Cimitirul Vesel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero allegro
Cimitirul Vesel de la Sapanta6.jpg
Vista del Cimitero
Tipocivile
Ubicazione
StatoRomania Romania
ComuneSăpânța
Costruzione
Data aperturaXX secolo
Mappa di localizzazione

Coordinate: 47°58′17″N 23°41′44″E / 47.971389°N 23.695556°E47.971389; 23.695556

Il Cimitero allegro o cimitero gaio (in rumeno Cimitirul vesel) si trova nel paese di Săpânța, nel distretto di Maramureș, nella Romania settentrionale.

Situato presso la chiesa ortodossa della Nascita della Vergine Maria (Nașterea Maicii Domnului), il cimitero ha la particolarità di avere le sue tombe decorate con steli funerarie in legno dipinte a colori vivaci in stile naif-balcanico: ognuna di essa rappresenta una scena della vita, dell'attività o delle cause di morte della persona sepolta, accompagnata da una poesia, a volte nostalgica, spesso umoristica, dedicata alla memoria del defunto.

Con più di 800 tombe colorate, il cimitero allegro è diventato un museo etnografico all'aperto e a delle principali attrazioni turistiche della regione.

Descrizione del cimitero[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1935 l'artigiano locale Stan Ioan Pătraș (1908-1977) scolpì un primo epitaffio su una croce di quercia decorata con colori vivaci. Così facendo, fece rivivere le antiche tradizioni valacche che prevedevano funerali felici, riti funebri festosi, libagioni e brindisi durante i pasti commemorativi, a lungo dimenticate sotto l'influenza della Chiesa, che, come altrove in Europa, considera la morte come un momento drammatico e solenne. Questo cimitero è diverso perché i rumeni considerano la morte un momento molto solenne. Il cimitero è anche associato alla cultura degli antichi Daci, la cui filosofia si basa sull'immortalità e che considerano la morte un momento di gioia perché il defunto approda ad una vita migliore.

Oggi esistono diverse centinaia di stele gioiose: alcune di forma rettangolare e riccamente cesellate con motivi geometrici, floreali o astronomici, altre sono coronate da una croce con due o tre stendardi, sormontate da un piccolo tetto. Su uno sfondo prevalentemente blu, sono raffigurate scene della vita e della fine del defunto, solitamente sormontate da poesie allegoriche, spesso umoristiche, che evocano il suo personaggio. I motivi su alcune stele descrivono le circostanze accidentali della morte o rappresentano scene collettive della vita del villaggio.

Alla morte di Pătraș nel 1972, la tradizione della tombe colorate è stata seguita da Dumitru Pop.

La tomba di Dumitru Holdis[modifica | modifica wikitesto]

La tomba più celebre è sicuramente quella di Dumitru Holdis (sue miniature in legno vengono persino vendute come souvenir!).

L'epigrafe è la seguente:

«Ţuica e curat venin

Ea aduce plâns și chin

Că și mie mi-o adus

Moartea sub picior m-o pus

Cui îi place țuica bine

Va pății așa ca mine

Că eu țuica am iubit

Cu ea-n mână am murit

(Aici odihnește Dumitru Holdis a trăit 45 de ani mort de moarte forțată la 1958)»

Potrebbe essere così tradotto:

«La grappa è un veleno puro / che porta pianto e tormento / Anche a me li ha portati / La morte mi ha messo sotto i piedi.

Coloro che amano la buona grappa / Come me patiranno / Perché io la grappa ho amato / Con lei in mano sono morto.

(Qui giace Dumitru Holdis, vissuto 45 anni, morto di morte forzate nel 1958)»

Gli epitaffi del cimitero sono tutti raccolti nel libro "Le iscrizioni parlanti del cimitero di Săpânța" del prof. Bruno Mazzoni (edito da Ets, 1999)

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Alcune foto, su brasov.free.fr. URL consultato il 24 agosto 2005 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2005).
  • (EN) Altre foto, su trekearth.com.
  • (RO) Altre foto (JPG), su ici.ro. URL consultato il 10 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2007).