Epitaffio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Epitafio" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Epitaffio (disambigua).
Epitaffio per Gotthard Wigerinck, Peter Vischer il Vecchio, 1518; chiesa di Santa Maria in Lubecca.

L'epitaffio o epitafio (in greco antico: ἐπιτάφιον, epitáphion, ossia "ciò che sta sopra al sepolcro") è un'iscrizione funebre avente come scopo onorare e ricordare un defunto. Generalmente, ma non sempre, si tratta di uno o più versi di una poesia: molti poeti hanno infatti composto il proprio epitaffio. Un buon epitaffio deve avere sempre qualcosa che resti impresso, o faccia pensare: un espediente abbastanza diffuso è "parlare" direttamente a chi legge, dando un avviso sul significato della mortalità. Alcuni epitaffi enumerano i grandi risultati ottenuti (un politico o un militare di carriera nominerà, per esempio, il numero degli anni di servizio al Paese).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antica Grecia, specialmente ad Atene, l'epitaffio era un'orazione funebre pubblica in onore dei soldati caduti durante l'anno trascorso. Nell'antica Roma l'epitaffio si confuse con la laudatio funebris, pronunciata da un figlio o da un parente del morto.

In seguito, per estensione, il nome epitaffio indicò anche la semplice iscrizione tombale.

In letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La forma dell'epitaffio fu utilizzata dal poeta statunitense Edgar Lee Masters nella sua opera "Antologia di Spoon River".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 29468 · LCCN (ENsh85044460 · BNF (FRcb11941446b (data) · NDL (ENJA00560884
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura