Celastraceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Celastraceae
Celastrus orbiculatus.jpg
Celastrus orbiculatus
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi I
(o Fabidi)
Ordine Celastrales
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Celastrales
Famiglia Celastraceae
R.Br. 1814
Serie tipo
Celastrus
L., 1753
Sinonimi
  • Canotiaceae
  • Chingithamnaceae
  • Euonymaceae
  • Goupiaceae
  • Lophopyxidaceae
  • Siphonodontaceae
Sottofamiglie[1]
Infiorescenza di Gymnosporia senegalensis

Celastraceae R.Br. 1814[2] è una famiglia di piante rampicanti, cespugli e alberi dell'ordine Celastrales.

La famiglia comprende circa 100 generi per un totale di circa 1 300 specie. Tra queste vi è in particolare il celastro, cespuglio a crescita rapida molto utilizzato per la realizzazione di siepi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le Celastraceae sono piante arboree, arbustive o rampicanti, a volte pubescenti, glabre o quasi glabre[3].

Sono piante monoiche, poligamodioiche o dioiche[3].

Le foglie possono essere alterne, opposte e verticillate, semplici, intere, crinate e seghettate, con cristalli di ossalato di calcio[3]. Le stipole sono persistenti, caduche o assenti[3].

Le infiorescenze sono ascellari o in nodi floreali accompagnati da foglie non sviluppate, cimose, tirsoidi, racemose o fascicolate; le brattee sono presenti, erose, con fiori actinomorfi[3]. I sepali sono 4 o 5, liberi o uniti alla base, embricati, talvolta persistenti[3]. I petali sono 4 o 5, liberi o embricati[3]. Gli stami sono presenti in ugual numero delle parti del perianzio[3]. I filamenti sono liberi e spuntano da sotto o al margine del disco; essi sono alternipetali o alternisepali[3].

Le antere sono tetrasporangiate e ditecate oppure bisporangiate, con deiscenza longitudinale, comunemente introrse o laterali (extrorse e a volte quasi terminali in Euonymus). L'ovario può essere superiore, semisuperiore o, più raramente, semiinferiore, con 2–5 carpelli e con pari numero di loculi (a volte può essere abortito un loculo). Lo stilo è terminale, in generale con 2-5 lobi. Gli ovuli sono solitamente 1, 2 o 3, 2–6 in Canotia, numerosi in Goupia, eretti, raramente penduli, con placenta ascellare[3].

Il frutto può essere una capsula, una samara, una bacca o una drupa. I semi hanno arilli piccoli[3].

Le Celastraceae possono produrre guttaperca (politerpeni), dulcitolo, alcaloidi e composti digitalici (Evonoside, Evobioside, Evomonoside).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei generi cresce nelle aree tropicali. Solamente Celastrus, Euonymus e Maytenus sono diffusi anche nelle aree a clima temperato.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Celastraceae è suddivisa nelle 5 sottofamiglie e nei generi seguenti[4][5][6][7]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Celastraceae R. Br., nom. cons., in Germplasm Resources Information Network, United States Department of Agriculture, 17 gennaio 2003. URL consultato il 16 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2009).
  2. ^ Robert Brown, Voy. Terra Austral., 2: 554, 1814 [19 luglio 1814]
  3. ^ a b c d e f g h i j k Celastraceae, in Tropicos.org. Missouri Botanical Garden: Flora de Nicaragua. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  4. ^ Celastraceae - ITIS
  5. ^ Celastraceae - The Plant List
  6. ^ Celastraceae - IPNI
  7. ^ Celastraceae - Crescent Bloom

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85021612 · GND (DE4182308-4
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica