Astrobotanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una zucchina coltivata sulla Stazione Spaziale Internazionale.

L'astrobotanica è una sottodisciplina applicata della botanica ovvero lo studio delle piante in ambienti spaziali. È un ramo dell'astrobiologia e della botanica.

È stato oggetto di studio la possibilità di coltivare piante in specifici giardini spaziali in un ambiente controllato in assenza di peso ma pressurizzato.[1] Nel contesto del volo spaziale umano, possono essere consumate come cibo e/o fornire un'atmosfera rigenerante.[2] Le piante possono metabolizzare l'anidride carbonica nell'aria per produrre ossigeno prezioso e possono aiutare a controllare l'umidità della cabina.[3] Coltivare piante nello spazio può fornire un beneficio psicologico agli equipaggi nello spazio.[3]

La prima sfida nella coltivazione di piante nello spazio consiste nel far crescere le piante in condizioni di micro gravità.[4] Questo comporta difficoltà per quanto riguarda gli effetti della gravità sullo sviluppo delle radici, la fornitura di tipi di illuminazione appropriati e altre sfide. In particolare, l'apporto di nutrienti alle radici e i cicli biogeochimici dei nutrienti e le interazioni microbiologiche nei substrati a base di suolo sono particolarmente complessi, ma è stato dimostrato essere possibile praticare l'agricoltura spaziale in condizioni di ipo e microgravità.[5][6]

La NASA ha in programma di far crescere piante nello spazio come nutrimento per gli astronauti e per gli effetti psicologici nelle missioni a lungo termine.[7]

Vegetazione extraterrestre[modifica | modifica wikitesto]

L'astrobotanica è stata oggetto di indagine sull'idea che la vita vegetale aliena possa esistere su altri pianeti. Qui un artista ha immaginato piante aliene sulle rive di un esomare di una esoluna.[8]

La ricerca di vegetazione su altri pianeti è iniziata con Gavriil Tikhov, che ha cercato di rilevare la vegetazione extraterrestre analizzando le lunghezze d'onda della luce riflessa di un pianeta, o la luce cirenea. I pigmenti fotosintetici, come le clorofille sulla Terra, riflettono gli spettri di luce che raggiungono i 700-750 nm. Questo picco pronunciato è indicato come "bordo rosso della vegetazione".[9] Si pensava che l'osservazione di questo picco in un rilevamento della luminosità di un pianeta avrebbe segnalato una superficie coperta di vegetazione verde. La ricerca di vegetazione extraterrestre è stata superata dalla ricerca di vita microbica[10] su altri pianeti o da modelli matematici per prevedere la vitalità della vita sugli esopianeti.[11]

Coltivazione di piante nello spazio[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio del comportamento delle piante nell'ambiente spaziale è un altro argomento di ricerca in astrobotanica. Nello spazio, le piante incontrano stress ambientali specifici che non si trovano sulla Terra, tra cui microgravità, radiazioni ionizzanti e stress ossidativo.[12] Gli esperimenti hanno dimostrato che questi fattori di stress causano alterazioni genetiche nelle fasi di metabolismo delle piante. I cambiamenti nell'espressione genetica hanno dimostrato che le piante rispondono a livello molecolare ad un ambiente spaziale.[13] La ricerca astrobotanica è impiegata per affrontare la sfida di creare sistemi di supporto vitale sia nello spazio sia su altri pianeti, principalmente su Marte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo scienziato russo Konstantin Tsiolkovsky è stato uno dei primi a ragionare sull'uso della vita fotosintetica come risorsa nei sistemi di coltivazione spaziale. La questione della coltivazione delle piante nello spazio è in circolazione dall'inizio del XX secolo.[14] Il termine astrobotanica fu usato per la prima volta nel 1945 dall'astronomo russo e pioniere dell'astrobiologia Gavriil Adrianovich Tikhov.[15] Tikhov è considerato il padre dell'astrobotanica. La ricerca è stata condotta sia con piante terrestri in crescita in ambienti spaziali, sia cercando la vita botanica su altri pianeti.

