Aree naturali protette del Trentino-Alto Adige

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Trentino-Alto Adige.

Le aree naturali protette del Trentino - Alto Adige coprono circa un quinto del territorio della regione. Nel territorio regionale è presente un parco nazionale (parco Nazionale dello Stelvio) e 10 parchi provinciali, 8 dei quali si estendono in Provincia di Bolzano.

I parchi principali sono: parco naturale Tre Cime, parco naturale Fanes - Sennes - Braies, parco naturale Gruppo di Tessa, parco naturale Monte Corno, parco naturale Puez-Odle, parco naturale dello Sciliar, parco naturale Vedrette di Ries-Aurina, parco nazionale dello Stelvio. Il parco delle Alpi Sarentine è ancora in fase di attivazione.[1]

L'Alto Adige offre inoltre nelle sue montagne e valli innumerevoli monumenti naturali, come le piramidi di terra: le più famose sono le piramidi di Plata e le piramidi di Renon.

Altra area naturale protetta è il Bletterbach, un canyon vicino ad Aldino.

Parchi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Parchi naturali provinciali[modifica | modifica wikitesto]

L'Alpe di Fanes, sullo sfondo le Dolomiti

Riserve provinciali[modifica | modifica wikitesto]

Altre aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Zone umide[modifica | modifica wikitesto]

Zone umide riconosciute dalla Convenzione di Ramsar:

Zone di Protezione Speciale[modifica | modifica wikitesto]

Nella Regione Autonoma Trentino-Alto Adige sono stati individuate anche delle Zone di Protezione Speciale (ZPS), che sono state proposte sulla base del Decreto 25/3/2005 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 168 dell'21 luglio 2005 - predisposto dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ai sensi della direttiva 79/409/CEE[2].

Il lago di Tovel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]