Biotopo Paludi di Sternigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Biotopo Paludi di Sternigo
Paludi di Sternigo.jpg
Tipo di areaBiotopo
Codice WDPA162031
Codice EUAPEUAP0502
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
RegioniTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinceTrento Trento
Superficie a terra24,41 ha
Provvedimenti istitutiviD.P.G.P. 15429, 05.11.93
GestoreProvincia Autonoma di Trento
Mappa di localizzazione

Coordinate: 46°08′29″N 11°15′54″E / 46.141389°N 11.265°E46.141389; 11.265

Il Biotopo Paludi di Sternigo è un'area naturale protetta del Trentino-Alto Adige istituita nel 1993; è situata a Sternigo, frazione del comune di Baselga di Piné (TN)[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il biotopo è situato sulla sponda settentrionale del lago di Serraia; include, oltre a una piccola porzione del lago, l'ampia fascia di canneto che occupa la riva e la conca paludosa che si trova oltre ad essa; il diverso grado di umidità delle varie zone del biotopo ha permesso un variegato sviluppo ambientale[2].

Il canneto, composto da cannucce d'acqua (Phragmites australis), è zona di nidificazione per varie specie di uccelli, tra cui il germano reale (Anas platyrhynchos), la folaga (Fulica atra) e lo svasso maggiore (Podiceps cristatus) e tappa intermedia per altre specie migratorie[2]. Il resto del biotopo è formato da prati paludosi, in parte occupati anch'essi dalla cannuccia d'acqua e dalle carici, in parte da vari arbusti del genere dei salici, in parte da sparuti boschetti di ontano nero e bianco (Alnus glutinosa e Alnus incana)[2].

Il biotopo è inoltre attraversato da alcuni corsi d'acqua, che fanno da casa a varie specie vegetali, come la mazzasorda (Typha latifolia), e animali, come il gambero di fiume (Austropotamobius pallipes), oltre che il rospo (Bufo bufo) e la rana di montagna (Rana temporaria), che giungono dai boschi vicini per accoppiarsi e deporre le uova in primavera[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei decenni passati, parte dei prati umidi oggi inclusi nel biotopo erano coltivata, principalment a cavoli e patate; tracce dei vecchi appezzamenti possono ancora essere notate sul terreno, per via delle linee regolari[2].

Il biotopo è stato istituito con una delibera presentata alla giunta provinciale di Trento il 5 novembre 1993[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Delibera n. 15429 del 05-11-1993 proposta da MICHELI, su http://www.delibere.provincia.tn.it. URL consultato il 27 luglio 2017.
  2. ^ a b c d e 16. Paludi di Sternigo, su Aree protette del Trentino. URL consultato il 27 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]