Semi[modifica | modifica wikitesto]

I primi organismi nello spazio sono stati "ceppi speciali di semi" lanciati a 134 chilometri (83 mi) il 9 luglio 1946 su un razzo V-2 partito dagli Stati Uniti e non vennero recuperati. I primi semi lanciati nello spazio e recuperati con successo sono stati i semi di mais lanciati il 30 luglio 1946. Seguirono di lì a poco secale e cotone. Questi primi esperimenti biologici suborbitali furono gestiti dall'Università di Harvard e dal Naval Research Laboratory e riguardavano l'esposizione alle radiazioni sui tessuti viventi.[16] Nel 1971, 500 semi di albero (Pino, sicomoro, Liquidambar, Redwood, e Pseudotsuga menziesii) sono stati fatti volare intorno alla Luna sull'Apollo 14. Questi semi sono poi stati piantati sulla Terra dove non sono stati rilevati cambiamenti.

Piante[modifica | modifica wikitesto]

La lattuga a base di rucola Mizuna.

Nel 1982, l'equipaggio della stazione spaziale sovietica Salyut 7 condusse un esperimento, preparato da scienziati lituani (Alfonsas Merkys e altri), e ha coltivato alcune piante di Arabidopsis utilizzando il Fiton-3, una microserra sperimentale, diventando così le prime piante a fiorire e produrre semi nello spazio.[17][18] Un esperimento Skylab ha studiato gli effetti della gravità e della luce sulle piante di riso.[19][20] La "Serra spaziale" SVET-2, a bordo della stazione spaziale Mir, ha raggiunto con successo la crescita da seme a seme nel 1997.[3] Bion 5 portava la carota e Bion 7 portava il mais.

Dopo la Mir, la ricerca sulle piante è proseguita sulla Stazione Spaziale Internazionale. Sulla ISS Expedition 4 è stato utilizzato infatti il Sistema di Produzione di Biomassa (Biomass Production System). Il sistema di produzione vegetale (Veggie) è stato introdotto successivamente a bordo della ISS.[21] Le piante testate col Veggie prima di andare nello spazio includevano lattuga, bietole, ravanelli, cavoli cinesi e piselli.[22] La lattuga romana rossa è stata coltivata nello spazio durante la Expedition 40, che è stata raccolta a maturazione, congelata e testata sulla Terra. Il 10 agosto 2015 i membri della Expedition 44 sono diventati i primi astronauti americani a mangiare le piante coltivate nello spazio, quando è stata raccolta la loro coltivazione di Romaina rossa.[23] I cosmonauti russi invece, dal 2003, mangiano metà del loro raccolto, mentre l'altra metà è destinata a ricerche scientifiche.[24] Nel 2012, sotto la cura dell'astronauta della NASA Donald Pettit, è fiorito un girasole,[25] nel gennaio 2016, gli astronauti americani hanno annunciato la fioritura di una zinnia.[26]

Nel 2018 è stato testato l'esperimento Veggie-3 con cuscini e stuoie per radici.[27] Uno degli obiettivi è coltivare cibo per il consumo dell'equipaggio.[27] I raccolti testati includono cavoli, lattuga e mizuna.[27]

Piante terrestri cresciute nello spazio[modifica | modifica wikitesto]

Cultivar "Outredgeous" di lattuga rossa coltivata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Le piante che sono state coltivate nello spazio includono:

Alcune piante, come il tabacco e la gloria mattutina, non sono state coltivate direttamente nello spazio, ma sono state sottoposte ad ambienti spaziali e poi germogliate e coltivate sulla Terra.[38]

Piante per il supporto vitale nello spazio[modifica | modifica wikitesto]

La lattuga viene coltivata e raccolta nella Stazione Spaziale Internazionale prima di essere congelata e riportata sulla Terra.

Le alghe sono state i primi vegetali candidati per i sistemi di supporto vitale umano. Le prime ricerche degli anni '50 e '60 hanno riguardato Chlorella spp., Anacystis spp., Synechocystis spp., Scenedesmus spp., Synechococcus spp. e Spirulina per studiare come gli organismi fotosintetici potrebbero essere utilizzati per il ciclo di O2 e CO2 in sistemi chiusi.[39] Le ricerche successive attraverso il programma BIOS della Russia e il programma CELSS degli Stati Uniti hanno studiato l'utilizzo di piante più alte per svolgere il ruolo di regolatori atmosferici, riciclatori di rifiuti e cibo a sostegno delle missioni. I raccolti più generalmente studiati includono colture ricche di amido come grano, patate e riso; colture ricche di proteine come soia, arachidi e fagioli comuni, assieme a una serie di altre colture che migliorano la nutrizione come lattuga, fragola e cavolo.[40] I test per le condizioni ottimali di crescita in sistemi chiusi hanno implicato una ricerca sia sui parametri ambientali necessari per particolari colture (come i diversi periodi di luce per le colture a breve e a lunga giornata) sia sulle varietà più adatte alla produzione di sistemi di supporto vitale.

