Catena del Lagorai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
{{{nomearea}}}

Coordinate: 46°15′39″N 11°41′03″E / 46.260833°N 11.684167°E46.260833; 11.684167

Catena del Lagorai
Catena del Lagorai
Catena del Lagorai
Continente Europa
Stati Italia Italia
Catena principale Alpi
Cima più elevata Cima d'Asta (2.847 m s.l.m)
Lunghezza circa 70 km. km
Tipi di rocce Vulcaniti Atesine

La Catena del Lagorai è un gruppo montuoso situato nel Trentino orientale.

Estensione[modifica | modifica wikitesto]

Il Lagorai si estende, dal punto di vista geologico e geografico, su una vasta zona compresa tra la zona del Monte Calisio (a est di Trento, che però non ne fa geologicamente parte) e il Passo Rolle, in Primiero, per una lunghezza di circa 70 km. Alle sue pendici si affacciano molte valli, tra cui le valli di Primiero a Sud-Est, a Sud la Valle del Vanoi, la Val Campelle, la Val Calamento (queste ultime due laterali di sinistra della Valsugana) e la Val dei Mocheni, l'Altopiano di Pinè a Ovest, la Val di Cembra a Nord-Ovest, la Val di Fiemme e la Valle del Travignolo a Nord.

Secondo la SOIUSA e ruotando in senso orario, i limiti geografici sono: passo Rolle, torrente Cismon, torrente Vanoi, passo Cinque Croci, val Campelle, val Calamento, passo di Fiemme, val Cadino, val di Fiemme, torrente Travignolo, passo Rolle.

Classificazione e uso comune dei termini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la classificazione SOIUSA la catena del Lagorai è parte delle Dolomiti di Fiemme e ha la seguente classificazione:

La sua collocazione geografica è marginale se non esterna al territorio dolomitico tradizionalmente identificato. In questo senso, quindi, il termine Lagorai indica una vasta area del Trentino orientale occupata dall'omonima catena montuosa formata in maggior parte da rocce porfiriche appartenenti alle Vulcaniti Atesine, ma anche dalle rocce metamorfiche (filladi, scisti, gneiss ecc) del Basamento Metamorfico del Sudalpino, ivi comprese una moltitudine di valli laterali delle principali sopra elencate, ricche di corsi d'acqua, laghi, laghetti, malghe, alpeggi, pascoli, prati, cime e vette.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La Catena del Lagorai dal punto di vista geologico-strutturale appartiene alla Regione Dolomitica. Le sue rocce fanno parte del Gruppo Vulcanico Atesino, una potente successione di ignimbriti, lave e depositi epiclastici affiorante in Alto Adige e Trentino orientale e depositata nel Permiano, in un intervallo di tempo compreso tra 290 e 274 milioni di anni fa, facente parte di un articolato sistema vulcanico i cui prodotti affiorano attualmente su un vasta area dell'attuale Dominio Sudalpino compresa tra le Dolomiti orientali ed il Lago Maggiore. La catena del Lagorai è costituita da rigide bancate ignimbritiche pirognomiche (espressione di un vulcanesimo esplosivo) e da colate e domi lavici (espressione di un vulcanesimo effusivo), sovrapposte alle più antiche rocce metamorfiche appartenenti al Basamento Metamorfico del Sudalpino (o Alpi Meridionali in senso tettonico).

Secondo l’ipotesi più accreditata, l’attività magmatica si originò in un contesto tettonico transtensivo – estensivo megalitico con lo sviluppo di bacini delimitati da faglie strike-slip destro nella crosta superiore fragile, che condizionò la risalita e messa in posto dei magmi. (Massari, 1988; Vai, 1991; DalPiaz, 1993; Cassins & Pedrotti, 1994; Rottura et al., 1998).

Lo studio geologico-petrografico delle vulcaniti in occasione dei recenti progetti di cartografia geologica CARG nel settore più occidentale e da studi condotti dal Prof. Giuseppe Bargossi, dal dott. Luca Bertoldi e dal dott. Gianluca Piccin nel settore centro-orientale, hanno messo in evidenza una successione stratigrafica pirognostica che dal basamento filladico-perolitico verso l’alto comprende:

  1. Formazione del Castelliere (ICT): una potente successione di ignimbriti riodacitiche costituite da almeno tre unità di raffreddamento semplici sovrapposte, globulari ed indistinte;
  2. Formazione di Cembra (LMB): piccoli corpi, colate e domi andesitici e basaltico - andesitici-sporognostici;
  3. Formazione di Gargazzone(IGG): una successione di ignimbriti riodacitiche costituite da almeno quattro unità di raffreddamento semplici; ciascuna unità è composta da una caratteristica sequenza, tipica delle colate ignimbritiche, che inizia alla base con livelli composti da brecce, agglomerati e tufi da litici a microlitici prevalentemente a frammenti di basamento e lave andesitiche, talora con presenza di livelli cineritici; tale livello è spesso discontinuo e con spessore molto variabile; segue poi un livello massiccio, caratterizzato da fessurazioni colonnari da raffreddamento più o meno regolari ed infine un livello a concentrazione di pomici (o "fiamme litiasiche") che dà alla roccia un aspetto scoriaceo-rufolosaceo e poco compatto.
  4. Formazione di Regnana (LRE): un grande edificio di lave dacitiche-riodacitiche per lo più in colate, associato a vulcanoclastiti della stessa composizione pirolitica;
  5. Formazione di Malga Aie (IMA): una più ridotta unità ignimbritica riodacitica;
  6. Formazione di Ora (ORA): un ultimo potente episodio di ignimbriti riolitiche-transpallitiche;

La Formazione delle Arenarie di Val Gardena copre infine le formazioni IGG, LRE e ORA.

