Boccadifalco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Boccadifalco
Asc.JPG
Un aereo fermo presso la pista di Boccadifalco
StatoItalia Italia
Regione  Sicilia
Provincia  Palermo
CittàPalermo-Stemma.svg Palermo
CircoscrizioneIV Circoscrizione
Data istituzione21 dicembre 1976
Codice16
Codice postale90131, 90134, 90135 e 90136
Superficie11,62 km²
Abitanti7 946 ab.
Densità683,96 ab./km²
PatronoSan Gregorio Papa
Mappa dei quartieri di {{{comuneMappa}}}

Coordinate: 38°06′29″N 13°18′20″E / 38.108056°N 13.305556°E38.108056; 13.305556

Boccadifalco (Vuccheifaiccu in siciliano) è il sedicesimo quartiere di Palermo, sito nella zona centro-meridionale della città.

Il quartiere è compreso nella IV Circoscrizione[1].

Il toponimo (Boccadifalco-Baida) indica anche la ventiquattresima unità di primo livello di Palermo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Boccadifalco-Baida.

Il borgo di Boccadifalco nasce attorno alla Riserva Reale borbonica realizzata tra il 1799 e il 1815, fautore dell'opera fu il principe Francesco, figlio di Ferdinando IV, i quali si erano rifugiati in Sicilia. Il parco fu una risposta di Francesco al padre[senza fonte] che nel frattempo stava costruendo la riserva di caccia della Favorita. A differenza del parco della favorita, la riserva di Boccadifalco non era utilizzata soltanto per la caccia, al suo interno infatti venivano sperimentate nuove tecnologie e tecniche agricole, zootecniche e botaniche.

Attorno al parco nacquero ben presto attività che si affiancarono all'attività del parco stesso come macellerie, taverne e le abitazioni dei lavoratori della riserva. Quando i regnanti si ritrasferirono a Napoli il parco cadde lentamente in disgrazia, ma le attività e le abitazioni che lo circondavano rimasero in loco. Attualmente il parco risulta abbastanza degradato e in parte edificato.

Negli anni trenta l'area fu scelta per la costruzione dell'Aeroporto di Palermo-Boccadifalco, questo stravolse completamente la conformazione e l'economia della zona, l'aeroporto divenne in breve tempo il terzo aeroporto nazionale per traffico passeggeri. Nel 1960 il traffico passeggeri venne spostato presso il nuovo Aeroporto di Palermo-Punta Raisi e quello di Boccadifalco trasformato in aeroporto militare.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere è noto per la presenza dell'omonimo storico Aeroporto civile e per il campo Tenente Onorato, area sportiva attrezzata militare nella quale si allena la squadra di calcio cittadina, il Palermo.

L'AMAT vi fornisce il suo servizio tramite le linee 307, 327 e la linea notturna N4.

Tra i monumenti è pregevole il convento di Baida, risalente al 1388, costruito per volontà di Manfredi III Chiaramonte e successivamente donato all'Ordine cistercense e i due ponti ferroviari(uno presente in via Boccadifalco ed un altro in via Torrente d'Inverno),di stile fascista, costruiti negli anni trenta per la mai completata Ferrovia Palermo-Salaparuta e che attraversa il centro della borgata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Panormus 2008, pag. 34 (PDF), su comune.palermo.it. URL consultato il 09-08-2010 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011). (PDF)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Palermo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Palermo