I test sulle piante per i sistemi di supporto alla vita umana nello spazio sono relativamente pochi rispetto a test simili eseguiti sulla Terra. I primi test sui sistemi di supporto vitale eseguiti nello spazio hanno incluso esperimenti di scambio gassoso con grano, patate e piante acquatiche (Spirodela polyrhiza). Progetti su piccola scala, a volte indicati come "macchine per insalata", sono stati utilizzati per fornire prodotti freschi agli astronauti come integratori alimentari.[39] Studi futuri sono stati pianificati per studiare gli effetti delle piante sul benessere mentale dell'uomo in ambienti confinati.[41]

Ricerche più recenti si sono concentrate sull'estrapolazione di questi sistemi di supporto vitale ad altri pianeti, principalmente basi marziane. I sistemi chiusi di interblocco denominati "biosfere modulari" sono stati prototipati per sostentare sulla superficie marziana equipaggi da quattro a cinque membri.[42] Questi accampamenti sono concepiti come serre e basi gonfiabili.[43] Si prevede di utilizzare il suolo marziano per il substrato di crescita e il trattamento delle acque reflue, e varietà vegetali sviluppate specificamente per la vita extraplanetaria.[44] Inoltre è stata discussa la possibilità di utilizzare la luna marziana Fobos come riserva idrica, potenzialmente estraendo acqua congelata e anidride carbonica dalla superficie ed eventualmente utilizzando crateri cavi come camere di crescita autonome che possono fornire raccolti durante le missioni minerarie.[43]

Ricerca sulle piante[modifica | modifica wikitesto]

Questo tipo di ricerca ha fornito informazioni utili ad altri settori della botanica e dell'orticoltura. Ampie ricerche sui sistemi idroponici sono state messe in campo con successo dalla NASA sia nei programmi CELSS e ALS, così come gli effetti dell'aumento del fotoperiodo e dell'intensità luminosa per varie specie vegetali.[39] La ricerca ha permesso inoltre di ottimizzare le rese al di là di quanto ottenuto in precedenza dai sistemi di coltivazione in serra. Lo studio intensivo dello scambio di gas e delle concentrazioni volatili delle piante in sistemi chiusi ha portato ad una maggiore comprensione della risposta delle piante a livelli estremi di gas come l'anidride carbonica e l'etilene. L'uso della tecnologia LED nei sistemi chiusi di supporto alla vita ha anche portato ad un maggiore uso dei LED nelle operazioni di coltivazione in serra.[45]

Esperimenti[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione di piante che crescono in un'ipotetica base di Marte.

Tra gli esperimenti che riguardano la botanica ci sono:

  • I satelliti Bion.
  • Il Sistema di produzione di biomassa, a bordo della ISS.
  • Il Vegetable Production System (Veggie), a bordo della ISS.[46]
  • Lo SVET.[3]
  • Lo SVET-2, a bordo del Mir.[3]
  • Lo ADVASC.
  • Il TAGES, a bordo dell'ISS.[47]
  • Il fototropismo della crescita/pianta, a bordo di Skylab.[19]
  • L'unità di crescita delle piante Oasis.[48]
  • La segnalazione di piante ( STS-135 ).[49]
  • L'esperimento di crescita delle piante ( STS-95 ).[50]
  • Lo studio della NASA sull'aria pulita.
  • L'ECOSTRESS, 2018.[51][52]

Risultati degli esperimenti[modifica | modifica wikitesto]

Una giovane pianta di girasole a bordo della ISS.[53]

Diversi esperimenti sono stati incentrati su come la crescita e la distribuzione delle piante si raffronta in condizioni spaziali di microgravità, rispetto alle condizioni sulla Terra. Questo permette agli scienziati di valutare se alcuni modelli di crescita delle piante sono innati o guidati dall'ambiente. Per esempio nel 1983, Allan H. Brown ha esaminato i movimenti delle piantine a bordo dello Space Shuttle Columbia rilevando movimenti delle piantine di girasole durante l'orbita. Ha notato che le piantine hanno continuato a percepire la crescita rotazionale e la circonnazione nonostante la mancanza di gravità, mostrando che questi comportamenti sono intrinseci.[54]