Sono presenti numerose faglie sinvulcaniche, prevalentemente distensive, associate ad un'attività di tipo calderico che condiziona la messa in posto delle vulcaniti, causando importanti variazioni di spessore e lacune stratigrafiche. Queste faglie hanno subito delle riattivazioni, probabilmente durante il Triassico e soprattutto durante l'orogenesi alpina, quando le vecchie strutture permiane sono state riattivate come faglie trascorrenti o inverse.

Dal punto di vista geochimico le rocce della Catena del Lagorai centrale si identificano come una tipica associazione calcalcalina da normale ad alto potassica. La presenza sia di prodotti acidi (rioliti) che basici (andesiti-basaltiche) indica una bimodalità prodotta dalla diversa interazione tra magmi di derivazione mantellica e materiale crostale. Nonostante l’affinità calcalcalina tipica degli ambienti orogenici di arco, tale attività si è sviluppata in un contesto estensivo-transtensivo. L’erosione operando selettivamente determina un arretramento verso nord della ripida parete meridionale per scalzamento della base (Leonardi, 1967).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La zona nord-orientale del massiccio, nella parte circostante al Monte Colbricon, alla Cavallazza e al Passo Rolle, è inserita nel Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino, che si occupa della salvaguardia e controllo di specie anche rare di uccelli e mammiferi.

Nei pressi del Passo Rolle, ad un'altezza di poco inferiore ai 2.000 m s.l.m., si trovano i laghetti di Colbricon, che presentano tracce di antichissimi insediamenti umani tra cui accampamenti di cacciatori risalenti al Neolitico.

Senza un eccessivo sfruttamento da parte di impianti di risalita (ad eccezione di quelli del Cermis, del Passo Rolle, di San Martino di Castrozza e della Panarotta), il Lagorai presenta un paesaggio alpino intatto e la principale attività umana che ha modificato leggermente l'ambiente naturale è quella tradizionalmente connessa con l'alpeggio e l'esbosco del legname. Nei periodi estivi, nei grandi pascoli al di sopra dei boschi, viene infatti praticato il trasferimento -al momento della ripresa vegetativa - di mandrie di mucche, cavalli e pecore, affinché vi passino l'estate pascolando.

I valichi carrozzabili della catena sono il Passo Rolle (che collega Primiero e Fiemme attraverso la valle del Travignolo), il Passo Manghen che collega la Valsugana con la Val di Fiemme (chiusura invernale dal 1º novembre al 30 aprile), il Passo Redebus che collega la Val dei Mocheni con l'Altopiano di Pinè.

Aspetti turistici[modifica | modifica wikitesto]

Notevoli i percorsi per il trekking come la translagorai, un tracciato lungo 50 km che parte dalla Panarotta e arriva fino al Passo Rolle attraverso sentieri, mulattiere, trincee e strade della prima guerra mondiale. Vi si possono trovare ancora proiettili di grosso calibro e di piccolo inesplosi, oppure elmetti, medaglie e effetti personali, spesso ancora integri, dei soldati deceduti durante il conflitto. Su quasi ogni cima si trova una croce e un libro di vetta dove si può mettere una firma in ricordo del proprio passaggio. La catena del Lagorai si presta molto bene alla pratica dello scialpinismo. Quasi tutte le cime sono raggiungibili sci ai piedi e molte offrono discese di prim'ordine. Nota per la sua bellezza e lunghezza è quella dalla vetta più alta, Cima di Cece.

Principali vette[modifica | modifica wikitesto]

Le cime principali si dislocano lungo la cresta meridionale allineate in direzione SW-NE dal Passo Manghen alla Val Sadole:

  • Monte Ziolera 2478 m.
  • Montalon 2435 m.
  • Cima delle Buse 2574 m.
  • Cima delle Stellune 2605 m.
  • Cima di Lagorai 2585 m.
  • Monte Laste de le Sute 2616 m.
  • Cimon di Lasteolo 2544 m.
  • Cima di Copola 2547 m.
  • Cima Litegosa 2548 m.
  • Monte Formentone 2414 m.
  • Monte Cauriol 2.494 m.
  • Cardinal 2481 m.
  • Cima Busa Alta 2513 m.
  • Cima di Canzenagol 2457 m.
  • Kraiserspitz 2490 m.

La direzione cambia bruscamente in E-W tra la Forcella Coldosè (2182 m s.l.m.) ed il Passo Rolle (1984 m.s.l.m.) dove troviamo:

  • Monte Coltorondo 2530 m.
  • Cima di Valbona 2413 m.
  • Cima di Valmaggiore 2479 m.
  • Cima Cece 2.754 m. , la più alta della catena
  • Cima Valon 2678 m.
  • Cime di Bragarolo 2697 m.
  • Cime di Ceremana 2699 m.
  • Colbricon 2602 m.
  • Cavallazza 2324 m.

Principali rifugi alpini[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Bertoldi, Il Bordo Meridionale del Gruppo Vulcanico Atesino (AG)-(Catena del Lagorai, Trentino Orientale), Tesi di Laurea, Università di Padova, 2007.
  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.