Camillo Giardina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camillo Giardina
CamilloGiardina.jpg

Ministro per la riforma della pubblica amministrazione
Durata mandato 1º luglio 1958 –
26 gennaio 1959
Presidente Fanfani II
Predecessore Mario Zotta
Successore Giorgio Bo

Ministro della salute della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 febbraio 1959 –
21 febbraio 1962
Presidente Tambroni
Predecessore Vincenzo Monaldi
Successore Angelo Raffaele Jervolino

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC
Professione Professore ordinario

Camillo Giardina (Pavia, 29 marzo 190726 febbraio 1985) è stato un politico, accademico e saggista italiano e Ministro per la riforma della pubblica amministrazione dal 1958 al 1959 e Ministro della sanità dal 1959 al 1962.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un medico e accademico dell'Università di Pavia, Andrea Giardina, originario della Sicilia, attivo nel movimento cattolico e iscritto al Partito Popolare. La famiglia si trasferì a Palermo e nell'ateneo cittadino Camillo Giardina conseguì, nel 1929, la laurea in giurisprudenza.

Nel 1931 conseguì la libera docenza in storia del diritto; prima all'Università di Urbino, fino al 1933, e poi in quella di Messina, dove rimase fino al 1937, anno in cui divenne professore ordinario.Nel 1940 venne chiamato alla cattedra di storia del diritto italiano a Palermo, dove rimase fino al termine della carriera accademica.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1942 aderì al movimento in clandestinità della Democrazia Cristiana, partito di cui divenne esponente di primo ruolo. Segretario provinciale dal 1946 al 1948, venne eletto senatore nella I legislatura e rieletto consecutivamente fino al 1963. Ebbe il primo ruolo di governo nel Governo Zoli nel 1957, e coinvolto successivamente nei governi seguenti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'istituto del viceré di Sicilia (1415-1798) (1930)
  • La vita e l'opera politica di Scipione di Castro (1931)
  • L'editto di Rotari e la codificazione di Giustiniano (1937)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro per la riforma della pubblica amministrazione della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Mario Zotta 1º luglio 1958 - 26 gennaio 1959 Giorgio Bo
Predecessore Ministro della sanità della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Vincenzo Monaldi 15 febbraio 1959 - 21 febbraio 1962 Angelo Raffaele Jervolino
Controllo di autorità VIAF: (EN297800543 · SBN: IT\ICCU\TO0V\039376