Breve incontro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Breve incontro
Breveincontro-1945-Lean.png
Trevor Howard e Celia Johnson in una scena del film
Titolo originale Brief Encounter
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1945
Durata 86 min
Dati tecnici B/N
Genere drammatico
Regia David Lean
Soggetto Noel Coward
Sceneggiatura Anthony Havelock-Allan, David Lean e Ronald Neame
Produttore Noel Coward, Anthony Havelock-Allan, Ronald Neame
Casa di produzione Cineguild
Distribuzione (Italia) Eagle Lion
Fotografia Robert Krasker
Montaggio Jack Harris
Scenografia Lawrence P. Williams
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Breve incontro (Brief Encounter) è un film del 1945 diretto da David Lean, vincitore del Grand Prix du Festival International du Film al Festival di Cannes 1946 come miglior film.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del 1938 Laura Jesson, una rispettabile donna sposata ma un po' annoiata ogni giovedì prende il treno per andare a Milford per delle compere ed una matinèe al cinema. Una sera al bar della stazione viene aiutata dal dottor Alec Harvey che le toglie dei granelli dall'occhio. Anche lui è sposato e ogni giovedì si reca all'ospedale per delle consulenze. Gli incontri si susseguono e tra i due nasce una forte simpatia ma un giorno incrociano delle amiche di Laura alle quali raccontano una bugia. Entrambi si rendono conto che forse sta nascendo un sentimento più forte dell'amicizia che potrebbe portare ad un tradimento dei rispettivi coniugi, tradimento che per un imprevisto non viene consumato. Consapevoli di non poter avere un futuro assieme, non volendo rovinare le proprie famiglie, alla fine decidono di separarsi, Alec ha infatti ricevuto un'offerta di lavoro in Sudafrica dove vive il fratello. Il loro ultimo incontro avviene al bar della stazione, lo stesso dove si incontrarono la prima volta, disturbato dalla presenza di Dolly Messiter, una vecchia conoscenza di Laura.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha vinto il Grand Prix du Festival al Festival di Cannes 1946 e ha ricevuto tre candidature ai Premi Oscar 1947, per il miglior regista, la migliore sceneggiatura e la migliore attrice.

Nel 1946 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno, e inoltre nel 1999 è stato classificato dal British Film Institute come il secondo miglior film britannico del XX secolo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1946, festival-cannes.fr. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) The BFI 100, britishpictures.com. URL consultato il 21 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4562232-2
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema