Cesare Rinaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Cesare Rinaldi dal testo Le glorie degli Incogniti, 1647.

Cesare Rinaldi (Bologna, 12 dicembre 1559[1]Bologna, 6 febbraio 1636[2]) è stato un poeta italiano, anticipatore del marinismo insieme ad autori come Guido Casoni e Tommaso Stigliani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei primi a sperimentare forti novità, di contenuto e di stile, rispetto al secolo scorso di stampo manierista.

Rinaldi canta soggetti inusuali rispetto al modello cinquecentesco: anziché tematiche alte poco inerenti alla vita quotidiana, si concentra su tematiche apparentemente insignificanti come il cagnolino o il gioiello o il seno della donna amata, ma anche donne brutte, calve e con difetti di pronuncia, ramarri, lucertole e baci poco piacevoli.

La nuova poesia presta attenzione ad aspetti della realtà che erano stati esclusi a priori dalla poesia. Non si pensi però che questo sia un tentativo di realismo, poiché questo tipo di esigenza comparirà solo nel sette-ottocento; a Rinaldi non interessa rappresentare la realtà, ma trarne soggetti su cui praticare una sperimentazione linguistica e stilistica, in modo da riscoprire e scoprire nuove o perse figure retoriche (metafora).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare Rinaldi, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Cesare Rinaldi, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76612560 · ISNI (EN0000 0000 6155 1800 · BNF (FRcb15107240h (data)