Altri esperimenti hanno dimostrato che le piante hanno la capacità di mostrare gravitropismo, anche in condizioni di bassa gravità. Per esempio, il sistema di coltivazione modulare[55] dell'ESA permette di sperimentare la crescita delle piante; agendo come una serra in miniatura, gli scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale possono studiare come le piante reagiscono in condizioni di gravità variabile. L'esperimento Gravi-1 (2008) ha utilizzato l'EMCS per studiare la crescita delle piantine di lenticchie e il movimento dell'amiloplasto sulle filiere dipendenti dal calcio.[56] I risultati di questo esperimento hanno dimostrato che le piante erano in grado di percepire la direzione di gravità anche a livelli molto bassi.[57] Un esperimento successivo con l'EMCS ha messo 768 piantine di lenticchie in una centrifuga per stimolare vari cambiamenti gravitazionali; questo esperimento, Gravi-2 (2014), ha dimostrato che le piante cambiano il segnale di calcio verso la crescita delle radici mentre sono coltivate in diversi livelli di gravità.[58]

Molti degli esperimenti hanno un approccio più generalizzato nell'osservare i modelli globali di crescita delle piante in contrapposizione ad uno specifico comportamento di crescita. Uno di questi esperimenti dell'Agenzia Spaziale Canadese, per esempio, ha scoperto che le piantine di abete bianco crescono in modo diverso nell'ambiente spaziale in assenza di gravità rispetto a quanto avviene sulla Terra;[59] le piantine nello spazio mostrano una maggiore crescita dei germogli e degli aghi, ed inoltre presentano anche una distribuzione casuale dell'amiloplasto rispetto a quella terrestre.[60]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

L'astrobotanica ha avuto diversi riconoscimenti nella letteratura fantascientifica e nel cinema.

  • Il libro e il film The Martian di Andy Weir sottolinea l'eroica sopravvivenza del botanico Mark Watney, che usa il suo background orticulturale per coltivare patate mentre si trova intrappolato su Marte.[61]
  • Il film Avatar presenta un esobiologo, la dottoressa Grace Augustine, che ha scritto il primo testo astrobotanico sulla flora di Pandora.[62]
  • Proteus Unbound di Charles Sheffield menziona l'uso di alghe sospese in un gigantesco "pianeta" cavo come biocarburante, creando un sistema energetico chiuso.[63]
  • Nel film Silent Running è implicito che, in futuro, tutta la vita vegetale sulla Terra si sia estinta. Il maggior numero possibile di specie è stato conservato in una serie di enormi cupole geodetiche simili a serre, collegate a una grande astronave chiamata "Valley Forge", che fa parte di una flotta di navi spaziali dell'American Airlines, appena fuori dall'orbita di Saturno. Il film è memorabile sia per il design del veicolo spaziale che per i tre robot, Huey, Dewey e Louie . IMDb Silent Running (1972) è stato recensito con un voto di 6.7/10 e afferma che il suo budget era solo di 1 milione di dollari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NASA - Growing Plants and Vegetables in a Space Garden, su nasa.gov.
  2. ^ NASA - Plants in Space, su nasa.gov.
  3. ^ a b c d e T.Ivanova, et al. - First Successful Space Seed-to-Seed Plant Growth Experiment in the SVET-2 Space Greenhouse in 1997 (PDF), su space.bas.bg.
  4. ^ Federico Maggi e Céline Pallud, Space agriculture in micro- and hypo-gravity: A comparative study of soil hydraulics and biogeochemistry in a cropping unit on Earth, Mars, the Moon and the space station, in Planetary and Space Science, vol. 58, 14–15, 2010, pp. 1996–2007, DOI:10.1016/j.pss.2010.09.025.
  5. ^ Federico Maggi e Céline Pallud, Martian base agriculture: The effect of low gravity on water flow, nutrient cycles, and microbial biomass dynamics, in Advances in Space Research, vol. 46, n. 10, 2010, pp. 1257–1265, DOI:10.1016/j.asr.2010.07.012.
  6. ^ Federico Maggi e Céline Pallud, Space agriculture in micro- and hypo-gravity: A comparative study of soil hydraulics and biogeochemistry in a cropping unit on Earth, Mars, the Moon and the space station, in Planetary and Space Science, vol. 58, 14–15, 2010, pp. 1996–2007, DOI:10.1016/j.pss.2010.09.025.
  7. ^ Kristine Rainey, Crew Members Sample Leafy Greens Grown on Space Station, su NASA, 7 agosto 2015. URL consultato il 23 gennaio 2016.
  8. ^ F. J. Ballesteros, A. Fernandez-Soto e V. J. Martinez, Title: Diving into Exoplanets: Are Water Seas the Most Common?, in Astrobiology, 2019, DOI:10.1089/ast.2017.1720.
  9. ^ S. Seager, E.l. Turner, J. Schafer e E.b. Ford, Vegetation's Red Edge: A Possible Spectroscopic Biosignature of Extraterrestrial Plants, in Astrobiology, vol. 5, n. 3, 1º giugno 2005, pp. 372–390, Bibcode:2005AsBio...5..372S, DOI:10.1089/ast.2005.5.372, ISSN 1531-1074 (WC · ACNP), PMID 15941381, arXiv:astro-ph/0503302.
  10. ^ (EN) Sanjay S. Limaye, Rakesh Mogul, David J. Smith, Arif H. Ansari, Grzegorz P. Słowik e Parag Vaishampayan, Venus' Spectral Signatures and the Potential for Life in the Clouds, in Astrobiology, vol. 18, n. 9, 30 marzo 2018, pp. 1181–1198, DOI:10.1089/ast.2017.1783, PMC 6150942, PMID 29600875.
  11. ^ Exoplanet Archive Planet Counts, su exoplanetarchive.ipac.caltech.edu. URL consultato l'8 aprile 2018.
  12. ^ http://astrobotany.com/plants-and-spaceflight/ | Challenges of Growing Plants in Space
  13. ^ Huasheng Li, Jinying Lu, Hui Zhao, Qiao Sun, Futong Yu, Yi Pan, Yu Chen, Liang Su e Min Liu, The impact of space environment on gene expression in Arabidopsis thaliana seedlings, in Science China Technological Sciences, vol. 60, n. 6, 2017, pp. 902–910, DOI:10.1007/s11431-016-0232-7.
  14. ^ https://www.degruyter.com/downloadpdf/j/opag.2017.2.issue-1/opag-2017-0002/opag-2017-0002.pdf | Agriculture for Space: People and Places Paving the Way
  15. ^ Briot, Danielle, The Creator of Astrobotany, Gavriil Adrianovich Tikhov, in Astrobiology, History, and Society, Advances in Astrobiology and Biogeophysics, 2013, p. 175, Bibcode:2013ahs..book..175B, DOI:10.1007/978-3-642-35983-5_8, ISBN 978-3-642-35982-8. | The Creator of Astrobotany, Gavriil Adrianovich Tikhov
