria € 4,06 € 14,23
Messina Sicilia € 37,78 € 13,37
Enna Sicilia € 9,58 € 13,37
Ragusa Sicilia € 9,13 € 13,37
Caltanissetta Sicilia € 5,42 € 13,37
Siracusa Sicilia € 4,94 € 13,37
Trapani Sicilia Non disponibile Non disponibile
Palermo Sicilia Non disponibile Non disponibile
Agrigento Sicilia Non disponibile Non disponibile
Catania Sicilia Non disponibile Non disponibile
Frosinone Lazio € 20,82 € 12,85
Rieti Lazio € 19,91 € 12,85
Roma Lazio € 11,99 € 12,85
Viterbo Lazio € 10,43 € 12,85
Latina Lazio € 1,08 € 12,85
Milano Lombardia € 18,96 € 12,47
Bergamo Lombardia € 16,95 € 12,47
Monza Lombardia € 16,30 € 12,47
Lodi Lombardia € 15,78 € 12,47
Cremona Lombardia € 14,37 € 12,47
Pavia Lombardia € 13,27 € 12,47
Lecco Lombardia € 12,07 € 12,47
Como Lombardia € 10,40 € 12,47
Brescia Lombardia € 10,22 € 12,47
Varese Lombardia € 9,66 € 12,47
Sondrio Lombardia € 8,77 € 12,47
Mantova Lombardia € 2,92 € 12,47
Venezia Veneto € 29,12 € 11,73
Padova Veneto € 18,44 € 11,73
Vicenza Veneto € 14,35 € 11,73
Treviso Veneto € 7,50 € 11,73
Belluno Veneto € 6,87 € 11,73
Rovigo Veneto € 5,74 € 11,73
Verona Veneto € 0,10 € 11,73
Cuneo Piemonte € 18,08 € 10,66
Asti Piemonte € 14,28 € 10,66
Verbania Piemonte € 13,78 € 10,66
Alessandria Piemonte € 11,23 € 10,66
Biella Piemonte € 9,06 € 10,66
Novara Piemonte € 8,21 € 10,66
Vercelli Piemonte € 6,92 € 10,66
Torino Piemonte € 3,73 € 10,66
Cagliari Sardegna € 13,69 € 10,53
Carbonia Sardegna € 12,51 € 10,53
Sassari Sardegna € 5,39 € 10,53
Nuoro Sardegna Non disponibile Non disponibile
Oristano Sardegna Non disponibile Non disponibile
Udine Friuli-Venezia Giulia € 15,74 € 10,49
Gorizia Friuli-Venezia Giulia € 15,73 € 10,49
Pordenone Friuli-Venezia Giulia € 7,08 € 10,49
Trieste Friuli-Venezia Giulia € 3,40 € 10,49
Perugia Umbria € 11,31 € 9,41
Terni Umbria € 7,51 € 9,41
Pisa Toscana € 22,30 € 9,00
Massa Toscana € 21,40 € 9,00
Livorno Toscana € 10,90 € 9,00
Firenze Toscana € 9,03 € 9,00
Pistoia Toscana € 7,96 € 9,00
Prato Toscana € 7,39 € 9,00
Grosseto Toscana € 6,65 € 9,00
Siena Toscana € 4,39 € 9,00
Arezzo Toscana € 0,00 € 9,00
Lucca Toscana € 0,00 € 9,00
Matera Basilicata € 13,36 € 8,46
Potenza Basilicata € 3,55 € 8,46
Salerno Campania € 14,17 € 8,07
Benevento Campania € 10,69 € 8,07
Napoli Campania € 8,64 € 8,07
Caserta Campania € 6,73 € 8,07
Avellino Campania € 0,10 € 8,07
Catanzaro Calabria € 14,35 € 7,73
Crotone Calabria € 6,44 € 7,73
Vibo Valentia Calabria € 5,22 € 7,73
Reggio di Calabria Calabria € 4,92 € 7,73
Cosenza Calabria Non disponibile Non disponibile
Taranto Puglia € 12,07 € 6,65
Lecce Puglia € 11,38 € 6,65
Bari Puglia € 7,77 € 6,65
Barletta Puglia € 1,57 € 6,65
Trani Puglia € 0,44 € 6,65
Andria Puglia Non disponibile Non disponibile
Foggia Puglia Non disponibile Non disponibile
Brindisi Puglia Non disponibile Non disponibile
Isernia Molise € 8,95 € 5,77
Campobasso Molise € 2,59 € 5,77
Rimini Emilia-Romagna € 11,33 € 4,29
Reggio nell'Emilia Emilia-Romagna € 8,27 € 4,29
Modena Emilia-Romagna € 7,76 € 4,29
Bologna Emilia-Romagna € 2,93 € 4,29
Ferrara Emilia-Romagna € 1,73 € 4,29
Ravenna Emilia-Romagna € 1,39 € 4,29
Piacenza Emilia-Romagna € 0,89 € 4,29
Parma Emilia-Romagna € 0,03 € 4,29
L'Aquila Abruzzo € 9,52 € 3,23
Pescara Abruzzo € 0,13 € 3,23
Teramo Abruzzo € 0,05 € 3,23
Chieti Abruzzo Non disponibile Non disponibile

Riferimenti normativi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Universo, De Agostini, Novara, 1964, Vol. III, pag.374-375
  2. ^ Camposanto, su Vocabolario - Treccani.
  3. ^ Presso i Fenici esistevano i tofet, necropoli dove erano posti i resti combusti dei bambini morti.
  4. ^ La cura nella sepoltura testimonia un primo abbozzo di fede in un mondo ultraterreno.
  5. ^ Michel Ragon, L'espace de la mort: essai sur l'architecture, la décoration et l'urbanisme funéraire, Albin Michel, 1981

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Marcenaro, Cimiteri. Storie di rimpianti e di follie, Bruno Mondadori editore, 2008, ISBN 978-88-424-9847-6
  • La città dei morti. Breve storia del cimitero, M&B Publishing, Milano, 2000,
  • Paola Redemagni, I Cimiteri, M&B Publishing, Milano, 2005,
  • Lo spettacolo della morte. Breve storia del funerale, l'ornitorinco Edizioni, Milano, 2010,
  • Michelangelo Giampaoli, Il Cimitero di Jim Morrison. Trasgressione e vita quotidiana tra le tombe ribelli del Père Lachaise di Parigi, Viterbo, Stampa Alternativa, 2011.
  • Gian Marco Vidor, Biografia di un cimitero italiano. La Certosa di Bologna , Bologna, il Mulino 2012,
  • Eleonora Iannelli, Messina ritrovata., Messina, Edizioni della Libreria Bonanzinga, 2010, ISBN 978-88-905032-0-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 849 · LCCN (ENsh85021756 · GND (DE4018537-0 · BNF (FRcb11938920h (data) · BNE (ESXX525519 (data) · NDL (ENJA00560906
Religione Portale Religione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Religione