Vergine Maria (UPL di Palermo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vergine Maria
StatoItalia Italia
Regione  Sicilia
Provincia  Palermo
CittàPalermo-Stemma.svg Palermo
CircoscrizioneVII
QuartiereArenella-Vergine Maria
Data istituzione21 dicembre 1976
Codice55
Abitanti1 843 ab.
Mappa dei quartieri di {{{comuneMappa}}}
Mappa dei quartieri di {{{comuneMappa}}}

Coordinate: 38°09′57.27″N 13°21′59.86″E / 38.165909°N 13.366628°E38.165909; 13.366628

Vergine Maria è la cinquantacinquesima unità di primo livello di Palermo[1].

Fa parte della VII Circoscrizione.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Vergine Maria nasce e si sviluppa attorno alla Tonnara Bordonaro, edificata nel XIV secolo nella costa sottostante il Monte Pellegrino. L'economia del nucleo abitativo era quindi condizionata dalle mattanze, che hanno rappresentato una cospicua fonte di guadagno fino alla seconda metà del XIX secolo, contribuendo alla crescita demografica del borgo. Tuttavia, col cambiamento delle rotte dei tonni all'inizio del Novecento, la zona ha subito un forte recesso economico e la pesca ha cessato di rappresentare l'attività principale del luogo. Oggi, Vergine Maria si presenta come un nucleo di modeste dimensioni, con poco più di mille residenti, che a differenza di altre borgate ha mantenuto un certo livello di isolamento rispetto al resto della città.

Sulle pendici del Monte Pellegrino, sopra la borgata, si trova il principale cimitero comunale di Palermo, Santa Maria dei Rotoli.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere dell'Arenella-Vergine Maria è servito dalle linee autobus AMAT 603 (Stadio - Mondello) e 731 (Vergine Maria - Piazza Croci). Nelle ore notturne è attiva la linea N1 che collega i quartieri della costa nord-occidentale di Palermo con il centro urbano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Panormus 2008, pag. 34 (PDF), su comune.palermo.it. URL consultato il 29-10-2010 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011). (PDF)
  Portale Palermo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Palermo