  16. ^ Beischer, DE e Fregly, AR, Animals and man in space. A chronology and annotated bibliography through the year 1960, in US Naval School of Aviation Medicine, ONR TR ACR-64, AD0272581, 1962. URL consultato il 14 giugno 2011 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2015).
  17. ^ First species of plant to flower in space, su guinnessworldrecords.com. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  18. ^ No NASA, These Are Not The First Plants To Flower In Space, su nasawatch.com. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  19. ^ a b Plant Growth/Plant Phototropism - Skylab Student Experiment ED-61/62, su mix.msfc.nasa.gov. URL consultato il 9 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2014).
  20. ^ NASA SP-401 - Chapter 5, su history.nasa.gov.
  21. ^ NASA - VEGGIE, su nasa.gov. URL consultato il 29 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2018).
  22. ^ NASA - Station Investigation to Test Fresh Food Experience, su nasa.gov.
  23. ^ Why Salad in Space Matters, su time.com., Jeffrey Kluger, Time, 10 August 2015
  24. ^ Joe Bauman, USU EXPERIMENT FEEDS ASTRONAUTS' MINDS, TASTE BUDS, su sdl.usu.edu, Deseret News, Space Dynamics Laboratory, 16 giugno 2003. URL consultato il 29 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2019).
  25. ^ June 17–26 – Diary of a Space Zucchini, su blogs.nasa.gov. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  26. ^ Behold the first flower to bloom in space, a cheerful zinnia, su cnet.com., Cnet, 18 January 2016
  27. ^ a b c NASA Space Station On-Orbit Status 6 February 2018 - Celebrating 10 Years of ESA's Columbus Module - SpaceRef, su spaceref.com. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  28. ^ (EN) NASA Administrator, Getting to The Root of Plant Growth Aboard The Space Station, in NASA, 7 giugno 2013. URL consultato l'8 aprile 2018.
  29. ^ a b c d e (EN) Growing Pains, in Air & Space Magazine. URL consultato l'8 aprile 2018.
  30. ^ (EN) Anna Heiney, Cabbage Patch: Fifth Crop Harvested Aboard Space Station, in NASA, 17 febbraio 2017. URL consultato l'8 aprile 2018.
  31. ^ NASA - A Plant Growth Chamber, su nasa.gov. URL consultato l'8 aprile 2018.
  32. ^ NASA Space Station On-Orbit Status 6 February 2018 - Celebrating 10 Years of ESA's Columbus Module - SpaceRef, su spaceref.com. URL consultato l'8 aprile 2018.
  33. ^ (EN) ISS space flowers may need some help from 'Martian', in Florida Today. URL consultato l'8 aprile 2018.
  34. ^ (EN) 'Outredgeous' Red Romaine Lettuce, Grown Aboard The International Space Station, To Be Taste-Tested By Astronauts, in Medical Daily, 10 agosto 2015. URL consultato l'8 aprile 2018.
  35. ^ Photo-iss038e000734, su spaceflight.nasa.gov. URL consultato l'8 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2019).
  36. ^ Mari L. Salmi e Stanley J. Roux, Gene expression changes induced by space flight in single-cells of the fern Ceratopteris richardii, in Planta, vol. 229, n. 1, dicembre 2008, pp. 151–159, DOI:10.1007/s00425-008-0817-y, PMID 18807069.
  37. ^ (EN) 'NASA Science to Return to Earth aboard SpaceX Dragon Spacecraft, in NASA, 1º maggio 2018. URL consultato l'8 maggio 2018.
  38. ^ David Tepfer e Sydney Leach, Survival and DNA Damage in Plant Seeds Exposed for 558 and 682 Days outside the International Space Station, in Astrobiology, vol. 17, n. 3, 2017, pp. 205–215, Bibcode:2017AsBio..17..205T, DOI:10.1089/ast.2015.1457, PMID 28263676.
  39. ^ a b c Ray Wheeler, Plants for human life support in space: From Myers to Mars, in Gravitational and Space Biology, vol. 23, 1º gennaio 2011.
  40. ^ Ray Wheeler e John Sager, Crop Production for Advanced Life Support Systems, in Technical Reports, 8 aprile 2018.
  41. ^ Poulet, Lucie, Demonstration test of electrical lighting systems for plant growth in HI-SEAS analog mars habitat, su elib.dlr.de, 2014. URL consultato l'8 aprile 2018.
  42. ^ (EN) S Silverstone, M Nelson e A Alling, Development and research program for a soil-based bioregenerative agriculture system to feed a four person crew at a Mars base, in Advances in Space Research, vol. 31, n. 1, 1º gennaio 2003, pp. 69–75, Bibcode:2003AdSpR..31...69S, DOI:10.1016/S0273-1177(02)00661-0.
