Charlotte di Galles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Charlotte di Cambridge)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Charlotte di Galles
La principessa Charlotte nel 2022
Principessa del Regno Unito
In caricadal 2 maggio 2015
Nome completoCharlotte Elizabeth Diana[1]
TrattamentoAltezza reale
NascitaLondra, 2 maggio 2015 (9 anni)
DinastiaWindsor
PadreWilliam, principe di Galles
MadreCatherine Middleton
ReligioneAnglicanesimo

Charlotte di Galles (nome completo: Charlotte Elizabeth Diana Mountbatten-Windsor; Londra, 2 maggio 2015) è una principessa britannica, membro della famiglia reale britannica, secondogenita di William, principe di Galles, e Catherine, principessa di Galles.

Ha due fratelli, uno di due anni maggiore, George, e uno di tre anni minore, Louis.

È terza nella linea di successione a suo nonno, il re Carlo III, dopo suo padre e suo fratello maggiore.

Nascita e battesimo

[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio 2015, alle 08:34 GMT, la duchessa ha partorito una bambina del peso di 3,71 kg all'Ospedale di Saint Mary di Londra.[2][3][4] Il duca di Cambridge era presente alla nascita. L'équipe medica che assistitette la Duchessa nel parto era guidata da Guy Thorpe-Beeston, un esperto in gravidanze ad alto rischio e chirurgo ginecologo della casata reale, con l'aiuto di Alan Farthing, chirurgo-ginecologo della regina Elisabetta II; entrambi erano presenti anche alla nascita del principe George, nel 2013.[5] La neonata venne mostrata al pubblico per la prima volta fuori dall'ospedale con i suoi genitori, meno di dieci ore dopo la nascita.[6]

La sera del giorno successivo, luoghi di interesse come il Tower Bridge, London Eye e le fontane di Trafalgar Square a Londra e la Peace Tower a Ottawa, furono illuminati di rosa per celebrare la nascita della principessa.[7][8] Il 4 maggio furono sparati ventuno colpi di cannone da Hyde Park e dalla Torre di Londra.[9] Più tardi, in quello stesso giorno fu annunciato il nome della piccola: Charlotte Elizabeth Diana.[10] Il secondo nome, Elizabeth, è in onore della bisnonna e della trisnonna, mentre il terzo nome, Diana, è in memoria della nonna Lady Diana Spencer.

Il 5 luglio 2015 la principessa Charlotte ricevette il battesimo nella chiesa di S. Maria Maddalena a Sandringham da Justin Welby, arcivescovo di Canterbury; i padrini, nessuno dei quali appartenente alla famiglia reale, erano: Laura Fellowes, cugina materna di William, Adam Middleton, cugino paterno di Catherine, Thomas van Straubenzee e James Meade, amici di William e Sophie Carter, amica di Catherine.[11]

Charlotte ha iniziato la scuola presso la Willcocks Nursery School, vicino a Kensington Palace, nel gennaio 2018. Nel settembre 2019 si è unita al fratello, il principe George, alla Thomas's School di Battersea, dove era conosciuta come Charlotte Cambridge.

Charlotte e i suoi fratelli hanno iniziato a frequentare Lambrook, una scuola preparatoria indipendente nel Berkshire nel settembre 2022, subito dopo che la sua famiglia si è trasferita all'Adelaide Cottage a Windsor.[12][13]

Titoli e trattamento

[modifica | modifica wikitesto]

Charlotte è, per nascita, una principessa del Regno Unito con il diritto al trattamento di altezza reale tramite lettere patenti emanate dalla regina Elisabetta II il 31 dicembre 2012, che conferiva titoli e trattamento a tutti i figli del figlio maggiore di Carlo, allora principe di Galles.[14][15] Il suo titolo e trattamento ufficiale è sua altezza reale principessa Charlotte di Galles.[10]

  • 2 maggio 2015 - 8 settembre 2022: Sua Altezza Reale la Principessa Charlotte di Cambridge
  • 8 settembre 2022 - 9 settembre 2022: Sua Altezza Reale la Principessa Charlotte di Cornovaglia e Cambridge
  • 9 settembre 2022 - attuale: Sua Altezza Reale la Principessa Charlotte di Galles

Posizione costituzionale

[modifica | modifica wikitesto]

