Ciclovia Alpe Adria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ciclovia Alpe Adria
Alpe Adria Radweg
Ciclovia alpe adria italystart.jpg
Il tracciato presso il valico di Coccau (Tarvisio) tra Italia e Austria
Tipo percorsoPista ciclabile
NumeroFVG 1 (in Italia)
R3 (in Austria)
Localizzazione
StatiAustria Austria
Italia Italia
Land  Salisburghese
  Carinzia
  Friuli-Venezia Giulia
Percorso
InizioSalisburgo
FineGrado
Lunghezza415 km
Tipo superficieAsfalto, ghiaino stabilizzato
Data aperturaDal 2005 al 2009
Dettagli
Ciclovia alpe adria karte5.jpg
Mappa percorso Alpe Adria.jpg
http://www.alpe-adria-radweg.com/

La ciclovia Alpe Adria (in tedesco Alpe Adria Radweg; classificata in Italia come FVG 1 e in Austria come R3) è un percorso ciclabile che unisce Salisburgo, in Austria, a Grado, in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In provincia di Udine, tra Resiutta e Tarvisio (stazione dismessa di Tarvisio Centrale), la pista ciclabile è stata realizzata riqualificando il vecchio tracciato a binario unico della ferrovia Pontebbana, dismesso dal 1985 al 2000 spostando il nuovo tracciato in gran parte in galleria, nella tratta tra Tarvisio e Moggio Udinese.

Il primo progetto della ciclovia venne abbozzato dalla stessa Provincia di Udine nel 1994. Questo, però, sembrò incontrare qualche difficoltà nell'abbandonare la prima fase ideativa e di studio per passare a quella progettuale[1].

L'inaugurazione del tratto italiano si svolse a tratte dal 2005 al 2009. Il 31 agosto 2011 i lavori giunsero a Chiusaforte e la vecchia stazione venne temporaneamente chiusa. Nel marzo 2014, una volta finiti i lavori, venne riaperta[2].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso si percorre nella sua totalità in 8 giorni da Salisburgo a Grado, percorrendo 415 km di cui circa 232 km in territorio austriaco e 183 km in territorio italiano, attraversando le valli delle Alpi Salisburghesi e delle Alpi di Carinzia e di Slovenia in territorio austriaco, le Alpi Giulie italiane (Val Canale), il Canal del Ferro e tutta la Pianura friulana orientale fino all'Alto Adriatico nel versante italiano.

Da Salisburgo (425 m), città di Mozart situata sulle rive del fiume Salzach ai confini settentrionali delle Alpi e dell'Austria, il percorso attraversa la valle del Salzach e la valle di Gastein fino a Böckstein. Da qui con il treno navetta in 11 minuti si raggiunge Mallnitz (1.191 m), e quindi di nuovo in bicicletta si attraversa la Carinzia toccando Spittal an der Drau, Villaco e Arnoldstein, al confine italo-austriaco. In territorio italiano il percorso si snoda in parte sul tracciato della vecchia linea ferroviaria dismessa, e da Tarvisio tocca Gemona, Udine, Aquileia e infine Grado sull'mare Adriatico.

Tappe
Dislivello
  • Salisburgo-Grado: salita 2417 m / discesa 2842 m
  • Grado-Salisburgo: salita 2842 m / discesa 2417 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aree dismesse e verde urbano: nuovi paesaggi in Italia, Volume 1, op. cit.
  2. ^ Ciclovia Alpe Adria Radweg - Riapertura della stazione di Chiusaforte, su ciclovia-alpeadria-radweg.eu. URL consultato l'11 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ugo Leone, Aree dismesse e verde urbano: nuovi paesaggi in Italia, Volume 1, Pàtron, 2003.
  • Roberto Russi, Fabio Fabris, Robert Schuhmann, Bicicletta per tutti: itinerari in Friuli Venezia Giulia. La ciclovia Alpe Adria, Tra vigneti e zone boschive protette, Casarsa: San Vito, Sesto al Reghena, Le chiesette del Palmarino, Carso: Monte dei Pini, Volume 5, Ediciclo per Editoriale FVG, 2008.
  • Astrid Christ, Martin Marktl, Alpe-Adria-Trail: vom Großglockner nach Triest. 40 Etappen. Mit GPS-Daten, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7841115-4