  43. ^ a b R.M. Wheeler, Mars Greenhouses: Concepts and Challenges (PDF), NASA, 2000.
  44. ^ (EN) M Nelson, A Alling e W. F Dempster, Advantages of using subsurface flow constructed wetlands for wastewater treatment in space applications: Ground-based mars base prototype, in Advances in Space Research, vol. 31, n. 7, 1º gennaio 2003, pp. 1799–1804, Bibcode:2003AdSpR..31.1799N, DOI:10.1016/S0273-1177(03)00013-9.
  45. ^ (EN) Robert C. Morrow, LED Lighting in Horticulture, in HortScience, vol. 43, n. 7, 1º dicembre 2008, pp. 1947–1950.
  46. ^ NASA - Station Investigation to Test Fresh Food Experience, su nasa.gov. URL consultato il 23 gennaio 2016.
  47. ^ Glow-in-the-Dark Plants on the ISS, su science.nasa.gov.
  48. ^ Encyclopedia Astronautica Salyut 7, su astronautix.com.
  49. ^ Plant Signaling (STS-135), su spacebiosciences.arc.nasa.gov (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2013).
  50. ^ Shimazu T, Aizawa S, STS-95 Space Experiments (plants and cell biology), in Biol Sci Space, vol. 13, n. 1, 1999, pp. 25–32, DOI:10.2187/bss.13.25, PMID 11542477.
  51. ^ NASA's New Space 'Botanist' Arrives at Launch Site, su jpl.nasa.gov.. NASA. 17 April 2018.
  52. ^ ECOSTRESS, su ecostress.jpl.nasa.gov. - Home web site at NASA.
  53. ^ SS038-E-000734 (13 Nov. 2013), su spaceflight.nasa.gov. URL consultato il 29 giugno 2019 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2016).
  54. ^ Daniel Chamovitz, What a plant knows : a field guide to the senses, 1stª ed., New York, Scientific American/Farrar, Straus and Giroux, 2012, ISBN 978-0-374-28873-0.
  55. ^ Ann-Iren Kittang Jost, Takayuki Hoson e Tor-Henning Iversen, The Utilization of Plant Facilities on the International Space Station—The Composition, Growth, and Development of Plant Cell Walls under Microgravity Conditions, in Plants, vol. 4, n. 1, 20 gennaio 2015, pp. 44–62, DOI:10.3390/plants4010044, ISSN 2223-7747 (WC · ACNP), PMC 4844336, PMID 27135317.
  56. ^ Dominique Driss-Ecole, Valérie Legué, Eugénie Carnero-Diaz e Gérald Perbal, Gravisensitivity and automorphogenesis of lentil seedling roots grown on board the International Space Station, in Physiologia Plantarum, vol. 134, n. 1, 1º settembre 2008, pp. 191–201, DOI:10.1111/j.1399-3054.2008.01121.x, ISSN 1399-3054 (WC · ACNP), PMID 18429941.
  57. ^ Scientific objectives, su Plants in space: GRAVI-2 experiment, 28 marzo 2014.
  58. ^ A decade of plant biology in space, su phys.org, European Space Agency.
  59. ^ NASA - Advanced Plant Experiment - Canadian Space Agency 2, su nasa.gov.
  60. ^ Danny Rioux, Marie Lagacé, Luchino Y. Cohen e Jean Beaulieu, Variation in stem morphology and movement of amyloplasts in white spruce grown in the weightless environment of the International Space Station, in Life Sciences in Space Research, vol. 4, 1º gennaio 2015, pp. 67–78, Bibcode:2015LSSR....4...67R, DOI:10.1016/j.lssr.2015.01.004, PMID 26177622.
  61. ^ Andy Weir, The Martian, New York, NY, Crown Publishing, 2014, ISBN 978-0-553-41802-6.
  62. ^ Cameron, James, Director. Avatar. Produced by James Cameron and Jon Landau, 20th Century Fox, 2009. Accessed 18 Mar. 2018.
  63. ^ Charles Sheffield, Proteus Unbound, New York, NY, Random House Publishing Group, 1989, ISBN 978-0-345-34434-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Vista interna di un habitat spaziale cilindrico O'Neill, che mostra alternanza di strisce di terra e finestre.
  • Biolab (Payload rack sul laboratorio Columbus della Stazione Spaziale Internazionale)
  • Bion
  • Biopan
  • Programma biosatellite (serie di satelliti e esperimenti di biologia spaziale)
  • Endolite (microrganismi longevi che vivono all'interno di rocce)
  • ESPOSIZIONE (esperimento ISS che ha testato organismi in LEO)
  • Elenco di microrganismi testati nello spazio
  • Albero della luna (alberi cresciuti da semi volanti)
  • O / OREOS (orbitato Halorubrum chaoviatoris e Bacillus subtilis )
  • Cibo spaziale
  • Terraformazione
  • Sopravvissuto - The Martian, un film americano di fantascienza del 2015 in cui le patate crescono su Marte
  • Astro-impianto: http://astro-plant.de.tl
  • Astrobotany.com: https://astrobotany.com