La principessa è terza nella linea di successione, dopo suo padre e suo fratello maggiore.[16][17] Grazie alle modifiche alla legge di successione effettuate nel 2015, che hanno abolito la legge semi-salica in tale ambito, non è stata scavalcata nella linea di successione da suo fratello Louis, nato nel 2018. Questo fa di lei la prima principessa del Regno Unito a precedere in linea un suo fratello.[18]

Albero genealogico

[modifica | modifica wikitesto]
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Filippo di Edimburgo Andrea di Grecia  
 
Alice di Battenberg  
Carlo III del Regno Unito  
Elisabetta II del Regno Unito Giorgio VI del Regno Unito  
 
Elizabeth Bowes-Lyon  
William, principe di Galles  
John Spencer, VIII conte Spencer Albert Spencer, VII conte Spencer  
 
Lady Cynthia Hamilton  
Lady Diana Spencer  
Hon. Frances Ruth Roche Maurice Roche, IV barone Fermoy  
 
Ruth Sylvia Gill  
Charlotte di Galles  
Peter Francis Middleton Richard Noel Middleton  
 
Olive Christiana Lupton  
Michael Francis Middleton  
Valerie Glassborow Frederick George Glassborow  
 
Constance Robison  
Catherine, principessa di Galles  
Ronald John James Goldsmith Stephen Charles Goldsmith  
 
Edith Eliza Chandler  
Carole Elizabeth Goldsmith  
Dorothy Harrison Thomas Harrison  
 
Elizabeth Mary Temple  
 
  1. ^ Come tutti i membri della famiglia reale che godono del trattamento di altezza reale, Charlotte formalmente non ha un cognome; nel caso in cui ne serva uno, questo può essere "Galles", "Mountbatten-Windsor", oppure "Windsor".
  2. ^ Official announcement made as Duchess Kate gives birth to baby girl in London, su 9 News. URL consultato il 2 maggio 2015.
  3. ^ Duchess 'Progressing As Normal' In Labour, su Sky News. URL consultato il 2 maggio 2015.
  4. ^ Royal baby: Duchess of Cambridge in early stages of labour, su BBC News. URL consultato il 2 maggio 2015.
  5. ^ Royal baby: meet the doctors who delivered Kate Middleton's second child, su telegraph.co.uk, Telegraph. URL consultato il 3 maggio 2015.
  6. ^ Royal baby: William and Kate present daughter to the world, in BBC News, BBC, 2 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015.
  7. ^ A life-saving Jewish connection, if new UK princess named Alice, in The Times of Israel, 3 maggio 2015. URL consultato il 3 maggio 2015.
  8. ^ Government of Canada, Her Royal Highness Princess Charlotte of Cambridge, su canadiancrown.gc.ca, Queen's Printer for Canada, 5 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2015).
  9. ^ Royal baby: London gun salutes mark birth of princess, in BBC News, 4 maggio 2015. URL consultato il 4 maggio 2015.
  10. ^ a b The Duke and Duchess of Cambridge name their baby, su princeofwales.gov.uk, Clarence House, 4 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  11. ^ Princess Charlotte is christened at a Sandringham church, su BBC News, 5 luglio 2015. URL consultato il 5 luglio 2015.
  12. ^ (EN) Sana Noor Haq, Royal children George, Charlotte and Louis arrive for first day at new school, su CNN, 8 settembre 2022. URL consultato il 13 maggio 2023.
  13. ^ (EN) Inside George, Charlotte and Louis’ new £7,000-per term school, su The Independent, 8 settembre 2022. URL consultato il 13 maggio 2023.
  14. ^ (EN) The London Gazette (PDF), n. 60384, 8 January 2013, p. 213.
  15. ^ Royal baby girl 'would be princess', BBC News, 9 gennaio 2013. URL consultato il 6 luglio 2013.
  16. ^ The Duke and Duchess of Cambridge are expecting their second child, su princeofwales.gov.uk, Clarence House, 8 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2014).
  17. ^ Duchess of Cambridge pregnant with second child, su BBC, 8 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014.
  18. ^ Emma Green, Why It's Now Easier for a New Princess to Become Queen, in The Atlantic, 2 maggio 2015. URL consultato il 2 maggio 2015.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Linea di successione al trono britannico Successore
George di Cambridge 3ª posizione Louis di Cambridge

Predecessore Precedenza nella parìa del Regno Unito (Ladies) Successore
La Duchessa di Sussex SAR La Principessa Charlotte del Galles La Principessa Lilibet di Sussex
Controllo di autoritàVIAF (EN271145541824596601386 · LCCN (ENno2016012150 · GND (DE1267724218
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie